Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

MG MGF

Pro
  • Spazio
  • Guida
Contro
  • Motori
  • Pericolosità

MG MGF: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Dopo anni di assenza sul mercato con modelli davvero sportivi e iconici, nei primi anni ’90 il Gruppo Rover, libero finalmente dal disastro British Leyland e pronto ad offrire vetture più coraggiose e ricercate, mise in cantiere il prototipo di una piccola spider sportiva che riprendesse i successi delle mitiche MG A, MG B e delle piccole Midget. Dopo diverse proposte, a vincere fu forse l’opzione più coraggiosa. I vertici Rover scelsero infatti una piccola sportiva compatta con motore centrale e trazione posteriore, la prima vettura inglese a sfruttare questo particolare schema meccanico. Fu così che nel 1995 nacque la MG MGF, sostituita poi nel 2002 dalla riveduta e corretta MG TF.  Continua a leggere

Modelli alternativi

Convinta ad abbandonare la meccanica di origine Honda e la produzione di copie delle vetture, affidabili ma poco personali, della Casa giapponese, il Gruppo Rover lanciò come terzo modello come parte del Gruppo BMW una sportiva tipicamente inglese, con uno stile elegante, motori potenti e vivaci ma mai esagerati e un buon rapporto tra sportività e comfort. Dopo l’apprezzata MGF, però, nel 2002 MG (ormai già fuori dal Gruppo BMW dal lontano 1999) modernizzò la sua sportiva con l’uscita della MG TF.

Ridisegnata da Peter Stevens, la stessa matita della Lotus Elan M100, su MGF arrivò un nuovo frontale, molto più moderno e aggressivo, nuovi interni, una coda ridisegnata e l’abbandono delle valide ma complicatissime sospensioni pneumatiche Hydragas. Elegante, piuttosto spaziosa ma con grandi limiti, MG MGF è stata prodotta per l’Europa dal 1995 al 2002. Offerta a prezzi di saldo, MG MGF è allettante per la meccanica da sportiva vera e per lo stile riuscito: ma è davvero un’auto su cui puntare?

Scopriamo dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di MG MGF.

Dimensioni MG MGF

Le dimensioni della MG MGF sono:

  • lunghezza 3,91 metri
  • larghezza 1,63 metri
  • altezza 1,26 metri
  • passo 2,37 metri

A livello estetico, MG MGF riprende l’inconfondibile stile da sportiva con motore centrale, che si videro anche nella sostituta, la MG TF moderne e sportive le linee di posteriore e soprattutto anteriore. Il frontale è ora infatti dominato da una calandra a punta dov’è presente una presa d’aria con un corpo centrale che ospita il logo MG, mentre ai lati si sviluppa una piccola mascherina sportiva ed elegante. In basso, invece, troviamo una presa d’aria ovale con i fendinebbia di serie, mentre i proiettori hanno una forma decisamente più moderna e offrono un design ovale. Il lungo cofano, che nasconde gran parte dei servizi, porta poi lo sguardo lateralmente, dove si nota un abitacolo non proprio risicato, un passo relativamente corto e una coda molto lunga e piatta.

Qui si nascondono infatti i motori K-Series che spingono la MGF: indizi che portano alla loro individuazione sono le prese d’aria laterali dietro alle lunghe porte e le feritoie sul cofano in corrispondenza del motore. Davvero riusciti, poi, i cerchi da 17 con disegno che ricorda i Minilite di gran moda sulle sportive degli anni ’60 e ’70, mentre in coda troviamo un paraurti con una grande presa d’aria che ospita i due scarichi sdoppiati, due fari posteriori ridisegnati e anche il vano bagagli. Si perché su MG MGF il bagagliaio non è anteriore, ma posto dietro al motore centrale. Concludendo con le dimensioni di MG MGF, infatti, troviamo un vano di carico decisamente capiente, con 210 litri di capacità.

Interni MG MGF

Gli interni di MG MGF risentono di numerose critiche che si ritrovarono anche sulla versione successiva TF, nonostante MG Rover avesse cercato di correre ai ripari. Per molti, infatti, gli interni di MF erano poco inglesi, con tanta plastica rigida e uno stile che ricordava più le vetture asiatiche che le mitiche MG di una volta. Non troviamo, infatti, inserti in radica, soluzioni estetiche originali o una plancia rivoluzionaria, bensì una consolle centrale pulita e rigorosa, una plancia rivestita in plastica scura e un quadro strumenti con indicatori chiari e ben leggibili ma non proprio retrò.

Certo, negli interni di MG MGF non manca nulla grazie alla presenza di serie di vetri elettrici, radio e riscaldamento e, a richiesta, di sedili riscaldati e del rarissimo navigatore, ma per chi cercava uno stile British anche all’interno c’è da rimanere delusi. In più, MG MGF ha una posizione di guida un po’ rialzata, che fa storcere il naso a chi cercasse una sportiva dura e pura, mentre lo spazio a bordo è più che buono, con tanto spazio a disposizione per i due occupanti. A richiesta si potevano avere rivestimenti in pelle per i sedili, il bel volante che ricorda quelli a calice di una volta e persino per la plancia, andando a vivacizzare un ambiente ergonomico ma un po’ poco gioioso per essere su una sportiva. Infine, sebbene lo stile sia da sportiva giapponese, la qualità è ben lontana dagli standard nipponici.

Motori MG MGF

Arriviamo così a parlare della gamma motori di MG MGF, uno dei più grandi limiti di questa vettura. La meccanica, infatti, è sofisticata e interessante. Sospensioni indipendenti sulle quattro ruote, motore centrale, trazione posteriore. Dopo l’esperimento con le sospensioni idrauliche Hydragas, da decenni portate avanti da Rover ed MG ma senza mai regalare grande affidabilità, con modifiche a sterzo, assetto e ripartizione dei pesi per garantire una guidabilità migliore di quella della precedente MG RV8. A cambiare, però, sono stati i motori di MG MGF, facenti tutti parte di una delle famiglie col maggior potenziale inespresso mai create: i Rover Serie K.

Questi propulsori sono noti a tutti gli appassionati per l’enorme problema costruttivo a livello di guarnizione della testa. I Rover K-Series sono infatti dotati di un particolarissimo sistema di raffreddamento che, unito ad una errata posizione delle viti prigioniere, creava enormi sbalzi di temperatura che, a lungo andare, distruggevano le guarnizioni della testa usate di serie su questi motori, di qualità inferiore a quella deliberata dai progettisti per mero contenimento dei costi. Sebbene risolvibile con componenti di maggiore qualità, la nomea di questi motori ha rovinato diversi modelli Rover e la reputazione dei Serie K, che oltre a questo problema si rivelano motori eccezionali.

Leggeri, potenti e dotati di una gran voglia di girare in alto, su MG MGF i Serie K utilizzati sono il 1.6 da 115 CV, e il 1.8 1.8 con 135 CV o, per la versione con fasatura variabile VVC, ben 160 CV, numeri eccellenti per un semplice motore aspirato. Il 1.8 era offerto infine anche in versione da 120 CV con cambio automatico CVT, la Stepspeed.

Motori MG MGF

Benzina

  • 1.6, 115 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione posteriore
  • 1.8, 120 CV, cambio automatico CVT, trazione posteriore
  • 1.8, 135 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione posteriore
  • 1.8, 160 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione posteriore

Prezzi MG MGF

Il listino prezzi di MG MGF quando la vettura era nuova nei concessionari MG e Rover era davvero concorrenziali, soprattutto considerando lo schema meccanico da vera sportiva. La versione d’attacco di MG MGF, la 1.6 115, partiva infatti da poco più di 18.000 euro, un bel prezzo considerando che di serie troviamo radio, vetri elettrici e i cerchi in lega da 15 pollici. Stupisce, invece, la presenza solo in opzione del climatizzatore, mentre tra gli optional trovano posto gli iconici cerchi in lega da 16” in stile Minilite, gli interni in pelle o Alcantara, l’Hard Top, il frangivento e i dettagli interni in legno, carbonio o alluminio. Al top della gamma sedeva la 1.8 VVC 160, offerta a 25.230 euro.

Ma oggi, invece, quali sono i prezzi di MG MGF? Per diversi anni, le MGF sono passate di mano a cifre comprese tra i 1.500 e i 3.500 euro, anche per le potenti 1.8 VVC. Oggi, però, sono cambiate parecchie cose: se la più inaffidabile MG MGF è ancora acquistabile sotto i 4.000 euro, con prezzi che partono da almeno 3.500 euro per le tranquille 1.6 da 115 CV, ma con prezzi che arrivano anche a 5.500 euro. Le MG MGF 135, invece, partono addirittura da poco meno di 8.000 euro, con le rarissime MGF VVC che superano quota 10.000 euro.

MG MGF: concorrenti e conclusioni

Ma ha senso spendere quasi 10.000 euro per una MG MGF? La scoperta inglese ha parecchie frecce al suo arco. Lo stile è senza dubbio riuscito e molto apprezzato della MG MGF, gli interni sono funzionali e spaziosi e la meccanica è da vettura sportiva di primo livello. Proprio la presenza del motore centrale ha impreziosito MGF, che oggi strappa quotazioni davvero importanti proprio per la sua particolarità tecnica, ma non solo. MG MGF è una sportiva con un bel carattere alla guida data dagli eccellenti ma inaffidabili motori Serie K e dalla meccanica con trazione posteriore e motore centrale. La guida diventa molto impegnativa, e solo i guidatori più capaci ed esperti possono portarla al limite senza farsi mordere.

Gli interni un po’ dimessi e i noti problemi di affidabilità del Rover Serie K potrebbero far propendere per una risposta negativa all’acquisto. MG MGF ha però una bella dose di carisma, è comoda e spaziosa nonostante la meccanica e le dimensioni, è piacevole da guidare e, se trattati a dovere, i motori Serie K sono potenti, vivaci e capaci di ottimi consumi. Certo, oggi non costano più poco, ma per una piccola scoperta da usare per delle scampagnate in dolce compagnia, una piccola 1.6 da 115 CV può offrire il punto d’ingresso al mondo delle sportive a motore centrale. Concludiamo, come di consueto, con le concorrenti di MG MGF. La più simile per schema meccanico, prestazioni e prezzi è la Toyota MR-2 di seconda generazione, prodotta tra il 1999 e il 2007, mentre non vanno dimenticate la FIAT Barchetta, l’Alfa Romeo Spider 916 e la vera vettura da battere di questo segmento, la Mazda MX-5.

FAQ

Quante MG MG sono state prodotte?

Tra il 1995 e il 2002 sono state prodotte poco meno di 78.000 esemplari di MG MGF.

Che motore monta la MG MGF?

MG MGF è stata prodotta unicamente con motori quattro cilindri aspirati della famiglia Rover Serie K: alla base della gamma c’è un 1.6 da 115 CV, mentre al top troviamo un 1.8 aspirato da 120 CV (accoppiato ad un cambio automatico CVT), 135 o ben 160 CV nel caso della 1.8 VVC con fasatura variabile.

Quando è stata prodotta la MG MGF?

MG MGF è stata prodotta inizialmente tra il 1995 e il 2002, quando la produzione si interruppe per far spazio alla sostituta, ovvero l’MG TF.

Recensioni dei veicoli MG MGF

5 Recensioni

4,2