Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Citroen C4 Picasso

Pro
  • Interni spaziosi, comodi e tecnologici
  • Finiture ottime
Contro
  • Lunotto piccolo
  • Comandi al volante e del clima scomodi

Citroen C4 Picasso: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Nata Picasso, ha salutato tutti come SpaceTourer: stiamo parlando della Citroen C4 Picasso, una delle ultime monovolume medie ad essere rimaste sul mercato fino a non troppo tempo fa. La versione a passo corto, infatti, è arrivata fino al 2021, mentre la più grande Grand Tourer (ex C4 Grand Picasso) è stata proposta dalla Casa francese fino al 2022. Il merito di questa longevità è di uno stile davvero riuscito, che nonostante abbia accolto qualche critica nel corso degli anni è stato apprezzato fino alle ultime battute della loro carriera, nonché di un comfort e di una praticità davvero encomiabili. Continua a leggere

Modelli alternativi

Ma perché non si sono più chiamate Picasso? Citroen ha sborsato circa 20 milioni di euro tra il 1999 e il 2018 per affiancare alle sue monovolume il nome del mitico pittore spagnolo: dopo 20 anni, però, gli eredi di Pablo Picasso non hanno abbassato le pretese, e così Citroen ha deciso di dare un taglio col suo passato, visto anche il declino dei monovolume. Nonostante il cambio di nome, comunque, la Citroen C4 Picasso di seconda generazione, lanciata nel 2013, è stata ed è tutt’oggi una delle vetture medie più spaziose, confortevoli e versatili in circolazione. Non mancano poi un abitacolo spazioso, originale e ben dotato e una guidabilità comoda e rilassante, che fanno di C4 Picasso/SpaceTourer un’auto perfetta per chi vuole spazio, comfort e un pizzico di folle originalità francese.

Scopriamo allora dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di Citroen C4 Picasso, o SpaceTourer, di seconda generazione.

Dimensioni Citroen C4 Picasso

Le dimensioni della Citroen C4 Picasso sono:

  • lunghezza 4,44 metri
  • larghezza 1,83 metri
  • altezza 1,63 metri
  • passo 2,79 metri

Lo stile della seconda generazione di Citroen C4 Picasso è stato curato da Jean-Pierre Ploué, oggi responsabile del Centro Stile Lancia. Con la monovolume media francese, Ploué ha deciso di realizzare una vettura molto più personale e originale del passato, onorando il nome sul paraurti posteriore. Il frontale di C4 Picasso è infatti molto personale, con i fari su due livelli (luci diurne e frecce in alto, e corpo centrale più in basso), una piccola calandra con il logo del Double Chevron al centro del frontale e una grande presa d’aria in basso. Lateralmente, si nota l’andamento tondeggiante della vettura, con un’unica linea che parte dal paraurti anteriore e arriva fino in coda in pieno stile Monovolume. C4 Picasso, però, movimenta queste linee poco ispirate con dei passaruota molto bombarti, un taglio laterale dominato da un passo lunghissimo di 2,79 metri e solcato da una finitura orizzontale nella parte bassa delle portiere.

A stupire ci pensano poi il montante anteriore separato con al centro un grande finestrino triangolare, le enormi superfici vetrate impreziosite da una finitura cromata e un montante posteriore di nuovo tagliato e “riempito” con un piccolo finestrino, una soluzione che aiuta la visibilità e che, unita ai montanti verniciati in nero lucido, fanno sembrare il tetto flottante. In coda, Citroen C4 Picasso non rinuncia ad un’estetica molto tondeggiante, enfatizzata da un lunotto piuttosto inclinato e da un portellone che incorpora al suo interno gli enormi fari posteriori, che salgono insieme al portellone aprendolo. Il lunotto inclinato e lo spoiler superiore regalano uno stile piuttosto sportivo alla monovolume francese, che però non dimentica la praticità. Concludendo con le dimensioni di Citroen C4 Picasso, infatti, il bagagliaio è davvero capiente con una capacità minima di 630 litri, che arriva a 1.709 abbattendo il comodo divano posteriore.

Interni Citroen C4 Picasso

Gli interni di Citroen C4 Picasso sono molto puliti ed eleganti, e giocano sull’unione di dettagli retrò e altri più moderni. La plancia, ad esempio, è molto pulita ed elegante, con pochissimi tasti e comandi fisici, e con un andamento orizzontale che ricorda alcune Citroen del passato e allo stesso tempo aumenta la sensazione di spazio. I materiali sono decisamente buoni, con plastiche morbide e colorate un po’ dappertutto. Dietro al grande volante pieno di comandi, però, non troviamo un quadro strumenti. nIl cruscotto è infatti completamente digitale, misura 12 pollici ed è spostato al centro della plancia, nella parte alta: dotato di un’ottima risoluzione, può anche ospitare le nostre foto preferite caricate con una chiavetta USB.

Poco più in basso troviamo un secondo schermo, da 7 pollici touch, dal quale si comanda non solo il sistema multimediale (dotato anche di Apple CarPlay e Android Auto), ma anche dei comandi touch del clima. Si tratta di una soluzione che pulisce la plancia, ma che toglie molta praticità all’utilizzo in marcia del sistema. Scegliendo una vettura con il cambio automatico, poi, il tunnel centrale è molto più compatto e piccolo, e nasconde diversi vani portaoggetti. La leva del cambio si sposta infatti sul piantone dello sterzo, come su diverse Citroen d’epoca, dando agli interni di Citroen C4 Picasso un look più raffinato ed elegante. Concludendo sugli interni di Citroen C4 Picasso (o SpaceTourer), l’abitacolo è molto spazioso sia davanti che, soprattutto, dietro.

citroen-c4-picasso-interior citroen-c4-picasso-seats

Motori Citroen C4 Picasso

La gamma motori di Citroen C4 Picasso è molto simile a quella vista sulle coeve Peugeot 308 e su altri modelli dell’ex-gruppo PSA. Sotto la carrozzeria molto particolare, infatti, C4 Picasso è stata la vettura che ha portato al debutto la piattaforma modulare EMP2, usata poi su modelli medio-grandi del Gruppo come C5 Aircross, Peugeot 3008 e la nuova 308, ma anche su vetture più grandi come DS 9 o Peugeot 508. Troviamo quindi una piattaforma in grado di regalare un importante piacere di guida, e la presenza di motori parchi e quasi tutti turbocompressi. L’unico motore aspirato offerto su C4 Picasso è stato infatti il 1.6 VTi da 120 CV, sostituito dopo poco tempo dagli apprezzati 1.2 tre cilindri turbo THP da 110 o 130 CV. Continuando con la gamma a benzina, C4 Picasso è stata offerta anche con il famigerato 1.6 THP Prince, che però già nella sua versione d’accesso con 156 CV era nettamente più affidabile che in passato.

Tutti i problemi si sono poi risolti con la versione da 165 CV, potente, parca e affidabile. La versione a passo lungo di C4 Picasso, la Grand C4 Picasso, poteva offrire fino a 180 CV con lo stesso motore. Cruciale per una vettura dedicata ai viaggi, la gamma motori di Citroen C4 Picasso offre tanti motori Diesel, a cominciare dal piccolo 1.6 HDi offerto con 92, 115 o 120 CV, e successivamente con 100 CV in versione BlueHDI. Nel 2018 è stato poi sostituito dal più piccolo ma più potente 1.5 BlueHDi, capace di 130 CV. Al top della gamma a gasolio di C4 Picasso/SpaceTourer troviamo infine un vigoroso 2.0 BlueHDi, capace di 150 o 163 CV. Disponibile unicamente a trazione anteriore, C4 Picasso è disponibile sia con cambio manuale, sempre a sei marce, oppure con tre trasmissioni automatiche: la CMP-6 manuale-robotizzata a sei rapporti offerta sui primi HDi, un più classico automatico EAT6 a 6 marce disponibile sul 1.6 BlueHDi e sul 1.6 THP da 165 e infine un veloce 8 rapporti EAT8 disponibile per il 2.0 BlueHDi.

Motori Citroen C4 Picasso

Benzina

  • 1.2 THP, 1.2 tre cilindri turbo, 110 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 1.2 THP, 1.2 tre cilindri turbo, 130 CV, cambio manuale a 6 marce o aut. a 8 marce, trazione anteriore
  • 1.6 VTi, 1.6 quattro cilindri aspirato, 120 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.6 THP, 1.6 quattro cilindri turbo, 156 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 1.6 THP, 1.6 quattro cilindri turbo, 165 CV, cambio automatico a 6 marce, trazione anteriore

Diesel

  • 1.5 BlueHDi, 1.5 quattro cilindri turbo, 130 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 1.6 e-HDi, 1.6 quattro cilindri turbodiesel, 92 CV, c. man. a 5 marce o aut. robotizz. a 6 m., traz. ant.
  • 1.6 BlueHDi, 1.6 quattro cilindri turbodiesel, 100 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 1.6 e-HDi 115, 1.6 quattro cilindri turbodiesel, 115 CV, c. man. a 6 m. o aut. robotizz. a 6 m., traz. ant.
  • 1.6 e-HDi 120, 1.6 quattro cilindri turbodiesel, 120 CV, c. manuale a 6 m. o aut. a 6 m., traz. anteriore
  • 1.6 BlueHDi, 1.6 quattro cilindri turbodiesel, 120 CV, c. manuale a 6 m. o aut. a 6 m., traz. anteriore 2.0 BlueHDi, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 150 CV, c. man. a 6 m. o aut. a 8 marce, traz. anteriore
  • 2.0 BlueHDi, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 163 CV, cambio automatico a 8 marce, traz. anteriore

Prezzi Citroen C4 Picasso

Al lancio, il listino prezzi di Citroen C4 Picasso partiva da circa 23.000 euro: questo era il prezzo richiesto per una 1.6 VTi da 120 CV in allestimento Attraction d’accesso, già abbastanza accessoriato: di serie, infatti, troviamo già lo schermo digitale da 7 pollici al centro della plancia, che ospita i comandi del clima bizona, il sistema multimediale nonché il tasto di accensione poco distante. Anche il quadro strumenti è sempre digitale, con schermo monocromatico sulla versione base e a colori con schermo da 12,3 pollici già dalle versioni poco più curate, e non mancano Cruise Control e sedili posteriori singoli. Le versioni più accessoriate aggiungono fari Full LED, Cruise Control Adattivo, sensore per l’angolo cieco, sedili posteriori scorrevoli, cerchi in lega fino a 18 pollici e, a richiesta, tetto in vetro, guida autonoma di Livello 2 e interni in pelle completa.

Ma oggi, quali sono i prezzi per una Citroen C4 Picasso? La vettura è stata prodotta fino a pochi mesi fa, ma è stata lanciata nove anni fa, nel 2013: per questo, c’è un’importante discrepanza tra i prezzi dei primi esemplari e quelli delle ultime C4 prodotte. Le più abbordabili sono le 1.6 e-HDi da 115 CV, dotate del giusto rapporto tra prestazioni e consumi. Le versioni più chilometrate partono da 8.500 euro, mentre per una C4 Picasso Diesel Euro 5B con pochi km, un allestimento ricco come l’Intensive o il top di gamma Exclusive servono tra i 10 e i 14.000 euro. Diventano poi molto interessanti le 2.0 BlueHDi, dotate di omologazione Euro 6, ottime prestazioni e solitamente offerte con i migliori allestimenti. Per un esemplare dei primi anni di produzione servono almeno 13.000 euro, mentre una C4 già SpaceTourer con il 2.0 da 163 CV servono almeno 21.000 euro. Tra le SpaceTourer, poi, attenzione alle 1.2 turbobenzina, prive di blocchi e molto leggere, offerte a partire da 20.000 euro con meno di 20.000 km.

Citroen C4 Picasso: concorrenti e conclusioni

Nonostante non siano più molto di moda, le monovolume medie hanno ancora tanto da offrire. Spaziose, pratiche, dotate di soluzioni originali e, come nel caso della protagonista di oggi, anche di una bella dose di personalità. Citroen C4 Picasso è stata una delle più vendute vetture del suo segmento grazie ad uno stile originale sia dentro che fuori, capace di sorprendere con un’estetica molto particolare e un abitacolo ben fatto, tecnologico e dotato di tantissime funzionalità. Dai sedili massaggianti all’enorme quadro strumenti digitale da 12,3 pollici al touch screen di serie, fino ad arrivare ai sedili posteriori scorrevoli e ai montanti anteriori e posteriori spezzati per migliorare la visibilità.

In un mondo di SUV sportiveggianti e minacciosi, le linee tondeggianti, morbide e originali di C4 Picasso sono una ventata d’aria fresca, moderne ancora dopo quasi 10 anni di carriera. Certo, anche C4 Picasso ha i suoi difetti: i comandi del clima accessibili solo tramite il touch sono decisamente scomodi, i comandi al volante sono moltissimi e, nonostante i montanti spezzati, dietro il lunotto è piccolo e lontano, e limita la visibilità.

Rispetto alle dirette concorrenti, Citroen C4 Picasso (o SpaceTourer, come è stata ribattezzata dal 2018) è una vettura che dietro uno stile molto particolare nasconde un abitacolo pratico e modulabile, delle finiture davvero ottime e quasi sorprendenti, ottimi sistemi di sicurezza e una guidabilità che unisce sapientemente comfort, guidabilità e agilità. Arrivata fino al 2022, la monovolume francese è rimasta una delle ultime highlander del segmento delle monovolume medie. Piano piano, infatti, tutte le concorrenti di Citroen C4 Picasso come Ford C-Max, Peugeot 5008, Toyota Verso, Opel Zafira, e Renault Scénic hanno abbandonato la scena, sostituite dai più cool SUV medi. Le uniche rivali rimaste ancora sul mercato sono le monovolume Premium come Mercedes-Benz Classe B e BMW Serie 2 Active Tourer, presenti sul mercato chissà fino a quando.

FAQ

Quanto costa la Citroen C4 Picasso?

Da nuova, la Citroen C4 Picasso partiva da 23.000 euro. Oggi, per un esemplare in buone condizioni dei primi anni di produzione servono almeno 10.000 euro, mentre per una più moderna SpaceTourer prodotta dopo il 2018 servono almeno 15.500 euro.

Quanto è lunga la Citroen C4 Picasso?

Citroen C4 Picasso è lunga 4,44 metri, qualche centimetro in più di una classica compatta di Segmento C. La versione a passo lungo, la C4 Grand Picasso, aggiunge 16 cm a passo e lunghezza arrivando a 4,60 metri.

Quanto consuma la Citroen C4 Picasso?

La versione più virtuosa è la 1.6 BlueHDi, capace di percorrere fino a 26,3 km/l secondo il ciclo omologativo NEDC.

Recensioni dei veicoli Citroen C4 Picasso

57 Recensioni

4,7