BMW X6 - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

BMW X6

BMW X6

Primo Sport Utility Coupé BMW nel 2008

Il modo in cui i designer BMW concepivano la trasformazione della berlina della classe superiore della Serie 7 in un elegante coupé o cabriolet è stato dimostrato nel 2003, nella fattispecie quando ha debuttato la BMW Serie 6. Al più tardi in questo periodo è nata probabilmente l'idea innovativa di adottare forme molto simili al coupé anche per la classe degli Sport Utility Vehicles (SUV). Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

La casa monacense disponeva della piattaforma di costruzione adatta con la BMW X5, prodotta dal 1999 presso lo stabilimento americano della ditta. E proprio in questo contesto doveva anche realizzarsi il concetto noto con il termine Sport Utility Coupé, presentato nel 2008 con il nome di BMW X6 come nuovo membro della BMW Serie X.

La BMW X6 in versione di crossover a cavallo tra coupé e SUV

Con la sua lunghezza di quasi 4,90 metri, la sua larghezza poco inferiore a due metri e la sua altezza di quasi 1,70 metri, la BMW X6 dimostrava la sua appartenenza a pieno titolo alla classe dei SUV. Se però il design della X5 è stato criticato perché recepito come un po’ pesante, la BMW X6 costruita sulla base del SUV rispondeva alla questione dello stile in modo completamento diverso, vale a dire con il tetto dalla linea allungata e spiovente tipica dei coupé. Nonostante la spiovenza, i quattro passeggeri a bordo dell’abitacolo avevano a disposizione uno spazio ancora maggiore che all’interno delle berline della serie 7. Questa sorprendente spaziosità del crossover derivata da SUV e coupé era dovuta ai passaggi corti e all’interasse di quasi tre metri. Con il suo peso fino a 2,5 tonnellate questo modello si ispirava pertanto nuovamente ai modelli della classe dei SUV.

Motorizzazione standard della BMW X6

La BMW X6 è stata proposta sui mercati europei con due motori a benzina e due motori Diesel. I modelli di partenza erano costituiti da motori dalla cilindrata di tre litri, rispettivamente un Diesel dalla potenza inizialmente di 173 kW (235 CV) e successivamente di 180 kW (245 CV) e un motore a benzina da 225 kW (306 CV). Il modello a benzina più potente era dotato inizialmente di un motore V8 biturbo dalla cilindrata di 4,4 litri, in grado di sviluppare una potenza di 300 kW (407 CV). Al momento del lancio sul mercato, il motore ad accensione spontanea più grosso sviluppava una potenza di 210 kW (286 CV) e successivamente è stato sostituito con un nuovo motore da 225 kW (306 CV).

BMW X6 con motore M e trazione ibrida

L’ammiraglia della serie era la BMW X6 M. Gli specialisti in materia di tuning della casa di Monaco hanno utilizzato per il modello M il motore V8 biturbo mettendolo in condizioni di sviluppare una potenza di 408 kW (555 CV), che consentiva alla X6 di compiere lo sprint da 0 a 100 km/h in 4,secondi. A titolo di confronto è possibile dire che la versione con motore a benzina più piccolo riusciva a realizzare lo sprint in 6,7 secondi. La casa bavarese si è però limitata a montare a bordo della sua X6 un motore sportivo per ottenere prestazioni migliori. Per contribuire ad una maggiore ecologicità ha lanciato contemporaneamente una versione ibrida della BMW X6, dotata anch’essa di un propulsore V8. Il motore a benzina veniva coadiuvato da due motori elettrici, che provvedevano autonomamente alla propulsione durante la marcia a velocità contenuta.

Recensioni dei veicoli BMW X6

28 Recensioni

5,0