Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Porsche Boxster

Pro
  • Guida entusiasmante e equilibrata
  • Estremamente vivibile anche tutti i giorni
Contro
  • Dotazione di serie molto scarsa
  • Motori 4 cilindri turbo poco carismatici

Porsche Boxster: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Erede delle Porsche con motore anteriore raffreddato ad acqua, le cosiddette Transaxle 924, 944 e 968, per molti Boxster era semplicemente “la 911 dei poveri”, la sportiva di Zuffenhausen per chi non poteva permettersi una 911. In realtà, invece, nel 1996 Porsche lanciò forse il suo modello più importante della sua storia recente. In un periodo di scarse vendite e con lo spettro di un clamoroso fallimento sempre più vicino, la piccola sportiva due posti fu una boccata d’aria fresca per Porsche, che riuscì grazie ad un progetto indovinato a rilanciarsi e a diventare ciò che oggi tutti noi conosciamo e amiamo. Continua a leggere

Modelli alternativi

Prima Porsche a motore centrale dalla 914, la piccola Boxster è stata una rivoluzionaria in molti campi: prima Porsche a non portare un numero a tre cifre come nome, prima Porsche con motore a sei cilindri boxer raffreddato ad acqua, e prima Porsche ad inaugurare il nuovo corso stilistico della Casa inaugurata con un’altra automobile controversa, la 911 996, la prima raffreddata ad acqua.

Il progetto fu incredibilmente apprezzato, grazie ad un telaio e ad una guidabilità eccezionali, ancora oggi per molti impareggiato tra le sportive, compresa Sua Maestà 911. Dopo la prima generazione, la 986, Boxster ha visto altre tre serie: la 987, la prima a cui si è affiancata la coupé Cayman, la 981 e l’attuale 718, che porta al massimo livello le capacità di guidabilità, usabilità quotidiana e bilanciamento per i quali Boxster è amata in tutto il mondo. In attesa di scoprire se il futuro della piccola sportiva tedesca sarà elettrico, vediamo se la 718 Boxster ha ancora da dare.

Scopriamo allora dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di Porsche Boxster 718.

Dimensioni Porsche Boxster

Le dimensioni della Porsche Boxster sono:

  • lunghezza 4,38 metri
  • larghezza 1,80 metri
  • altezza 1,28 metri
  • passo 2,48 metri

Da fuori, Porsche 718 Boxster appare come un’evoluzione e un affinamento di tutto ciò che abbiamo sempre apprezzato della piccola sportiva tedesca: dimensioni compatte, linee eleganti e proporzionate e il classico look delle Porsche a motore posteriore o centrale. Il frontale è infatti estremamente basso, visto che lì davanti non c’è nessun motore, con una parte centrale ancora più ridotta in altezza e dominata dal grande cofano tondeggiante che nasconde il primo dei due vani bagagli. I passaruota molto importanti e i fari ovali e sviluppati in altezza sono il chiaro segno di una vera Porsche, seppur più piccola e compatta della grande 911. Lateralmente, si nota la natura da vettura a motore centrale di Boxster: l’abitacolo è infatti esattamente al centro della vista laterale, con due volumi molto simili per ingombri sia davanti che dietro. Questo è anche uno dei segreti della perfetta ripartizione dei pesi di 718 Boxster, che ne rende la guida così gustosa.

Il motore centrale si fa notare anche se non si vede: davanti ai gonfi passaruota posteriori troviamo infatti due prese d’aria molto generose, che si occupano di dare il massimo dell’aria ai motori a 4 o 6 cilindri sotto il cofano. La capote è, come da tradizione Boxster, in tela con meccanismo elettrico, mentre i cerchi sono di serie da 17 pollici, e possono arrivare a 20 pollici sulle versioni più potenti ed accessoriate. In coda, invece, la 718 Boxster sfoggia linee più pulite e minimali della precedente 981, con i fari posteriori a LED dotati di sfondo nero che incattiviscono non poco il look della vettura. Il lungo cofano posteriore nasconde sia il motore, mai visibile neanche sulle versioni più potenti, che il vano bagagli, mentre a impreziosire la coda ci pensa il logo Porsche scritto per intero al di sotto di un piccolo spoiler che dona ulteriore sportività alla sportiva tedesca. Si fa poi notare il godurioso doppio scarico centrale, differente a seconda della motorizzazione scelta: centrale sulle 718 a 4 cilindri, sempre centrale ma sdoppiato sulle Boxster a 6 cilindri. Concludendo con le dimensioni di Porsche Boxster, la 718 offre, come da tradizione, due vani bagagli: uno anteriore da 150 litri e uno posteriore da 275 litri, che scendono a 270 litri sulle 718 con motore a sei cilindri, più voluminoso dei 4 cilindri boxer turbo.

Interni Porsche Boxster

Gli interni di Porsche Boxster 718, identici a quelli di Cayman, riprendono lo stile della precedente Porsche 911, la 991, risultando quindi per alcuni un po’ arretrati rispetto alla più moderna sorellona. In realtà, però, non c’è nulla di male in questo, anzi: all’interno troviamo una plancia pulita, elegante e ben disegnata, realizzata con una qualità costruttiva eccezionale e materiali di gran pregio. Dietro il volante, verticale e bellissimo da impugnare, troviamo un semplice quadro strumenti con tachimetro e un enorme contagiri centrale analogici, mentre alla loro destra troviamo il terzo, classico strumento circolare Porsche che ospita uno schermo multifunzione che fa da computer di bordo e può mostrare informazioni sulla traccia in riproduzione, la mappa in piccolo e diversi indicatori di temperatura e livelli.

La parte centrale della plancia e la console fanno parte di un unico, grande pannello ispirato alla prima generazione di Panamera, con tantissimi tasti fisici e lo schermo da 7 pollici per il sistema multimediale. Tutto è estremamente semplice da utilizzare, immediato ed ergonomico, con quel livello di praticità e versatilità che ci si aspetta sempre da una Porsche. Lo schermo in sé, da soli 7 pollici, non ha l’ultimo sistema operativo visto su 911, Cayenne o Taycan, ma è sufficientemente veloce, completo ed offre (a richiesta) Apple CarPlay via cavo, ma non Android Auto: un bel limite per i più tech. Concludendo con gli interni di Porsche Boxster 718, la posizione di guida è eccellente, con il volante e il sedile posizionati esattamente dove li si vorrebbe. Comodo il selettore a rotella per le modalità di guida, mentre fa sempre la sua scena l’orologio analogico centrale compreso nel pacchetto Sport Chrono. Sebbene infine l’auto sia dotata di due soli posti, lo spazio a disposizione per i due passeggeri è a dir poco ottimo, quasi insospettabile per una sportiva così piccola.

porsche-boxster-interieur

Motori Porsche Boxster

La gamma motori di Porsche Boxster 718 è decisamente interessante, e formata da due famiglie molto diverse tra di loro. Con la quarta generazione 718, infatti, Porsche ha deciso inizialmente di eliminare gli amatissimi sei cilindri aspirati, per sostituirli con dei nuovi, più moderni ed efficienti 4 cilindri turbo, sempre con architettura boxer per avere un motore il più piatto possibile che permetta di abbassare il baricentro della vettura. Per questo, alla base della gamma 718 troviamo un inedito 2.0 quattro cilindri boxer turbo da 300 CV che muove la Cayman: disponibile con cambio manuale a 6 marce o con l’eccellente PDK doppia frizione a 7 marce, il 2.0 è in grado di far scattare Boxster (e la versione più sportiva ma invariata dal punto di vista meccanico Boxster T) da 0 a 100 km/h in 5,1 secondi, e di raggiungere i 275 km/h. Per chi volesse qualcosa di più, Porsche ha progettato un altro quattro cilindri boxer, un 2.5 capace invece di 350 CV e 420 Nm di coppia.

Questi nuovi 4 cilindri sono efficienti, potenti e vigorosi, ma mancano di quel carattere e di quel sound pazzesco che caratterizza da sempre le Porsche con motore 6 cilindri boxer. Per questo, se fino al 2020 la GTS era dotata di un 2.5 da 365 CV, ora la seconda Boxster più sportiva è dotata di un 4.0 sei cilindri boxer aspirato da 400 CV e 420 Nm di coppia, che regala un’esperienza d’uso da vera Porsche.

Al top della gamma motori di Porsche Boxster 718 troviamo infine una versione che ha debuttato con la generazione 987, e che da allora è una vera chicca della gamma: la Boxster Spyder. Dotata di un tetto manuale alleggerito, interni ridotti all’osso e di un cofano posteriore con due vistose gobbe da barchetta, la Porsche 718 Boxster Spyder è senza dubbio la Boxster più adrenalinica di tutte: il 4.0 flat six sotto il cofano è lo stesso della eccellente Cayman GT4, ed eroga 420 CV e 420 Nm di coppia, capace di far scattare la Boxster più estrema da 0 a 100 km/h in 4,4 secondi, e di arrivare ad una velocità massima di 301 km/h. La speciale Spyder è infine disponibile sia con il cambio manuale a 6 marce che con il velocissimo e pazzesco cambio automatico PDK a 7 marce. Infine, tutte le Porsche 718 Boxster sono, rigorosamente, a trazione posteriore.

Motori Porsche Boxster

Benzina

  • 2.0, 2.0 quattro cilindri boxer turbo, 300 CV, c. man. a 6 marce o aut. doppia friz. a 7 m., traz. post.
  • 2.5, 2.5 quattro cilindri boxer turbo, 350 CV, c. man. a 6 marce o aut. doppia friz. a 7 m., traz. post.
  • 4.0, 4.0 sei cilindri boxer aspirato, 400 CV, c. man. a 6 marce o aut. doppia friz. a 7 m., traz. post.
  • 4.0 Spyder, 4.0 sei cilindri boxer aspirato, 420 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione posteriore

Prezzi Porsche Boxster

Il listino prezzi di Porsche Boxster 718 può sembrare semplice, ma nasconde alcune insidie e diversi optional a pagamento che dovrebbero essere quantomeno di serie sulle versioni top di gamma. Ma partiamo con ordine: come da tradizione Porsche, gli allestimenti di serie sono differenti a seconda della motorizzazione scelta. La versione base sarà quindi la Boxster da 300 CV, che insieme al suo 2.0 quattro cilindri turbo offre di serie i fari bixeno, la capote elettrica con frangivento, i cerchi in lega da 17 pollici, lo sterzo con servoassistenza variabile, il clima automatico monozona e il sistema di infotainment con schermo da 7 pollici nonché specchietti e vetri elettrici e sedili a regolazione manuale.

Il prezzo di partenza? 65.176 euro. Ne servono circa 9.000 in più per portarsi a casa la più sportiva versione Boxster T, che offre sotto il cofano lo stesso 2.0 da 300 CV ma con un’attenzione maggiore al piacere di guida. Infatti, Boxster T offre di serie l’assetto sportivo ribassato di 2 cm, il pacchetto Sport Chrono con cronometro in cima alla plancia e selettore delle modalità di guida al volante, differenziale autobloccante meccanico con Torque Vectoring e un’estetica più essenziale e dedicata alla pura sportività. Si passa poi alla Boxster S, che insieme al 2.5 quattro cilindri boxer turbo da 349 CV aggiunge il serbatoio maggiorato a 64 litri, i cerchi da 18 pollici e i sedili elettrici sportivi più contenitivi, mentre rinuncia al differenziale autobloccante.

Si passa così alle Porsche 718 Boxster dotate di motore a 6 cilindri, che richiedono un importante salto in termini di prezzi. Se infatti la Boxster S è offerta a 78.595 euro, la GTS 4.0 sfonda il muro dei 90.000 euro, arrivando a 92.851. Insieme al 4.0 flat six, la GTS aggiunge anche i cerchi in lega da 19 pollici, gli ammortizzatori PASM regolabili, il differenziale autobloccante meccanico con torque vectoring, interni con dettagli in alluminio e un esterno dedicato con paraurti, loghi e decalcomanie specifiche. Sulla base della Boxster GTS Porsche ha poi realizzato la speciale versione 25 years, per festeggiare il venticinquesimo compleanno, caduto alla fine del 2021, di Boxster, lanciata infatti sul mercato alla fine del 1996. Infine, troviamo la top di gamma Spyder, che rinuncia ad un tetto “completo” per una striminzita tela manuale, e rinuncia anche alla palpebra del quadro strumenti, alle maniglie delle portiere (sostituite da fettucce di stoffa) e, offre però l’assetto ribassato di 3 cm, gli ammortizzatori PASM a controllo elettronico, il differenziale autobloccante con Torque Vectoring, i cerchi da 20 pollici, i freni maggiorati e il 4.0 da 420 CV.

Ed è proprio la 4.0 Spyder la regina del listino prezzi di Porsche Cayman 718, offerta a 104.516 euro. Come sulla sorella a tetto rigido Cayman, però, stupisce che tantissime dotazioni ormai di serie su semplici utilitarie siano a pagamento su tutte le versioni: il Cruise Control (adattivo a richiesta solo sulle versioni con cambio PDK), il clima bizona, la retrocamera e persino l’interfaccia Apple CarPlay sono, ad esempio, sempre a richiesta, anche sulla Spyder, e non sono neanche così economici con prezzi di almeno 500 euro. L’esborso per avere una Porsche 718 Cayman all’altezza delle proprie aspettative, quindi, può aumentare anche di 10 o persino 20.000 euro rispetto al prezzo di listino.

Listino prezzi Porsche Boxster

Boxster

  • Boxster 2.0, 65.176 euro

Boxster T

  • Boxster 2.0 T, 74.261 euro

Boxster S

  • Boxster 2.5 S, 78.565 euro

Boxster GTS

  • Boxster 4.0 GTS, 92.851 euro

Boxster 25 years

  • Boxster 4.0 25 years, 102.364 euro

Boxster Spyder

  • Boxster 4.0 Spyder, 104.516 euro

Porsche Boxster: concorrenti e conclusioni

Se al lancio in tanti la consideravano solo la “sorella povera di 911”, oggi in pochi si permettono ancora di chiamarla così, e se lo fanno è perché non ne hanno mai guidata una. Per qualità, livello di cura nei dettagli e di raffinatezze meccaniche, stile e prestazioni, oggi una Porsche 718 Cayman ha ben poco da invidiare ad una 911, se non il nome leggendario. Per molti, infatti, Boxster è stata una vera e propria sorpresa: in pochissimi si aspettavano che Porsche potesse realizzare un’automobile che si guidasse ancora meglio di 911, e invece sono riusciti a stupire il mondo e a migliorare questa nomea generazione dopo generazione. Se infatti le prime generazioni furono “ingentilite” per non infastidire Sua Maestà, oggi la gamma motori potente e vivace di Boxster e della sorella coupé Cayman sono in grado di dare emozioni anche ai più esigenti. Se infatti ha ereditato lo stesso carattere versatile, docile e pacioso nella vita di tutti i giorni dalla 911, rispetto alla sorellona a motore posteriore Porsche 718 Boxster è persino più coinvolgente ed equilibrata. Il merito è di un telaio eccezionale, di un bilanciamento dei pesi perfetto grazie al motore centrale e di una taratura di motori, sterzo e sospensioni millimetriche. In tanti, vedendo la perfezione dinamica di Boxster, l’hanno definita “fredda”: in realtà, Porsche Boxster è in grado di regalare una delle esperienze di guida più pure e appaganti in circolazione, soprattutto con gli eccellenti motori sei cilindri boxer. Tra i pochissimi difetti di questo progetto c’è infatti il sound e il poco carisma dei motori a 4 cilindri, oltre alla scarsissima dotazione di serie.

Questi sono però peccati veniali: anche con il 4 cilindri boxer, Porsche 718 Boxster è una delle vetture più belle e coinvolgenti da guidare in circolazione, una vera spina nel fianco per tutte le rivali dirette e una delle migliori sportive degli ultimi 20 anni. Le concorrenti di Porsche Boxster 718 si sono trovate di fronte una bella sfida: riuscire a battere Boxster sia sul piano della versatilità e del comfort urbano sia su quello della guidabilità. Le (poche, ahinoi) rivali rimaste ce la mettono tutta per combatterla: le classiche rivali BMW Z4 e Audi TT sono le concorrenti di Porsche Boxster più temibili, vista la dipartita della Mercedes SLC/SLK, ma per purezza di guida a cielo aperto non va dimenticata la sportiva più venduta di sempre, ben più economica ma ugualmente coinvolgente: Mazda MX-5.

Recensioni dei veicoli Porsche Boxster

40 Recensioni

4,8