Suzuki Santana - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Suzuki Santana

Suzuki Santana

Suzuki Santana è la denominazione che identifica alcune vetture fuoristrada prodotte dalla collaborazione commerciale tra la Suzuki e la Santana. La Santana motor era un'azienda spagnola che costruiva vetture su licenza. Inizialmente realizzava modelli Land Rover, ma con la crisi del marchio nel 1983 venne cancellata la partnership. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Suzuki Santana, il prodotto della fusione tra Oriente e Occidente

Successivamente la Santana Motor, forte della sua esperienza nella realizzazione di veicoli fuoristrada, strinse un accordo con la Suzuki, al fine di produrre in Spagna alcune vetture della casa automobilistica giapponese. La produzione in Spagna di queste vetture faceva sì che le auto Suzuki fossero un prodotto della Comunità Europea, in modo tale da evitare i pesanti dazi commerciali per i prodotti di origine non comunitaria. Questo accordo, grazie ad una diversa fiscalità, rese quindi competitive a livello di prezzo le Suzuki in Italia, principale mercato di sbocco delle Suzuki Santana. Quindi il nome Suzuki Santana non identifica un particolare modello, bensì una joint venture tra due produttori di veicoli. La Suzuki incaricò la Santana di produrre le piccole fuoristrada della serie SJ e Samurai. Si trattava di veicoli fuoristrada di piccole dimensioni, dotati di due porte e quattro posti. Le linee erano abbastanza classiche e tendenzialmente squadrate, i due volumi sviluppati in modo tradizionale, con pochi elementi distintivi. Queste utilitarie Suzuki Santana erano molto versatili e vennero prodotte in diverse versioni. Gli interni delle Suzuki Santana erano di tipo spartano, essenziale, costruiti senza l'utilizzo di materiali pregiati o delicati. Erano pensati per un uso di tipo fuoristrada, pertanto era presente unicamente la strumentazione necessaria, disposta in modo chiaro e convenzionale. I sedili erano ampi e comodi, realizzati in tessuto e disponibili in diversi motivi e colorazioni. La Suzuki Santana è stata prodotta nelle varie serie SJ410 ed SJ413 con carrozzeria chiusa, passo lungo, cabrio, pick-up e con tetto alto. Dotate di motore anteriore, carrozzeria installata sul telaio, ed una semplice meccanica molto affidabile, le Suzuki Santana rappresentavano un'alternativa più versatile alle utilitarie, anche grazie alle ridotte dimensioni e al peso contenuto. I motori arrivavano direttamente in Spagna dal Giappone, mentre il resto della vettura era costruita con materiali comunitari.

Le numerose auto prodotte come Suzuki Santana

La Suzuki Santana SJ410 era una vettura dotata di motore 4 cilindri e 4 tempi, da 970 cc di cilindrata, con una potenza di 45 CV a 5.500 giri ed una coppia di 61 Nm a 3.000 giri. Il cambio a 4 rapporti era abbinato ad una trasmissione che permetteva tre modalità di trazione: posteriore, integrale con marce normali, oppure integrale con marce ridotte, per l'utilizzo su fondi scoscesi o forti pendenze. La Suzuki Santana SJ413 era invece dotata di un motore maggiorato, 4 cilindri, 4 tempi da 1300 cc di cilindrata con una potenza di 64 CV, ed una maggiore coppia. Questa nuova unità in lega d'alluminio venne abbinata al cambio a 5 marce con rapporti più lunghi. Le due versioni risultavano molto simili, le differenze si limitavano a dettagli come la calandra, il cofano con rigonfiamento per ospitare il motore maggiorato, ed alcuni dettagli secondari. Le Suzuki Santana vennero prodotte anche nella versione Samurai, l'ultima evoluzione della SJ. La Samurai era sempre un fuoristrada compatto, e fu prodotto dal 1989 fino al 2003. Inizialmente veniva prodotta con due motorizzazioni a benzina, una da 970 cc e l'altra da 1.324 cc, quest'ultima a carburatori e con 64 CV di potenza. Nel 1998 venne introdotto anche un motore turbo diesel da 62 CV, con cilindrata da 1.900 cc di origine Peugeot. Successivamente venne proposto inoltre un motore diesel atmosferico da 1870 cc di cilindrata, di origine Renault e spinto da 64 CV. Le versioni diesel permettevano di ridurre i consumi rispetto alle unità a benzina commercializzate fino ad allora. Il gasolio al litro infatti nel 1998 costava circa il 50% in meno della benzina.

Il mercato come auto usate delle vetture Suzuki Santana

Questi piccoli fuoristrada vennero prodotti dal 1986 fino al 2003 e conobbero un grande successo commerciale, grazie al prezzo contenuto ed alla loro affidabilità. Oggi sono ancora frequentemente utilizzate dagli appassionati di off-road, che le trasformano in veicoli specifici, alzando le sospensioni e modificandone le geometrie. Nel mercato delle auto usate sono facilmente reperibili, ma la difficoltà principale consiste nel selezionare un modello che si trovi ancora in buone condizioni. Essendo di fatto auto molto sfruttate, non è facile identificare degli esemplari con un basso chilometraggio. Nel mercato delle auto usate, le Suzuki Santana si trovano anche in condizioni restaurate, con nuova verniciatura e con motore sistemato a nuovo. Questi modelli sono più costosi, sia perché i restauri prevedono costi aggiuntivi molto esosi, sia perché una Suzuki Santana restaurata ha di fronte a sé ancora moltissimi anni di vita sfruttabili. Le Suzuki Santana hanno una linea talmente semplice che risultano sempreverdi. Non invecchiano col passare del tempo, anzi vengono rivalutate, anche in funzione delle agevolazioni fiscali previste per vetture che superano una certa età.