Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.
BMW-M5-2020_03-1100.jpg

BMW M5

1 / 3
BMW-M5-2020_03-1100.jpg
BMW-M5-Competition-2020-Front-1100.jpg
BMW-M5-2020_02-1100.jpg

Pro

  • Motore e trazione integrale eccezionali
  • Guidabilità eccellente sia spingendo che nella vita tranquilla

Contro

  • Alcuni optional irrinunciabili a pagamento
  • Costi di gestione altissimi

BMW X5 in sintesi

Qui trovi una panoramica generale dell’auto BMW X5 inclusi i dati relativi alle caratteristiche principali, alla motorizzazione, all’equipaggiamento e altre informazioni utili relative al modello dell’auto. leggi di più

Nuovo a partire da:€ 53.500,-*
Usato a partire da:€ 2.000,-*
*Prezzo più basso su AutoScout24 nel mese scorso

BMW M5: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti5

Dopo la mitica M1, l’unica supercar a motore centrale prodotta dalla Casa tedesca, la prima BMW a portare la mitica lettera M e i colori del reparto Motorsport della Casa bavarese è stata la berlina M5. Erede della prima, vera BMW curata dal Reparto Motorsport BMW M GmbH, la M535i, la M5 fece il suo debutto con la seconda generazione della berlina medio-grande della Casa, la Serie 5 E28, nel lontano 1984. All’epoca, in pochi credettero al successo di una vettura con carrozzeria paciosa e pratica come quella della Serie 5 E28, che sfoggiava uno stile molto sobrio, confondibile con quello di una qualsiasi 520i, ad un motore realizzato direttamente dal Reparto Motorsport, il BMW M88/3 3.5 sei cilindri in linea montato sulla BMW M635CSi, capace di 286 CV e 340 Nm di coppia. Capace di uno 0-100 km/h in 6,5 secondi e velocità massima di 245 km/h, la prima M5 era costruita a mano direttamente dal Reparto M, e iniziò l’incredibile carriera della mitica BMW M5. Continua a leggere

Ti interessa la BMW M5

Altre informazioni per la tua ricerca

Modelli alternativi

Arrivò poi pochi anni dopo la prima BMW M3, e poi negli anni le M6, M4, M8, le piccole 1 M Coupé ed M2, per non parlare degli odierni SUV da oltre 500 CV. La leggenda delle BMW M inizia però dalla berlina Serie 5, dalla M5. Oggi, la berlina a tre volumi più sportiva del mercato è giunta alla sua sesta generazione, la F90, presentata nel 2017. Prima BMW M5 a trazione integrale, è dotata di una modalità M xDrive che la rende ancora una vera BMW M a trazione posteriore, mentre sotto il cofano troviamo un 4.4 V8 Biturbo da oltre 600 CV, capace di far scattare i 1.930 kg della M5 da 0 a 100 in meno di 3,5 secondi. Oggi, BMW M5 è disponibile esclusivamente in versione Competition, più sportiva e dinamica della “normale” M5, e nella speciale versione CS, capace di arrivare a 635 CV.

Scopriamo allora dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di BMW M5.

Dimensioni BMW M5

Le dimensioni della BMW M5 sono:

  • lunghezza 4,98 metri
  • larghezza 1,90 metri
  • altezza 1,47 metri
  • passo 2,98 metri

Da fuori, BMW M5 è piuttosto sobria, ma ad un occhio attento è inconfondibile. Sebbene infatti le linee generali siano le stesse della bellissima settima generazione di Serie 5, la G30, la M5 offre più sportività da ogni lato. Il frontale, dotato di un cofano lunghissimo e di un doppio rene di dimensioni normali, è ospita delle mascherine leggermente più grandi e verniciate in nero lucido, e da un paraurti anteriore con prese d’aria maggiorate e un piccolo splitter per migliorare l’efficienza aerodinamica. Sul cofano compare una gobba molto importante per permettere al grosso 4,4 litri di stare comodo, mentre la larghezza è aumentata rispetto alla normale M5 da passaruota più ampi sia davanti che dietro. Lateralmente, il profilo filante ed elegante di Serie 5 è coadiuvato dai classici specchietti retrovisori aerodinamici by M, da una minigonna laterale molto bassa e dal classico badge M5 sul parafiamma anteriore. Nel 2020 anche BMW M5 ha guadagnato le novità introdotte con il restyling della normale Serie 5, tra cui i fari anteriori con luci diurne con firma ad L rovesciata, nuovi fari posteriori e un paraurti ridisegnato.

In coda, invece, le morbide linee della Serie 5 G30 non vengono stravolte: convincono i grandi fari Full LED che impreziosiscono la coda, mentre sulla parte alta del portellone compare un piccolo spoiler che fa intuire la cattiveria della vettura. A far capire che non ci si trova di fronte alla “solita” 520d ci pensano però i quattro scarichi sdoppiati e il diffusore posteriore, estremamente aggressivi e cattivi. Nel complesso, comunque, sebbene le dimensioni di BMW M5 siano leggermente più generose per via dei paraurti più voluminosi e per i passaruota allargati (siamo a 2 cm in più in lunghezza e 3 cm in più in larghezza), BMW M5 conserva l’eleganza della berlina da cui deriva, aggiungendole però una bella dose di cattiveria in più.

Concludendo con le dimensioni di BMW M5, il bagagliaio è piuttosto generoso ed invariato rispetto alle altre Serie 5: parliamo di 530 litri di capacità di carico, aumentabili abbattendo gli schienali posteriori. Infine, la particolarissima versione M5 CS è dotata di dettagli color oro per cerchi (con diametro da 20 pollici di serie), mascherina e non solo, ma anche di fari Laser LED dotati di fasci luminosi di colore giallo, un omaggio alle vecchie M5 con fari alogeni gialli.

Interni BMW M5

Gli interni di BMW M5 ricalcano quelli delle normali Serie 5, dalle quali riprendono quasi tutte le funzionalità, aggiungendo però qualche dettaglio racing che non può che far piacere agli acquirenti della vettura bavarese. Come all’esterno, anche all’interno BMW M5 ha beneficiato del restyling dell’intera gamma Serie 5 attuato nel 2020. Se quindi le forme della plancia, molto morbide e classiche, e la disposizione dei comandi, con tasti fisici per il clima e per la radio, sono rimasti invariati, al centro della plancia arriva un nuovo sistema operativo iDrive 7.0 con schermo da 12,3 pollici, veloce e reattivo. La grande novità è però la presenza del nuovo quadro strumenti digitale da 12,3 pollici, che sostituisce quello vecchio più piccolo e dalla visualizzazione fissa per aggiungere un certo grado di personalizzazione (anche se inferiore ad alcune rivali dirette).

Con le altre Serie 5, la nostra M5 condivide anche una qualità costruttiva ottima e una grande dotazione di spazio sia davanti che dietro. Ci sono però diversi dettagli che rendono gli interni di BMW M5 più speciali del resto delle berline di Segmento E della Casa, a cominciare dal volante. Dotato dell’ormai classica corona tozza delle altre BMW M, sul volante compaiono due tasti di colore rosso, M1 ed M2. Questi due tasti permettono di selezionare in maniera rapida due modalità di guida personalizzate, la M1 o la M2. M5, infatti, permette di selezionare diverse modalità di guida differenti per motore, cambio, sterzo, ammortizzatori e trazione integrale, permettendo così di cucirsi addosso la propria M5 perfetta. Rendono l’interno più sportivo anche il tasto d’accensione di colore rosso, i tasti per aggiustare le modalità di guida di fianco alla leva del cambio, anch’essa personalizzata BMW M, e i sedili, sportivi ed estremamente contenitivi.

BMW-M5-Interior BMW-M5-Seating

Motori BMW M5

Dove però ogni M5 colpisce è sotto il cofano: la gamma motori di BMW M5 offre diverse prime volte per la superberlina tedesca, per una componente tecnologica sempre più importante. Realizzata sulla piattaforma modulare CLAR, la stessa delle nuove Serie 3 e 4, Serie 7 e della piccola Serie 2 Coupé, la quinta generazione di BMW M5 è la prima dotata di trazione integrale e di cambio automatico tradizionale con convertitore di coppia. Il sistema di trazione integrale è un’evoluzione del classico xDrive bavarese, chiamato M xDrive. La principale differenza sta nella possibilità trasferire la trazione completamente alle ruote posteriori, per una modalità 2WD che permette di avere quel comportamento sovrasterzante tipico di ogni M5. Per quanto riguarda il cambio, invece, al posto del vecchio cambio doppia frizione a 7 marce visto sulla precedente M5 F10, oggi la G90 sfoggia il classico ZF con convertitore di coppia a 8 rapporti, più robusto e fluido nella vita di tutti i giorni ma forse leggermente meno veloce ed incisivo nelle cambiate più concitate.

Ad oggi, la gamma motori di BMW M5 è formata da due versioni, entrambe più potenti della M5 “di debutto”. Dal 2020, infatti, la “normale” M5 non è più disponibile, e ad aprire la gamma ci pensa la M5 Competition. Sotto il cofano della superberlina bavarese troviamo l’ormai classico S63, un 4.4 V8 biturbo capace di erogare ben 625 CV e 750 Nm di coppia, e dotato anche di un modulo mild hybrid a 48 V. Questo non è presente per abbattere i consumi, ma quanto per alimentare i sistemi di trazione integrale M xDrive, sospensioni adattive BMW M e tutti gli altri sistemi elettronici presenti sull’auto. Le prestazioni della M5 Competition sono eccellenti: nonostante un peso piuttosto alto di 1.930 kg in ordine di marcia, la berlina bavarese scatta da 0 a 100 km/h in 3,3 secondi, e arriva ad una velocità massima di 250 km/h, aumentabile a 305 km/h scegliendo l’M Drivers’ Package.

Con il restyling del 2020 è poi arrivata una versione ancora più potente, la M5 CS. Questa versione, già vista su M3, M4 ed M2, va ad indicare le M Cars sottoposte ad una ferrea dieta. Rispetto alla M5 normale, la CS ha perso infatti 116 kg grazie all’uso estensivo della fibra di carbonio. In più, il motore passa da 625 e 635 CV, mentre è di serie l’M Drivers’ Pack con velocità massima portata a 305 km/h. Grazie ai 10 CV in più e al peso più basso, la M5 CS riesce a scattare da 0 a 100 km/h in 3 secondi netti, risultando la BMW più veloce di sempre a coprire lo 0-100 km/h.

Motori BMW M5

Benzina Mild Hybrid

  • M5 Competition, 4.4 V8 biturbo, 625 CV, cambio automatico a 8 marce, trazione integrale
  • M5 CS, 4.4 V8 biturbo, 635 CV, cambio automatico a 8 marce, trazione integrale

Prezzi BMW M5

Con queste incredibile capacità, è facilmente intuibile come il listino prezzi di BMW M5 non sia proprio alla portata di tutti. Ed infatti, la gamma è formata dalle versioni Competition e CS, ed entrambe hanno un prezzo decisamente salato. La più “economica” è la M5 Competition, che offre il suo 4.4 V8 e i suoi 625 CV a 138.450 euro. Di serie, la M5 Competition offre i fari Full LED Matrix automatici, il clima quadrizona, il cruise control classico, i cerchi in lega da 20 pollici, i sedili e la plancia rivestiti in pelle, la telecamera posteriore, i sedili anteriori sportivi e riscaldabili, la vernice metallizzata e i sistemi di infotainment da 12,3 pollici e il quadro strumenti sempre da 12,3 pollici.

Fanno decisamente storcere il naso, però, l’assenza di serie di accessori che ci si aspetterebbe standard su una vettura di questo prezzo e livello come il Cruise Control Adattivo o i fari Laser LED. Entrambi sono disponibili di serie sulla M5 CS, che aggiunge i cerchi forgiati verniciati in oro da 20 pollici, i freni carboceramici, i sedili a guscio con posteriore in fibra di carbonio, le luci diurne a LED gialle, la panca posteriore con due sedili a guscio singoli, i 10 CV in più e diverse componenti in CFRP (polimero rinforzato in fibra di carbonio) come il cofano, il bagagliaio e non solo. Il prezzo per tutto questo? Non è regalato: siamo infatti a 204.900 euro.

Listino prezzi BMW M5

M5 Competition

  • M5 Competition, 138.450 euro

M5 CS

  • M5 CS, 204.900 euro

BMW M5: concorrenti e conclusioni

Nonostante sia un vero e proprio pezzo di storia, BMW M5 non è una vettura rimasta ancorata al passato, ma anzi è riuscita a rinnovare ad ogni nuova iterazione la sua leggenda. Nata con 286 CV e prestazioni che, nel 1984, tante conclamate Supercar si sognavano, BMW M5 è sempre riuscita a lasciare senza parole clienti e rivali. A partire dalla BMW M5 E39, la prima a sfoggiare un V8 aspirato da 400 CV, passando per la incredibile M5 E60 con il suo V10 da 507 CV e per la prima M5 turbo, la F10 da 560 CV, la berlina sportiva di Monaco è sempre riuscita ad offrire prestazioni all’altezza delle coeve Supercar, ma con una spiccata capacità di offrire comfort, qualità e guidabilità ogni giorno che le vere Supersportive si sognano. Con l’ultima generazione, la G90, BMW M5 porta per la prima volta un’elettrificazione leggera, un cambio con convertitore di coppia e, soprattutto, la trazione integrale M xDrive. Quest’ultima è in grado di offrire il massimo della stabilità e dell’aderenza anche sul bagnato, e allo stesso tempo di scaricare a terra sempre tutti i 625 CV della versione Competition.

Se però volete ancora divertirvi alla vecchia maniera, la nuova trazione integrale M xDrive permette di escludere l’asse anteriore, offrendo sovrasterzi di potenza da vera trazione posteriore. Il vigoroso ed esplosivo V8 biturbo unito ad un telaio preciso e comunicativo e ad uno sterzo estremamente preciso sono in grado di far dimenticare la massa di oltre 1.9 tonnellate di M5, permettendole di divertire come poche berline al mondo, e di dare del filo da torcere anche a sportive ben più specialistiche. Il tutto offrendo, quando il conducente lo richiede, comfort e silenziosità simili ad una normale Serie 5.

Certo, sulle buche la M5 è decisamente rigida, i costi di manutenzione sono molto più alti che con una classica 520d, e alcuni accessori che dovrebbero essere di serie sono a pagamento, come l’indispensabile Cruise Control Adattivo. Superando questi peccati veniali, però, BMW M5 è una delle migliori Super-Berline in circolazione. Nonostante la popolarità dei SUV, però, M5 non è sola. Sono parecchie le concorrenti di BMW M5, a partire dalle rivali di sempre: Mercedes E 63 S AMG, dotata di un 4.0 V8 biturbo da ben 612 CV e trazione integrale 4Matic+ simile alla M5, e la sempreverde Audi RS6, sempre disponibile solo con carrozzeria station wagon Avant e con un V8 da 600 CV. Tra le concorrenti di BMW M5 vanno poi inserite anche la più grande Porsche Panamera, soprattutto nelle versioni GTS e Turbo S e l’elettrica Tesla Model S Plaid, molto più veloce ma meno dinamica da guidare.

FAQ

Quanto costa una BMW M5 nuova?

BMW M5 è oggi disponibile solo nelle versioni Competition da 625 CV e CS da 635 CV ed alleggerita di 116 kg rispetto alla Competition di partenza. Per entrare nel mondo M5 bisogna mettere in conto di spendere almeno 138.450 euro: questo è il prezzo di partenza della BMW M5 Competition, che sale oltre quota 200.000 euro (204.900 euro per l’esattezza) per la velocissima M5 CS. 

Quanti cavalli ha una BMW M5?

La sesta generazione di BMW M5 è uscita con un 4.4 V8 biturbo da 600 CV, portati poi a 625 CV dalla più potente e specialistica Competition. La sportivissima M5 CS, invece, è riuscita a migliorare ulteriormente portando la potenza a 635 CV. 

Qual è la velocità massima della BMW M5?

Di serie, BMW M5 G90 ha una velocità massima autolimitata di 250 km/h. Acquistando il BMW M Drivers’ Pack da 2.550 euero, di serie sulla M5 CS, la Casa bavarese provvederà ad alzare il limitatore da 250 a ben 305 km/h. 

Valutazioni sul veicolo per BMW X5

127 Valutazioni

4,8