Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Porsche 996

Pro
  • Ottima guidabilità
  • La prima 911 moderna da usare tutti i giorni
Contro
  • Dettagli interni poco curati
  • Cambio automatico lento

Porsche 996: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

“La Porsche più odiata di sempre”: questo potrebbe essere il titolo del libro autobiografico della Porsche 996, la quarta generazione della leggendaria 911, la sportiva tedesca a motore centrale che dal 1963 fa innamorare il mondo di sé. Dopo l’amatissima 993, dotata di uno stile, di una meccanica e di una guidabilità che rappresenta il punto più alto della continua evoluzione della 911 degli anni ’60, 996 introduce delle novità epocali. Dotata di un telaio completamente nuovo, un’attenzione maggiore al comfort, alla tecnologia e alla sicurezza, la 911 che ha portato il modello nel Terzo Millennio è stata criticata per due aspetti principali: lo stile e la meccanica. Continua a leggere

Modelli alternativi

Dotata di una linea molto (forse troppo) condivisa con la più piccola Boxster, con i famigerati fari a “uovo fritto” che abbandonano lo stile tondo di tutte le altre 911, il vero punto di rottura con il passato è nella meccanica. Addio agli ormai vetusti motori raffreddati ad aria utilizzati fino alla 993, e benvenuto alla grandissima novità: i motori raffreddati ad acqua. Posizionati sempre al posteriore, e sempre dotati di sei cilindri contrapposti, i nuovi propulsori sono molto più moderni, efficienti e, inizialmente, inaffidabili a causa del famigerato difetto di progettazione del cuscinetto IMS, ormai risolto su quasi tutti gli esemplari in vendita. Ma, nonostante sia la 911 più odiata dai puristi, per molti la 996 è una delle migliori mai prodotte, nonché la più venduta di sempre: e le quotazioni, ormai salite alle stelle, lo dimostrano.

Scopriamo allora dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di Porsche 996.

Dimensioni Porsche 996

Le dimensioni della Porsche 996 sono:

  • lunghezza 4,43 metri
  • larghezza 1,77/1,83 metri
  • altezza 1,27/1,31 metri
  • passo 2,35 metri

Porsche 996 è nata in un momento davvero cruciale per la Casa di Zuffenhausen: gli anni ’90 sono stati durissimi per la Casa, ormai abituata a vendite a rilento, modelli vetusti e progettati negli anni ’70 come 911, 968 e 928. La nuova 993, punto più alto del progetto originale della 911, non aveva convinto il pubblico, e in Porsche si avvicinò lo spettro del fallimento. A salvare la Casa ci pensò la piccola Boxster, lanciata nel 1996 e subito capace di un ottimo successo. Visto l’apprezzamento verso la piccola scoperta e per risparmiare qualcosa sui costi di sviluppo, Porsche derivò gran parte dello stile e della piattaforma della 911 dalla piccola Boxster, compreso il criticatissimo frontale. Molto tondeggiante e morbido in pieno stile anni ’90, a caratterizzare il frontale sono i fari, identici a quelli di Boxster, non più tondi ma decisamente oblunghi e definiti dai detrattori “a uovo fritto”.

Con il restyling del 2002, tutte le versioni adottarono i fari della versione Turbo, più appuntiti e meno “morbidi”, mentre il morbido paraurti e i passaruota molto bombati rimangono invariati. Poco apprezzata al tempo, oggi Porsche 996 si dimostra una sportiva elegante ma sportiva, unendo eleganza e dinamismo come una vera Porsche. Lateralmente si nota un passo davvero risicato, con un grande sbalzo posteriore per fare spazio al motore posteriore, ovviamente a sbalzo. Rispetto alle precedenti 911, poi, la 996 dimostra uno stile molto più armonioso e con grande attenzione all’abitacolo, più luminoso e spazioso. In coda, invece, i fari più spessi della precedente 993 e la presenza di una importante griglia di raffreddamento in coda ricorda sempre dove si trovi il motore. Le versioni Turbo, GT e 4 sono poi dotate di passaruota molto allargati e dell’iconico catarifrangente trasversale sulle 4S. Con gli anni, lo stile della 996 è stato sempre più accettato ed apprezzato, e a quasi 25 anni dal lancio oggi risulta una delle più armoniose ed eleganti della galassia 911. Concludendo con le dimensioni di Porsche 996, il bagagliaio anteriore è molto spazioso, con una capacità di 130 litri, che diventano 100 sulle 996 con trazione integrale.

Interni Porsche 996

Gli interni di Porsche 996 sono completamente diversi da qualsiasi 911 mai prodotti fino ad allora, e anche in questo caso fanno affidamento alla condivisione con la più piccola Boxster. Rispetto alla precedente 993, ancora ancorata alla plancia minimale, orizzontale e molto classica derivata dalle altre 911, la 996 introduce uno stile molto più moderno, con una plancia a sviluppo verticale, elegante e realizzata con grande qualità. Tutti i comandi sono ora concentrati in una elegante consolle centrale, dove troviamo una finitura in plastica che oggi può sembrare economica, ma che al tempo era molto moderna e rivoluzionaria. La consolle è caratterizzata dalla presenza del clima automatico e della radio, che poteva essere di tipo tradizionale o anche ospitare un importante schermo per il navigatore.

Oggi, inoltre, Porsche offre per tutte le 996 un kit che introduce uno schermo touch sviluppato specificatamente, che si inserisce perfettamente nelle linee dell’auto ed offre Apple CarPlay e Android Auto. Dietro al volante, iconico a tre razze, si nasconde poi un quadro strumenti che continua ad offrire i classici cinque strumenti tipici di ogni 911, ma ora gli strumenti sono concentrici, con il grande contagiri ancora al centro. Non mancano poi un cambio manuale vicino al volante, sostituito dalla leva del Tiptronic e dai controversi tasti + e – sul volante. Concludendo con gli interni di Porsche 996, lo spazio è ottimo davanti, mentre dietro i due posti dietro sono dei veri e propri strapuntini, utili da utilizzare per ampliare il vano anteriore. Peccato poi per la qualità non eccelsa di alcune plastiche, che abbassano la qualità percepita di un’auto altrimenti davvero ben fatta.

porsche-996-interior porsche-996-seating

Motori Porsche 996

I motori di Porsche 996 sono stati tra le componenti più chiacchierate di quest’auto nei primi anni di produzione. Tutti i motori sono completamente nuovi, sviluppati da zero per la Casa sull’esperienza ottenuta con la Boxster, primo modello dotato di un sei cilindri boxer raffreddato ad acqua. Ed è proprio questa la grande rivoluzione, con tutti i motori, ovviamente sei cilindri contrapposti e ovviamente posizionati a sbalzo dietro l’asse posteriore come da tradizione, ora non più raffreddati ad aria. La gamma inizia con la classica Carrera, dotata di un motore 3.4 da 300 CV, disponibile sia con trazione posteriore che integrale, la Carrera 4. La gamma fino al 2000 è rimasta intatta, con l’aggiunta solo nel 2000 della potentissima Turbo.

Il sei cilindri viene portato a 3.6 litri, vengono aggiunti due turbo e la potenza arriva a 420 CV, diventati poi 450 per la Turbo S lanciata poco più in là. L’esperimento con il 3.6 risulta riuscito, e anche a causa dei problemi di affidabilità del 3.4 a causa del cuscinetto dell’albero IMS Porsche in occasione del restyling del 2002 anche le Carrera adottano il 3.6, pur senza turbo, con 320 CV. Arriva poi anche la Carrera 4S, con gli stessi 320 CV della Carrera ma dotato di freni, sospensioni e tarature della Turbo. Tra le “normali” va segnalata poi la 40 Jahre, una versione lanciata nel 2003 per commemorare i 40 anni della 911 e dotata di un 3.5 con 345 CV. Al top della gamma motori di Porsche 996 ci sono poi le GT, le sportive dure e pure. La prima ad essere lanciata sul mercato è l’inedita GT3, basata sulla Carrera, che conta su un 3.6 aspirato da 360 CV sviluppato specificatamente dal “mago” dei motori Porsche Hans Metzger e che, con la versione RS, arriva a 381 CV: Al top della gamma c’è però la 996 GT2, dotata del 3.6 della GT3 dotato di due turbo e capace di arrivare a ben 484 CV. Tutte le 996 sono dotate di serie di cambio manuale a 6 marce, mentre tutte le versioni tranne le GT erano disponibili anche con un cambio automatico, denominato Tiptronic. In realtà, però, il cambio è di origine Mercedes, il NAG-5 a 5 rapporti.

Motori Porsche 996

Benzina

  • Carrera 3.4, 3.4 sei cilindri boxer aspirato, 300 CV, cambio manuale a 6 marce o aut. a 5 m., traz. post.
  • Carrera 4 3.4, 3.4 sei cilindri boxer aspirato, 300 CV, c. manuale a 6 marce o aut. a 5 m., traz. int.
  • Carrera 3.6, 3.6 sei cilindri boxer aspirato, 320 CV, cambio manuale a 6 marce o aut. a 5 m., traz. post.
  • Carrera 4 3.6, 3.6 sei cilindri boxer aspirato, 320 CV, c. manuale a 6 marce o aut. a 5 m., traz. int.
  • Carrera 4S, 3.6 sei cilindri boxer aspirato, 320 CV, cambio manuale a 6 marce o aut. a 5 m., traz. int.
  • 40 Jahre, 3.6 sei cilindri boxer aspirato, 345 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione posteriore
  • Turbo, 3.6 sei cilindri boxer biturbo, 420 CV, cambio manuale a 6 marce o aut. a 5 m., traz. integrale
  • Turbo S/Turbo X50, 3.6 sei cilindri boxer biturbo, 450 CV, c. man. a 6 m. o aut. a 5 m., traz. integrale
  • GT3, 3.6 sei cilindri boxer aspirato, 360 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione posteriore
  • GT3 RS, 3.6 sei cilindri boxer aspirato, 381 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione posteriore
  • GT2, 3.6 sei cilindri boxer biturbo, 484 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione posteriore

Prezzi Porsche 996

Vedendo il listino prezzi di Porsche 996 oggi è inevitabile sorprendersi vedendo il prezzo di partenza della gamma. La versione più accessibile, la Carrera, conosciuta anche come Carrera 2 dagli appassionati, era offerta nel 1997 all’equivalente di 75.500 euro, un prezzo decisamente più basso dei ben 118.000 euro richiesti oggi per una 911 Carrera base. La potenza, però, è molto diversa, con una Carrera 2 che oggi offre 385 CV, prestazioni decisamente più alte e una dotazione nettamente superiore. Oltre all’ABS, infatti, la 996 Carrera offriva la chiusura centralizzata, il clima automatico, fendinebbia, alzacristalli elettrici, cerchi da 17”, autoradio, volante in pelle e sedili completamente regolabili e poco altro. Al top si trovava la GT2, che arrivava con i suoi 193.000 euro a sfiorare il muro dei 200.000 euro.

Ma oggi, quali sono i prezzi di Porsche 996? Per molti anni, le 911 della serie 996 sono state le più economiche anche a causa del difetto al cuscinetto dell’IMS, risolvibile con degli interventi preventivi o con la sostituzione del motore, che ha portato molti appassionati a portarsi a casa, nei primi anni ’10, una 996 a casa per circa 15.000 euro. Oggi, quasi tutti gli esemplari di 996 sono dotati di motori privi del problema all’IMS, e partono da una base di 25.000 euro per le Carrera da 300 CV, che arrivano per gli esemplari in condizioni perfette anche a 35.000 euro. Per una Carrera 3.6 da 320 CV servono almeno 35.000 euro, mentre per una 911 Turbo si parte da circa 62.500 euro. Le GT? Costosissime: le GT3 partono da 80.000 euro, le GT2 da 125.000 euro mentre le rarissime GT3 RS partono da ben 200.000 euro.

Porsche 996: concorrenti e conclusioni

Discussa e bistrattata come poche al lancio, Porsche 996 ha saputo far ricredere tutti, o quasi. Per i porschisti più puri, infatti, la 996 è ancora il “Brutto Anatroccolo” della famiglia 911. Dotata di uno stile ancora controverso, di motori raffreddati ad acqua, interni più moderni ed eleganti e di una guidabilità eccellente, Porsche 996 è stata la prima 911 moderna, che rompe con il suo passato e lancia la sfida alle più moderne sportive senza più ancorarsi al suo glorioso passato. Dotata di motori potenti e sorprendentemente efficienti, di interni rifiniti e lussuosi, di una guidabilità davvero ottima e di un valore che, seppur “ridotto” rispetto alle altre 911 continua a salire. Certo, come ogni vettura non è perfetta: il difetto all’IMS ha rischiato di rovinare la reputazione della Casa di Stoccarda, sebbene sia stata poi risolta da Porsche prima e dagli appassionati poi, alcuni dettagli interni sono un po’ sottotono e il cambio Tiptronic di origine Mercedes è decisamente lento e poco reattivo. Con questo modello, però, le concorrenti di Porsche 996 hanno potuto rimettere tra le grandi da battere anche la 911, ora più moderna e valida che mai, e vero punto di partenza per le amatissime 911 moderne nate dopo di lei.

Ieri come oggi, le concorrenti di Porsche 996 sono parecchie, ma nessuna condivide la folle meccanica con la sportiva di Stoccarda: rimanendo in Germania, la rivale principale è la BMW M3 E46, dotata di simili prestazioni e simile usabilità quotidiana, e la più comoda Mercedes-Benz CLK, mentre fuori dalle “solite” connazionali troviamo tra le rivali la Maserati 3200 GT e la successiva Coupé nonché la Jaguar XK8, mentre per le potenti Turbo e GT troviamo tra le rivali dirette alcune tra le più amate Supercar degli anni ’90 e ‘000 come Ferrari 360 Modena, Chevrolet Corvette e Lamborghini Gallardo.

FAQ

Quanto costa una Porsche 996?

Nel 1997, per portarsi a casa una Porsche 996 servivano almeno 75.000 euro. Oggi, invece, le più economiche partono da 25.000 euro, con le rarissime GT3 RS che possono superare la soglia dei 200.000 euro.

Qual è la Porsche 911 meno costosa?

Tra le 911, la meno costosa è la Porsche 996. Sebbene non si trovi più a meno di 20.000 euro come nei primi anni ’00, per una 996 Carrera da 300 CV bastano 27.000 euro per portarsi a casa un buon esemplare.

Quanti cavalli ha la Porsche 996 più potente?

La Porsche 996 più potente è la GT2: il suo 3.6 biturbo arriva a ben 481 CV.

Recensioni dei veicoli Porsche 996

2 Recensioni

5,0