Chevrolet Impala - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Chevrolet Impala

Chevrolet Impala

La Chevrolet Impala è un'automobile statunitense prodotta a partire dal 1958; si tratta di una berlina Full Size, ossia di grandi dimensioni, nel tipico stile americano. Il nome dell'auto è un omaggio all'antilope del Sudafrica, chiamata proprio "impala" in lingua sudafricana. Fu lanciata sul mercato come edizione limitata della Chevrolet Bel Air. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Chevrolet Impala, l'autentica leggenda americana

Visti i buoni risultati di vendita e di critica, la casa automobilistica statunitense decise di farne un modello autonomo, con qualche modifica rispetto alla versione precedente. Le dimensioni dell'auto erano notevoli: 5,3 metri di lunghezza, 1,97 metri di larghezza e 1,44 metri di altezza, con passo di 2,67 metri. La carrozzeria era di grande impatto visivo, non solo per via delle generose dimensioni, ma anche per la presenza di cromature e di dettagli estremamente curati. Oltre che in versione berlina, la Impala è stata commercializzata con altri tipi di carrozzeria, come coupé, station wagon e cabriolet. Nell'immaginario americano, la Chevrolet Impala rappresenta un importante status symbol, grazie al design e alle prestazioni delle potenti motorizzazioni. Dall'anno della sua uscita ad oggi, la Chevrolet Impala si è imposta nella top ten delle auto più vendute negli USA ed è stata prima in assoluto nella categoria delle berline. La Chevrolet Impala è inoltre famosa per essere stata in dotazione ai corpi di Polizia a partire dagli anni Sessanta.

Oltre cinquant'anni di successi e di aggiornamenti

Quella della Chevrolet Impala è una delle produzioni più longeve del mondo automobilistico. Nel corso dei suoi oltre cinquant'anni di commercializzazione, la vettura è stata oggetto di numerose modifiche: sono ben dieci i restyling avvenuti dal 1959 al 2014. La seconda serie aveva un passo più lungo rispetto alla prima e fu dotata di un nuovo telaio dalle forme più sporgenti. Oltre alla berlina, iniziarono ad essere presenti le versioni sportive, le quali comprendevano la Coupé, con carrozzeria a quattro porte, la Sport Coupé, con carrozzeria a due porte e la Convertible, la versione a cielo aperto. Nel 1961 fu presentata la terza generazione di Chevrolet Impala, più squadrata e leggermente più corta. Il successo riscosso dalla vettura era alle stelle, sia dal punto di vista delle vendite che da quello mediatico. La versione del 1963 presentava delle linee più morbide, esaltate ancora di più con il facelift del 1964. La quarta serie entrò in scena nel 1965: essa stabilì il record di vendite annuali, superando il milione di unità nel mercato degli USA, risultato ancora imbattuto; l'auto fu esteticamente rimodellata e venne introdotto un nuovo telaio. Nello stesso anno debuttò il modello Caprice, coupé a quattro porte di grande esclusività. Altri ritocchi arrivarono tra il 1966 e il 1969, con modifiche sia alla parte frontale che a quella posteriore, riscuotendo ancora grandi risultati di vendite. Nel 1970 debuttò la quinta generazione, ulteriore grande successo commerciale. Oltre alla presenza di propulsori più performanti e di più funzionali sospensioni, furono apportate delle novità estetiche all'auto, con nuovi disegni dei gruppi ottici. La sesta generazione di Chevrolet Impala, uscita nel 1977, fu ristrutturata per adattarsi ai tempi e alle nuove esigenze della clientela: l'auto era leggermente cambiata nelle forme, accorciando il passo e alzando di qualche centimetro l'altezza. Grazie a questo restyling, la vettura tornò in cima alla vendite, dopo qualche anno di risultati meno brillanti che in passato. Nel 1985, la Chevrolet Impala uscì dal mercato, lasciando spazio al solo modello Caprice, il quale iniziò ad essere commercializzato in proprio. Nel 1994 l'auto tornò prepotentemente in vendita, dopo essere stata presentata qualche anno prima come concept car. Il nuovo modello era un aggiornamento della versione Caprice, con grandi innovazioni dal punto di vista meccanico. La vettura fu ritirata dal mercato dopo soli due anni. Nel 2000 fu lanciata l'ottava generazione, con modifiche inerenti ai controlli elettronici e ai sistemi di sicurezza e cinque anni dopo uscì la nona serie, totalmente ridisegnata e con interni più funzionali. Negli anni successivi furono introdotti un impianto stereo Hi-Fi e dei cerchi di maggiori dimensioni. La decima generazione, lanciata nel 2014, presenta linee più sportive rispetto al solito, con bombature e parti tondeggianti. Ottimi i sistemi di sicurezza, con 10 airbag, ESP, chiamata automatica dei soccorsi in caso di incidente, ABS con ripartitore di frenata e sistema di rivelazione del cambio di corsia. Trattandosi della berlina più venduta della storia, la Chevrolet Impala è ben presente nel mercato delle automobili usate, anche con le prime generazioni, divenute auto d'epoca.

Le possenti motorizzazioni

Come tutte le Full-Size americane, la Chevrolet Impala è sempre stata equipaggiata con motori di grossa cilindrata, generalmente dotati di turbocompressore e quasi sempre di trasmissione automatica. La prima serie era disponibile con tre diversi propulsori: uno da 3.9 litri con 6 cilindri in linea, uno da 4.6 litri con 8 cilindri a V e uno da 5.7 litri, anch'esso con 8 cilindri a V. Con la terza generazione furono introdotti altri due motori, uno da 6700 cc e uno da 7000 cc, montato solo nella versione del 1963. Nel periodo della commercializzazione della quarta generazione furono presenti ben dieci motori, con cilindrate che variavano dai 4.1 litri ai 7.4 litri. La quinta serie ridusse della metà i propulsori, mantenendo il "piccolo" 4100 e quattro potenti V8. Le Chevrolet Impala della sesta generazione furono la uniche ad essere equipaggiate con propulsori diesel. Per la settima serie era previsto un solo propulsore V8 da 5.7 litri. L'ottava serie fu limitata a motori di più piccola cilindrata, tutti da sei cilindri, con cilindrate dai 3.4 ai 3.8 litri, nel tentativo di ridurre i consumi di carburante. La nona generazione prevedeva otto propulsori, con un unico otto cilindri e sette a sei cilindri. Le serie del 2014 è a disposizione con 3 "piccoli" motori, due da quattro cilindri e uno da sei, con cilindrate dai 2.4 (il più piccolo motore mai montato su una Chevrolet Impala) ai 3.6 litri.