Alfa Romeo Giulia - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo Giulia

La berlina dalla guida sportiva

L'Alfa Romeo Giulia (progetto 952) è una berlina premium prodotta dalla casa automobilistica italiana Alfa Romeo. È stata presentata a giugno 2015, con lancio sul mercato previsto per febbraio 2016 ed è la prima berlina offerta da Alfa Romeo dopo la produzione della 159 terminata nel 2011. La Giulia è anche il primo veicolo Alfa Romeo a riutilizzare una piattaforma a trazione posteriore e motore longitudinale, dal momento che l’ultima “75” è stata interrotta nel 1992. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Alfa Romeo Giulia, la berlina disegnata dal vento

La Giulia è stata votata Auto europea dell’anno 2017 ed è stata nominata da Motor Trend auto dell’anno per il 2018, oltre ad aver visto riconoscersi numerosi altri premi. La Giulia è il primo modello del piano di rilancio dell’azienda, che prevedeva un investimento di 5 miliardi di euro per una linea di otto vetture e un obiettivo di vendita mondiale di 400.000 entro il 2018, rispetto a 74.000 nel 2013. Lo sviluppo della Giulia, insieme allo sviluppo dell’intero progetto “Giorgio”, è stato supervisionato dal direttore tecnico della Ferrari, Philippe Krief. L’auto è assemblata nello stabilimento di Cassino di FCA, in Italia, nella provincia di Frosinone, che produce la SUV Stelvio e la compatta Giulietta. La produzione ufficiale della Giulia è iniziata il 19 aprile 2016. Il 6 dicembre 2018 Giulia ha raggiunto il traguardo di 100.000 unità prodotte.

Alfa Romeo Giulia: com’è fatta, pro e contro

La vettura è stata progettata presso il Centro Stile Alfa Romeo e propone un passo di 2,82 m, una lunghezza 4,64 m e una larghezza 1,87 m, collocandosi nel segmento delle berline medie. La nuova Giulia è stata presentata alla stampa al Museo Storico Alfa Romeo ad Arese, il 24 giugno 2015, in un evento che ha coinvolto solo la variante prestazionale Quadrifoglio. L’occasione coincise con il 105° anniversario della società, e la vettura è stata presentata con lo slogan “La meccanica delle emozioni”. Successivamente, il 15 Settembre 2015, al Salone dell’automobile di Francoforte, Harald Wester ne svela al pubblico nuove caratteristiche meccaniche e i motori “ordinari”. All’interno lo stile è classico, con note tecnologiche e moderne: a seconda del livello di allestimento ha un display a colori da 6,5 pollici o 8,8 pollici, criticato per l’assenza di touch pad capacitivo. La Giulia Veloce, la variante sportiva, è stata invece presentata al Salone Internazionale dell’Automobile di Parigi 2016 che si è tenuta in ottobre. Il team di ingegneri ha visto la partecipazione, oltre che dei tecnici Alfa Romeo e delle società di consulenza ingegneristica, anche di personale precedentemente in forza alla Ferrari, che ha contribuito con il know-how maturato a Maranello allo sviluppo del propulsore della versione Quadrifoglio. Tutti i modelli Giulia dispongono di sistemi di sicurezza attivi di serie, tra cui il Forward Collision Warning (FCW) con freno di emergenza autonomo (AEB) e rilevamento pedoni, IBS (Integrated Brake System) basato sul sistema di controllo elettronico del freno Continental MK C1, Lane Departure Warning (LDW) e cruise control con limitatore di velocità. La Giulia è la prima auto al mondo ad utilizzare il sistema frenante elettronico Continental MK C1. La distanza di arresto da 100 km/h a 0 è 38,5 m per la Giulia e 32 m per il Quadrifoglio. I principali concorrenti della Giulia Quadrifoglio sono le Mercedes-AMG C63, la BMW M3 e, in America, la Cadillac ATS-V.

Alfa Romeo Giulia: allestimenti, motori e prezzi

La Giulia utilizza un motore anteriore, a trazione posteriore, con una distribuzione 50:50 del peso tra anteriore e posteriore. La sospensione è indipendente a tutto tondo, del tipo a doppio braccio trasversale anteriore e multilink nella parte posteriore. Tutti i modelli Giulia, anche i meno prestanti, impiegano un albero di trasmissione in fibra di carbonio prodotto da Hitachi Automotive Systems, così come le sedi dei duomi anteriori in lega di alluminio. La Giulia “base”, la Super sono alimentate da un motore a benzina da 200 CV o dalla scelta di un motore diesel turbo da 150 CV o 180 CV. Il modello base viene fornito con leghe da 16 pollici, il Super si distingue per le leghe da 17 pollici e il doppio terminale di scarico cromato per il modello diesel. Sono disponibili anche gli optional Sport, Performance e Luxury Pack. Il pacchetto sportivo comprende volante sportivo con impugnatura aggiuntiva, inserti in alluminio sul cruscotto, console centrale e pannelli porta e fari allo Xenon. Il pacchetto di lusso offre tappezzeria in pelle di alta qualità e finiture in legno. Il pacco di spettacolo include differenziale di sbaglio limitato meccanico insieme con sospensione elettronica e paddle shift sul piantone dello sterzo nelle auto equipaggiate con una trasmissione automatica. La Veloce offre la scelta di due motori: il turbo da 2,0 litri 280 CV e il motore diesel da 2,2 litri 210 CV, entrambi dotati di cambio automatico a 8 rapporti e sistema di trazione integrale Alfa Q4. Con il sistema di trazione integrale Alfa Q4, normalmente la vettura si comporta come un veicolo a trazione posteriore: il 100% della coppia viene distribuito all’asse posteriore. Quando raggiunge il limite di aderenza della ruota, il sistema trasferisce fino al 60% della coppia sull’asse anteriore. Per garantire la massima velocità di risposta nella ripartizione della coppia, il sistema sfrutta un elevato slittamento meccanico (fino al 2,5%) tra i due assi, che si traducono in elevato controllo del veicolo in termini di trazione e stabilità direzionale in curva. La Quadrifoglio è alimentata da un motore V6 90° a iniezione diretta a doppia turbina in lega di alluminio, con cilindrata monocilindrica di poco meno di mezzo litro, per un totale di 2.891 cc. Questo V6 deriva dal motore Ferrari F154 montato sulla California T e ha una potenza massima di 510 CV a 6.500 giri/min e 600 Nm di coppia tra 2.500 e 5.000 giri/min. Con la possibilità di spegnere tre dei sei cilindri, questo modello raggiunge un consumo di carburante di 8,5 litri per 100 chilometri, con emissioni di 198 g/km, nel ciclo combinato. La trasmissione automatica a otto rapporti è sviluppata in collaborazione con ZF. La Quadrifoglio pesa 1.524 kg e ha un rapporto peso/potenza di 3 kg/CV. Questo è ottenuto grazie alla costruzione in composito e in lega leggera degli altri modelli, oltre a un tetto e un cofano in fibra di carbonio. Secondo Alfa Romeo, la Giulia Quadrifoglio può accelerare da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi e fermarsi da quella velocità in 32 metri. La velocità massima di 307 km/h. La Giulia parte da circa 42mila euro per le versioni “base”, fino agli 86.000€ delle Quadrifoglio.

Alfa Romeo Giulia: conclusioni

La Giulia ha segnato una svolta epocale per il marchio Alfa Romeo, una nuova rinascita per il mercato di massa, dopo le prove generali con le sportivissime 4C e 8C. La Giulia si è imposta nel segmento per le qualità di guida e per i motori performanti uniti al peso ridotto del mezzo. Certo qualche compromesso a livello di ADAS più evoluti ed infotainment bisogna accettarlo, ma c’è a sicurezza di mettersi in garage una delle migliori berline degli ultimi tempi per gli amanti della guida sportiva.

Recensioni dei veicoli Alfa Romeo Giulia

2 Recensioni

5,0