Ferrari Mondial - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Ferrari Mondial

Carrozzeria

Ferrari Mondial, una vettura riuscita e di successo

La Ferrari Mondial era una berlinetta a 4 posti (2+2) prodotta dalla casa di Maranello dal 1980 al 1993, in varie versioni. Riprendendo il nome Mondial delle mitiche Ferrari da competizione, la vettura si presentò sul mercato come un ottimo completamento di una particolare gamma di Ferrari, dedicata ai clienti che desideravano avere una sportiva del cavallino rampante senza rinunciare alla possibilità di avere 4 posti. La Ferrari Mondial infatti, nonostante si trattasse di una 2+2, era progettata per avere una discreta abitabilità ai due posti posteriori.Il nome Mondial era stato scelto anche come omaggio alla vittoria ottenuta dalla Ferrari nel Campionato di Formula 1, nell'anno precedente alla presentazione della vettura. Il design della linea fu affidato alla Pinifarina, la carrozzeria che all'epoca realizzava la quasi totalità delle vetture Ferrari, incaricata di rivestire un telaio tubolare, allungato per ospitare i quattro sedili e motore posteriore da 8 cilindri. Pininfarina presentò una vettura sinuosa ed elegante, equilibrata nel complesso, nonostante l'impostazione a motore posteriore e i quattro posti costringessero necessariamente ad un allungamento sia dell'interasse che della vettura nella coda.La Ferrari Mondial si presentava filante e ben riuscita, con un frontale caratterizzato da fanali a scomparsa e ampio paraurti in materiale plastico di colore nero, che sovrastava la calandra. La fiancata era lineare ed interrotta solo da una griglia in tinta vettura, la quale nascondeva l'apertura per portare aria fresca al vano motore. Il padiglione era allungato per ospitare i 4 posti ed era dotato di ampie superfici vetrate. La parte posteriore era molto semplice, essenziale, con tutti gli elementi stilistici al loro posto. Un piccolo profilo aerodinamico faceva da cornice al posteriore, racchiudendo le due coppie di fanali rotondi, di cui i due interni di colore rosso e i due più esterni di colore arancione. Il paraurti posteriore era abbastanza vuoto, ad eccezione della parte inferiore che ospitava una griglia di colore nero, la quale racchiudeva gli sfoghi d'aria calda proveniente dal motore e i quattro scarichi rotondi, suddivisi in coppie.Gli interni della Ferrari Mondial erano di impronta innovativa. Il tunnel centrale ed il cruscotto bicolore presentavano rispettivamente molti nuovi pulsanti, a sostituzione dei vecchi interruttori a tirante, e un quadro strumentazione ben fornito. I quattro sedili erano realizzati in comoda pelle Connnolly, con poggiatesta integrato. La Ferrari Mondial era una delle prime vetture dotate di un vero e proprio computer di bordo.

Le versioni della Ferrari Mondial

La Ferrari Mondial venne prodotta essenzialmente in quattro versioni: la Mondial 8, la Mondial Quattrovalvole, la Mondial 3.2 e la Mondial T.Con il nome di Mondial 8 venivano identificati tutti gli esemplari prodotti tra il 1980 ed il 1982. Di questa serie vennero prodotti unicamente esemplari in versione coupé, mono specchio e bicolore.La produzione della Ferrari Mondial Quattrovalvole iniziò nel 1982. Come suggerito dal nome, la Quattrovalvole era spinta dal nuovo motore V8 che aveva quattro valvole per cilindro e prestazioni migliorate, che portavano la vettura ad una potenza di 240 CV. Differiva dalla precedente Mondial 8 unicamente per la motorizzazione, in quanto il design e la telaistica rimasero pressoché invariati.La Ferrari Mondial 3.2 era invece un restyling della versione precedente non solo nella motorizzazione, ma anche nell'estetica. Fu presentata nel 1985 e realizzata in versione coupé e cabriolet, con tettuccio elettrico come optional. Si trattava di una vettura fresca ed innovativa, basti considerare che era la prima Ferrari dotata di sistema ABS. Meccanicamente, il motore fu maggiorato a 3.185 cc di cilindrata, per una potenza di 275 CV e prestazioni eccellenti. Esteticamente, furono eliminati i fascioni e i paraurti di colore nero, sostituiti con elementi in colore vettura; la carrozzeria fu alleggerita, tramite l'utilizzo dell'alluminio per il cofano anteriore, il baule e le griglie.La Ferrari Mondial 3.2 viene ricordata nell'immaginario comune per un evento in particolare. Nel 1988 Papa Giovanni Paolo II, in visita agli stabilimenti Ferrari a Maranello, fece un giro lungo la pista di Fiorano per salutare i fedeli a bordo di una Mondial 3.2 cabriolet aperta, con alla guida Piero, figlio di Enzo Ferrari.Nel 1989 al Salone di Ginevra venne presentata la Ferrari Mondial T, dove T stava per trasversale, come l'innovativo cambio abbinato al motore longitudinale. La T nel nome era inoltre un omaggio alla monoposto F1 denominata 312 T, vincitrice del Campionato Mondiale di F1 con la stessa configurazione con cambio trasversale e motore longitudinale. Si trattava della versione più potente della Mondial, poiché molte innovazioni tecnologiche derivavano direttamente dall'esperienza maturata da Ferrari in Formula 1. Il motore era sempre un 8 cilindri a V di 90°, maggiorato a 3.405 cc di cilindrata e potenza di 300 CV, grazie alla quale poteva raggiungere la velocità massima di 255 km/h, e un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,3".

La Ferrari Mondial, una delle Ferrari più presenti nel mercato delle auto usate

La Ferrari Mondial fu prodotta in un gran numero di esemplari, sia coupé che cabriolet, tra tutte le versioni. Oggi è possibile acquistare una Mondial nel mercato delle auto usate ad un prezzo contenuto. Per questo motivo, infatti, spesso la Mondial è la prima vettura che viene acquistata da chi inizia ad avvicinarsi al collezionismo delle Ferrari usate. La Mondial, soprattutto per quanto riguarda le ultime versioni, era una vettura pratica e divertente, il cui design era entrato nell'immaginario comune come quello della Ferrari tipo. Nel mercato attuale delle auto usate, tutte le Mondial in versione cabriolet sono cercate e mantengono valori interessanti. Delle vetture in versione coupé è la 3.2 la versione da preferire, sia per l'affidabilità che per i ridotti costi di gestione. Le prime serie di Mondial coupé, la Mondial 8 e la Mondial Quattrovalvole sono invece i modelli meno apprezzati dai collezionisti, a causa di un design ancora da migliorare e di prestazioni non all'altezza del marchio Ferrari.