Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.
BMW-Z4-Front-1100.jpg

BMW Z4

1 / 3
BMW-Z4-Front-1100.jpg
BMW-Z4-Hero-1100.jpg
BMW-Z4-Side-Rear-1100.jpg

Pro

  • Comfort di ottimo livello
  • Guida sportiva ma mai esasperata

Contro

  • Visibilità posteriore critica
  • Tanti optional “obbligatori” a pagamento

BMW Z4 in sintesi

Qui trovi una panoramica generale dell’auto BMW Z4 inclusi i dati relativi alle caratteristiche principali, alla motorizzazione, all’equipaggiamento e altre informazioni utili relative al modello dell’auto. leggi di più

Nuovo a partire da:€ 38.490,-*
Usato a partire da:€ 2.850,-*
*Prezzo più basso su AutoScout24 nel mese scorso

Bmw Z4 - dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Dopo una tradizione iniziata negli anni ’30 e terminata alla fine degli anni ’50 con la bellissima ma fallimentare 507, BMW è tornata alla produzione di una scoperta a due posti secchi destinata al divertimento solo nel 1988 con la folle Z1. La sportiva tedesca, realizzata sulla piattaforma della Serie 3 E30, onorava il nome che porta fieramente, Z come Zukunft, Futuro in tedesco, presentando un’aerodinamica curatissima, una carrozzeria con pannelli in plastica o vetroresina facilissimi da sostituire e le celebri portiere retrattili verso il basso, permettendo così di guidare con le portiere aperte senza problemi. Tanto particolare quanto poco capita da nuova, la Z1 ha salutato tutti nel 1991, lasciando la sigla Z orfana di un modello fino al 1995, quando BMW lanciò la Z3. Continua a leggere

Ti interessa la BMW Z4

Altre informazioni per la tua ricerca

Modelli alternativi

Primo modello della Casa ad essere prodotto in America, nello stabilimento di Spartanburg, in Nord Carolina, la Z3 era di nuovo realizzata sulla base di Serie 3, stavolta la E36, e sfoggia uno stile più retrò ma ugualmente particolare, con il lunghissimo cofano anteriore e l’abitacolo “appollaiato” sulle ruote posteriori. Questo stile sarà poi ripreso come tratto distintivo di tutte le “Z Cars” fino ad oggi.

Dopo la produzione della eccentrica Z3 Coupé e delle potentissime Z3 M, nel 2002 BMW sostituì la Z3 con la nuovissima Z4, che riprendeva gli stilemi estetici di Z3 ma rielaborandoli con il nuovo corso stilistico del discusso designer Chris Bangle. Dotata ora di motori più potenti, di interni più curati e spaziosi e di più tecnologia, la Z4 è stata prodotta in due differenti generazioni: la E85, dal 2002 al 2008, e la più moderna E89 dal 2009 al 2016. La seconda generazione non ha più avuto una versione Coupé, né una Z4 M, entrambe presenti (e amatissime) con la precedente generazione, ma bensì ha ricevuto per la prima volta dei motori turbocompressi, un cambio automatico a doppia frizione, un nuovo stile ancora più elegante e raffinato e, soprattutto, il tetto retrattile in metallo.

Dopo Z3 e Z4 dotate di tetti in tela, la Z4 E89 ha seguito la nuova moda delle vetture coupé-cabriolet, sfoggiando un tetto capace di “nascondersi” elettricamente in meno di 20 secondi. Dotata di motori con potenze fino a 340 CV, la seconda serie di Z4 ha lasciato un vuoto per due anni, colmato solo nel 2018 con la nuova Z4, la G29. Rispetto alle precedenti generazioni, Z4 non condivide la base meccanica con le coeve Serie 3, bensì è realizzata su una piattaforma sviluppata insieme a Toyota, che sulla stessa base ha riportato sul mercato la nuova Toyota Supra, la A90. Dotata di motori a 4 e 6 cilindri con potenze fino a 340 CV, la nuova Z4 è tornata indietro al tetto in tela, ha una grande dotazione tecnologica e punta ad offrire il massimo compromesso tra sportività e comfort nella vita di tutti i giorni.

Scopriamo allora dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di BMW Z4.

Dimensioni BMW Z4

Le dimensioni della BMW Z4 sono:

  • lunghezza 4,32 metri
  • larghezza 1,86 metri
  • altezza 1,30 metri
  • passo 2,47 metri

Da fuori, BMW Z4 è immediatamente riconoscibile come una Z Car, con il lungo cofano chilometrico, l’abitacolo arretrato appoggiato sulle ruote posteriori e l’accenno di coda dietro l’abitacolo. A sorprendere però ci sono delle linee molto più moderne e futuristiche, che allontanano il pensiero dalle classiche sportive del mondo Z di BMW. Pensiamo ad esempio al frontale: il doppio rene è di dimensioni umane rispetto ad altre vetture della Casa, ma è schiacciato e allungato, quasi a toccare i fari, che sono sottili ma piuttosto tondeggianti, dando all’anteriore di Z4 un look elegante ma mai troppo sportivo. Lateralmente, si nota il lunghissimo cofano, i cerchi che possono andare da 17 a 19 pollici e la presenza della tela per il tetto, che cambia completamente il look della vettura.

Se infatti la precedente Z4 sembrava da diverse angolazioni una coupé con il tetto in posizione, oggi Z4 sfoggia con fierezza il suo essere cabrio, anche e soprattutto dietro. La coda sfoggia infatti dei passaruota estremamente allargati, molto più che in passato, con la tela che fatica ad arrivare ai lati estremi della carrozzeria. Questo dona alla Z4 uno stile molto personale e sportivo, con un posteriore importante che enfatizza la larghezza di 1,86 metri. I fari sono molto sottili e sviluppati in larghezza, ovviamente con tecnologia LED, mentre il paraurti è molto alto e sfoggia due scarichi veri su tutte le versioni, anche sulle 20i d’accesso, Infine, la terza luce di stop è integrata in un alettone posteriore a becco d’anatra, che per forma, dimensione e posizione è identico a quello presente sulla cugina coupé giapponese, la Toyota Supra.

Concludendo con le dimensioni di BMW Z4, il vano di carico è piuttosto capiente per una due posti compatta (è la BMW più piccola sul mercato, lunga 4,32 metri come la compatta Serie 1). Il bagagliaio di BMW Z4 è da 281 litri, e rimane identico sia con il tetto in tela in posizione che quando è retratto: rispetto al passato, infatti, la tela sfrutta la sua compattezza ed è dotata di un vano dedicato, senza “sforare” nel bagagliaio.

Interni BMW Z4

Gli interni di BMW Z4 sono realizzati con una cura estetica e costruttiva eccellente. Se infatti le precedenti BMW Z, soprattutto Z3 e Z4 prima serie, erano state criticate per degli interni non eccezionali per materiali ed assemblaggi, dalla E89 in poi Z4 si è proposta come la scoperta più curata in circolazione, ed oggi con la generazione G29 la qualità non fa che aumentare. Esteticamente, gli interni di BMW Z4 riprendono gli stilemi introdotti dalla Serie 3 G20 nel 2018, con il quadro strumenti digitale da 12,3 pollici e lo schermo touch da 10,25 pollici a svettare sulla plancia, di serie dall’allestimento Sport. Anche la plancetta del clima, con comandi fisici e un piccolo schermino di conferma per la temperatura, e gli otto tasti di selezione rapida sono di eccellente qualità, così come il tunnel centrale, molto alto che va a dividere i due passeggeri.

Qui troviamo la leva del cambio, manuale a 6 marce di serie sulla Z4 sDrive20i, la quale è però disponibile a richiesta con il cambio automatico ZF a 8 rapporti con convertitore di coppia, di serie su tutte le altre motorizzazioni di Z4. Di fianco alla leva del cambio trova posto il rotore del sistema di infotainment iDrive, di settima generazione su Z4: veloce, fluido e completo di tutte le funzionalità di cui si può aver bisogno, ospita la connettività con Apple CarPlay e, soprattutto, Android Auto, per troppo tempo assente dalle vetture dell’Elica. Per il resto, Z4 sfoggia un abitacolo elegante, ben realizzato, con una plancia moderna e con finiture orizzontali che danno una maggiore sensazione di spazio all’interno della vettura. Concludendo con gli interni di BMW Z4, l’automobile è dotata, da buona roadster, di due soli posti. Questi sono però decisamente generosi, e permettono anche ai più alti di trovare una perfetta posizione di guida, sdraiata e comoda, nonostante l’altezza di soli 1,30 metri.

BMW-Z4-Interieur BMW-Z4-Seats

Motori BMW Z4

La gamma motori di BMW Z4 rinuncia a qualsiasi tipo di elettrificazione, e punta tutto su tre motori a benzina, tutti turbocompressi, vivaci ma anche piuttosto parchi nei consumi. La gamma è aperta dalla versione d’attacco, la sDrive20i, dotata del 2.0 quattro cilindri turbo B48 da 197 CV e 320 Nm di coppia. Disponibile sia con cambio manuale a 6 marce che automatico a 8 rapporti, la baby Z4 è in grado di offrire ottime prestazioni (0-100 km/h in 6,8 s, 6,6 con l’automatico ZF) ma anche consumi contenuti in 13/14 km con un litro reali in un percorso misto. Per chi vuole qualcosa in più, Z4 offre lo stesso 2.0 in versione 30i: il quattro cilindri B48 arriva così a 258 CV e 400 Nm, capace di far “scomporre” decisamente di più la vettura in curva grazie alla trazione posteriore. Nonostante i consumi siano identici, sulla carta, alla 20i, le prestazioni scendono parecchio, con uno 0-100 km/h coperto in 5,4 secondi e una velocità massima di 250 km/h autolimitati.

La gamma motori di BMW Z4 trova poi il punto più alto nella sportiva M40i. Al contrario di 20i e 30i, la versione di punta sfoggia sotto il cofano un 3.0 sei cilindri in linea, il B58 turbo da 340 CV e ben 500 Nm di coppia. Per scaricare a terra tutti i CV del 3.0 viene in aiuto del motore il differenziale autobloccante, di serie sulla M40i (ed optional sulla 30i), un assetto ribassato e dotato di ammortizzatori a controllo elettronico, dei freni maggiorati e il cambio automatico ZF a 8 marce. Grazie alla vivacità del 3.0, la M40i ha prestazioni che la avvicinano al territorio delle Supercar, con uno 0-100 km/h completato in soli 4,5 secondi. La piattaforma meccanica è derivata dalla CLAR vista su altre BMW, ma è stata modificata e perfezionata in collaborazione con Toyota, che sulla stessa base realizza la sua Supra. Disponibile solo come Coupé, la nuova Supra fa a meno del 2.0 da 197 CV e sfoggia il 2.0 da 258 CV e il 3.0 da 340 CV delle 30i ed M40i.

Motori BMW Z4

Benzina

  • sDrive20i, 2.0 quattro cilindri turbo, 197 CV, cambio manuale a 6 marce o aut. a 8 marce, traz. post.
  • sDrive30i, 2.0 quattro cilindri turbo, 258 CV, cambio automatico a 8 marce, trazione posteriore
  • M40i, 3.0 sei cilindri in linea turbo, 340 CV, cambio automatico a 8 marce, trazione posteriore

Prezzi BMW Z4

Il listino prezzi di BMW Z4 è decisamente interessante, con dei prezzi, almeno sulla carta, inferiori a quelli che ci si potrebbe aspettare. Per portarsi a casa una già BMW Z4 sDrive20i in allestimento base servono infatti 44.500 euro, che salgono a 46.700 per la versione automatica. A questo prezzo, però, le sfiziosità viste all’interno e all’esterno vengono meno, offrendo così una sportiva senza fronzoli, più spartana e pura. Il quadro strumenti, ad esempio, è di tipo analogico con uno schermo digitale tra tachimetro e contagiri, lo schermo dell’infotainment misura 8 pollici, i sedili sono a regolazione manuale mentre c’è il Cruise Control, ma non adattivo. Non mancano poi i fari Full LED, la radio DAB, il clima automatico, il riconoscimento dei segnali stradali, la capote in tela elettrica che si ripiega in soli 10 secondi e il mantenitore di corsia.

Per avere qualcosa in più bisogna passare alla Advantage, che offre in più il clima bizona, l’apertura per caricare un oggetto lungo nel bagagliaio, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, mentre la MSport offre, oltre alla caratterizzazione estetica più sportiva, la plancia rivestita in simil-pelle SensaTec, l’assetto sportivo M e i badge esterni in nero lucido. La Sport, invece, è la versione top di gamma: rinuncia alla caratterizzazione sportiva della MSport, ma offre più tecnologia con il quadro strumenti digitale, lo schermo da 10,25 pollici di serie, i sedili sportivi, le modanature interne più curate, i sedili in pelle, i cerchi da 18 pollici e molto altro. Al top del listino prezzi di BMW Z4 troviamo, infine, la M40i, che oltre al motore da 340 CV offre anche i cerchi da 18 pollici di serie, i freni maggiorati MSport, l’assetto sportivo con ammortizzatori a controllo elettronico, il differenziale autobloccante, il volante e i sedili sportivi e le calotte degli specchietti color antracite. Fa storcere il naso, infine, dover acquistare come optional separati su tutte le Z4 optional essenziali nel 2022 come il Cruise Control Adattivo, l’Head-Up Display, l’accesso e l’accensione Keyless e il cruscotto digitale, di serie solo sulle Sport ed M40i.

Listino prezzi BMW Z4

Base

  • Z4 sDrive20i, 44.500 euro
  • Z4 sDrive20i aut., 46.700 euro
  • Z4 sDrive30i, 53.800 euro

Advantage

  • Z4 sDrive20i Advantage, 46.150 euro
  • Z4 sDrive20i Advantage aut., 48.350 euro
  • Z4 sDrive30i Advantage, 55.450 euro

Sport

  • Z4 sDrive20i Sport, 48.600 euro
  • Z4 sDrive20i Sport aut., 50.800 euro
  • Z4 sDrive30i Sport, 57.900 euro

MSport

  • Z4 sDrive20i MSport, 50.800 euro
  • Z4 sDrive30i MSport, 60.100 euro

M40i

  • Z4 M40i, 67.500 euro

BMW Z4: concorrenti e conclusioni

BMW Z4 è quindi una sportiva compatta, elegante e completa, che ha deciso di tornare sui suoi passi e omaggiare la tradizione delle spider con tetto in tela riscoprendo i piaceri della copertura morbida in tessuto. Questo ritorno al passato, però, ha portato con sé solamente dei pregi: il tetto in tela è infatti più leggero, consentendo a Z4 di stare ben sotto i 1.500 kg con le versioni a 4 cilindri, è più appagante esteticamente e permette un miglior sfruttamento degli spazi senza inficiare la capacità del bagagliaio. In più, BMW ha lavorato benissimo con il suo tetto in tela, offrendo un’insonorizzazione e un isolamento dagli agenti esterni eccellente.

Grazie ad una tela davvero eccellente, infatti, BMW Z4 offre un comfort di ottimo livello, quasi ai livelli di una coupé elegante e distinta. Sebbene infatti Z4 riesca a divertire tra le curve, con uno sterzo preciso, un telaio rigido e capace di “divertirsi” tra le curve e motori vivaci e potenti, la due posti tedesca è anche comoda, rifinita, silenziosa e comoda, perfetta per delle gite fuori porta di coppia come per la guidata con gli amici su un passo di montagna.

Certo, Z4 non è perfetta: non costa poco, soprattutto se si vuole il massimo in termini di tecnologia e funzionalità, la visibilità posteriore è critica e tantissimi optional che su una vettura di questo calibro dovrebbero essere di serie sono a pagamento anche sulla ricca M40i. Se siete però alla ricerca di una vettura scoperta che non costringa a rinunce dal punto di vista del comfort, della qualità o della tecnologia, BMW Z4 potrebbe essere la vettura adatta a voi. Nonostante ormai il mondo delle scoperte a due posti sia sempre meno affollato, le concorrenti di BMW Z4 non mancano. La rivale diretta è senza dubbio la Audi TT, dopo la dipartita della Mercedes SLK/SLC qualche anno fa. Non possiamo poi dimenticare la più piccola Mazda MX-5 e la Porsche 718 Boxster, ma le concorrenti di BMW Z4 più temibili sono la sorellastra Toyota Supra, la nuova BMW Serie 2 Coupé e la scoperta a 4 posti BMW Serie 2 Cabriolet, leggermente più grande ma simile per prezzo e target.

FAQ

Quanto costa la BMW Z4 M40i?

BMW Z4 M40i è la punta di diamante della gamma Z4: dotata del mitico 3.0 sei cilindri in linea B58 da 340 CV e 500 Nm di coppia, ha prestazioni da Supercar di qualche anno fa con uno 0-100 km/h coperto in 4,5 secondi, e il prezzo è alto, ma non stellare: per avere una Z4 col sei cilindri in linea bisogna mettere in conto un prezzo di listino di almeno 67.500 euro prima degli optional obbligatori. Nonostante si tratti infatti della più costosa tra le Z4, non sono di serie il Cruise Control Adattivo, il quadro strumenti digitale da 12,3 pollici e l’Head-Up Display. 

Che motore monta la BMW Z4?

BMW Z4 è disponibile con tre motorizzazioni, due a 4 cilindri e una a 6 cilindri. La gamma Z4 si apre con la Z4 sDrive20i, dotata di un 2.0 quattro cilindri da 197 CV e 320 Nm di coppia, e disponibile con cambio manuale a 6 marce o automatico a 8 rapporti. Lo stesso 2.0 quattro cilindri è poi declinato in versione 30i con 258 CV e 400 Nm di coppia, e disponibile con il solo cambio automatico a 8 marce. Infine, la versione di punta è la Z4 M40i, dotata di un 3.0 sei cilindri in linea da 340 CV e 500 Nm di coppia, capace di far scattare la sportiva bavarese da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi e spingere fino ad una velocità massima di 250 km/h. 

Chi ha disegnato la BMW Z4?

Dopo la prima e, in misura minore, la seconda serie di BMW Z4 disegnate dal controverso designer americano Chris Bangle, la terza generazione di BMW Z4 (G29) è stata disegnata dal progettista australiano Calvin Luk, responsabile anche della BMW X3 (G01) del 2017, del restyling della BMW Serie 1 (F20) di seconda generazione e dello stile degli esterni della seconda generazione di BMW X1, la F48. 

Valutazioni sul veicolo per BMW Z4

61 Valutazioni

4,8

Altri collegamenti

Modelli