Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Skoda Octavia

Pro
  • Consumi eccellenti
  • Qualità costruttiva e praticità ottime
Contro
  • Comandi del clima touch scomodi
  • Brand ancora snobbato dai più

Skoda Octavia: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Riuscire ad avere successo con una carrozzeria berlina in questi anni è parecchio difficile, visto il dilagante apprezzamento del pubblico per i SUV. Ci sono però delle sane eccezioni, come Skoda Octavia, l’auto più venduta e più importante della storia della Casa ceca. La nascita di Octavia è datata 1996, un qualche anno dopo l’entrata della Casa ceca Skoda all’interno del Gruppo Volkswagen: dopo aver rimodernato e migliorato i prodotti già presenti nella gamma ceca originale, come la Favorit e la nuova Felicia, dopo l’acquisizione nel 1991 il primo modello “by Volkswagen” di Skoda fu la berlina Octavia. Continua a leggere

Modelli alternativi

Realizzata sul pianale della Volkswagen Golf IV arrivata poi un anno dopo, la Octavia nacque puntando ai mercati dove le berline a due volumi erano più apprezzate, Paesi dell’Est in primis. Grazie ad una linea moderna e pulita, ad una dotazione di spazio eccellente e ad un rapporto qualità-prezzo estremamente competitivo, però, Octavia divenne presto un fenomeno europeo, capace di vendere in tutti i Paesi del Continente in numeri molto importanti.

La seconda serie del 2004 e la terza del 2013 non hanno fatto altro che aumentare il successo di questo modello, galvanizzato anche dall’amatissima Wagon, campionessa di praticità. Sempre più curata, tecnologica e moderna, Octavia è diventata ben presto la Skoda più venduta della storia con oltre sette milioni di esemplari, e ad oggi è la Wagon più venduta d’Europa, oltre che essere il modello più amato in diversi Paesi europei. Oggi, Skoda vuole continuare la sua crescita con la quarta generazione di Octavia, lanciata nel 2020 e già tra le vetture di medie dimensioni più amate del mercato. Dotata della piattaforma MQB Evo condivisa con Volkswagen Golf, SEAT Leon e Audi A3, la berlina ceca è ancora più spaziosa che mai, sfoggiando però anche una linea molto più elegante, interni disegnati e realizzati con cura e un comportamento dinamico estremamente interessante. Saprà far ricredere nuovamente gli scettici verso il marchio Skoda delle sue capacità?

Scopriamo dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di Skoda Octavia.

Dimensioni Skoda Octavia

Le dimensioni della Skoda Octavia sono:

  • lunghezza 4,69 metri
  • larghezza 1,83 metri
  • altezza 1,47 metri
  • passo 2,68 metri

Sebbene le precedenti generazioni di Skoda Octavia fossero già ben disegnate, eleganti e pulite, la quarta serie della berlina ceca segna un salto generazionale molto importante con il suo passato. Da fuori, infatti, Skoda Octavia è più elegante e pulita che mai, con uno stile personale ed estremamente curato a partire dal frontale. Davanti infatti troviamo la grande calandra in rilievo tipica di tutti i nuovi modelli Skoda, che da un look immediatamente riconoscibile alla berlina ceca. Il cofano piuttosto lungo, il paraurti discreto e i fari sottili e trapezoidali ispirati a quelli di Scala e Superb, Full LED per tutte le versioni, danno un aspetto maturo ed elegante alla vettura, che non vuole mai essere sportiva o aggressiva, ma sempre elegante e raffinata. Per avere un po’ di sportività bisogna approcciarsi alle versioni RS, dotate di paraurti più pronunciati, mascherina in nero lucido e cerchi più grandi. A proposito, lateralmente si notano i cerchi che partono da un diametro di 16 pollici e possono arrivare fino a 19” sulle RS, insieme ad una fiancata pulita ma resa più interessante da una modanatura che parte dai fari anteriori e arriva fino a quelli posteriori.

Molto ampi i finestrini, dotati di una linea ascendente che ricorda da lontano il mitico Gomito di Hoffmeister dei prodotti BMW, mentre si fa apprezzare un lunotto pulito e più inclinato che in passato. Nonostante dietro ci sia ancora il portellone intero che ingloba anche il lunotto, infatti, Octavia è decisamente più filante e dinamica dietro, con il terzo volume molto più pronunciato che in passato. La coda è infatti dotata di bei fari full LED triangolari che modernizzano l’insieme, ed uniti ad un paraurti molto pulito e minimale regalano un look molto elegante all’auto, forse poco originale ma capace di piacere un po’ a tutti. Concludendo con le dimensioni di Skoda Octavia, aprendo il grande portellone dove troviamo scritto interamente il nome Skoda, portato con fierezza dalla berlina ceca, scopriamo un vano davvero enorme. Dotato della stessa dotazione di spazio e delle medesime accortezze delle station wagon come ganci per fermare il carico, reti e vani portaoggetti, il bagagliaio di Skoda Octavia offre 600 litri di capacità minima, aumentabili a ben 1.555 abbattendo il divano posteriore. Si tratta di un risultato superiore a quello di tantissime wagon comparabili, ottenuto con una elegante carrozzeria a due volumi. La versione a metano G-TEC, però, si deve accontentare di 455 litri di capacità, mentre la iV plug-in Hybrid si ferma a 450 litri. Per comparazione, invece, la Wagon arriva a ben 640 litri, che diventano 1.700 abbattendo gli schienali.

Interni Skoda Octavia

Se da fuori tanto è cambiato dalla precedente generazione, gli interni di Skoda Octavia stupiscono per il livello di attenzione e di qualità che sono capaci di offrire. Già la precedente terza serie era stata apprezzata per gli ottimi interni curati e completi: confrontando quegli interni con quelli della nuova Octavia, però, non c’è proprio partita. L’intero abitacolo di Skoda Octavia è infatti davvero curato e quasi sorprendente, risultando più moderno e interessante non solo di tanti modelli Skoda, ma anche di rivali interne al Gruppo Volkswagen che, sulla carta, dovrebbero essere più lussuose e ricercate. La plancia è pulita e minimale, dotata di uno sviluppo orizzontale su ben tre livelli. La parte alta della plancia, seppur sia molto lontana dalle nostre mani, è rivestita in materiale morbido e incorpora la palpebra per il quadro strumenti, analogico sulla base Ambition ma digitale con schermo da 10,25 pollici già dalla Executive in poi. Il quadro strumenti digitale è quello già apprezzato su altre Skoda, completo e dotato di un’ottima visibilità in ogni condizione di guida.

La parte centrale della plancia è invece rivestita in un materiale morbido con cuciture a vista, che a richiesta o sulle versioni più accessoriate può essere in Alcantara, alzando ulteriormente la qualità percepita all’interno. In questa fascia trova posto il sistema di infotainment con schermo da 10 pollici: dotato di Apple CarPlay e Android Auto di serie, il sistema è l’ultima generazione degli infotainment del Gruppo Volkswagen. Sebbene questo sia dotato di un pannello di ottima qualità, di tante funzionalità e di un touch preciso, come su altri modelli del Gruppo ogni tanto ha qualche Lag, e soprattutto condivide anche i comandi a sfioramento per volume e clima sulla base dello schermo decisamente scomodi da usare e non retroilluminati. Uno scivolone, comune a tutte le auto coeve del Gruppo, che farà storcere il naso a qualcuno. Gli interni di Skoda Octavia rimediano però con una dotazione di spazio eccellente per oggetti, dispositivi mobili da ricaricare e anche per i cinque occupanti. Se infatti davanti lo spazio è più che buono, con l’originale volante a due razze con comandi al volante sempre molto comodo da impugnare in una posizione di guida molto bassa e distesa, Skoda Octavia gioca il Jolly dietro. I passeggeri posteriori hanno infatti tonnellate di spazio per le spalle, per i piedi ma soprattutto per le gambe, offrendo lo spazio che si trova su vetture di Segmento superiore. Non per nulla, infatti, Octavia è una delle automobili più utilizzate in Europa come taxi: senza arrivare ai professionisti, comunque, in cinque su Octavia si sta davvero comodi.

skoda-octavia-interieur

skoda-octavia-kofferraum skoda-octavia-sitzplatz

Motori Skoda Octavia

Essendo basata sulla piattaforma MQB Evo, la gamma motori di Skoda Octavia attinge a piene mani dagli scaffali del Gruppo Volkswagen ed offre ben 11 diverse motorizzazioni tra benzina, diesel, metano e diversi gradi di elettrificazione. Iniziamo subito dalle proposte a benzina partendo dal piccolo 1.0 TSI. Il tre cilindri turbo, qui in versione da 110 CV, è disponibile sia con cambio manuale a 6 marce che con l’automatico DSG a 7 marce. In versione automatica, però, diventa e-TEC, ovvero guadagna un modulo mild hybrid a 48 V che abbassa leggermente i consumi e rende l’automobile omologata come ibrida. Il piccolo 1.0 può sembrare sacrificato, ma gli uomini Skoda sono riusciti a contenere tantissimo il peso: la Octavia 1.0 TSI pesa infatti meno di 1.250 kg, oltre 200 kg in meno di una equivalente BMW Serie 3 318i. Salendo di potenza, troviamo il 1.5 TSI quattro cilindri turbo con sistema di disattivazione dei cilindri da 150 CV. Questo motore estremamente versatile e vivace segue l’offerta della 1.0 TSI: a benzina con il cambio manuale a 6 marce, mild hybrid e-TEC con il DSG a 7 rapporti. Per chi percorre molti km, invece, Skoda offre il mitico 2.0 TDI in versione Evo, con efficienza e prestazioni ulteriormente ottimizzate.

Il 2.0 Diesel è disponibile, senza sistemi di elettrificazione, in tre livelli di potenza: quello “base” da 116 CV, quello intermedio da 150 CV con prestazioni già molto interessanti e quello più potente da 200 CV destinato alla variante RS. La classica versione sportiva di Skoda Octavia offre un assetto ribassato, i cerchi da 18 pollici, fari anteriori Matrix LED e un telaio ottimizzato per la guida sportiva, e ben tre alimentazioni differenti: oltre al già citato 2.0 TDI da 200 CV, troviamo infatti la classica versione turbobenzina con il 2.0 TSI da 245 CV e cambio manuale o automatico DSG e l’inedita iV plug-in Hybrid. Il collaudato sistema ibrido ricaricabile di Volkswagen, formato dal 1.4 TSI da 150 CV unito ad un motore elettrico posto tra cambio DSG a 6 rapporti e motore, è disponibile infatti sia con 204 CV che con 245 CV in versione RS. A concludere la gamma motori di Skoda Octavia ci pensa l’apprezzata G-TEC a metano: sotto il cofano troviamo il motore 1.5 TSI turbo da 131 CV, il cambio automatico DSG e tre bombole di metano da circa 14 kg, capaci di percorrere con un pieno 355 km secondo il ciclo WLTP. A livello di sospensioni, infine, tutte le versioni con più di 150 CV sfoggiano al posteriore delle sospensioni Multilink a ruote indipendenti: per le versioni comprese tra 110 e 131 CV, invece, le sospensioni sono delle più semplici a ponte torcente.

Motori Skoda Octavia

Benzina

  • 1.0 TSI, 1.0 tre cilindri turbo, 110 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 1.5 TSI ACT, 1.5 quattro cilindri turbo, 150 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 2.0 TSI RS, 2.0 quattro cilindri turbo, 245 CV, cambio man. a 6 marce o aut. DSG a 7 marce, traz. ant.

Benzina Mild Hybrid

  • 1.0 e-TEC, 1.0 tre cilindri turbo, 110 CV, cambio automatico DSG doppia friz. a 7 marce, traz. anteriore
  • 1.5 e-TEC, 1.5 quattro cilindri turbo, 150 CV, cambio aut. DSG doppia friz. a 7 marce, traz. anteriore

Diesel

  • 2.0 TDI, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 116 CV, c. man. a 6 marce o aut. DSG a 7 marce, traz. ant.
  • 2.0 TDI, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 150 CV, c. man. a 6 marce o aut. DSG a 7 marce, traz. ant.
  • 2.0 TDI RS, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 200 CV, cambio aut. DSG a 7 marce, trazione anteriore

Metano

  • 1.5 G-TEC, 1.5 quattro cilindri turbo benz./met., 131 CV, c. aut. DSG a 7 marce, trazione anteriore

Ibrida Plug-In

  • 1.4 TSI iV, 1.4 quattro cilindri turbo benz.+mot. el., 204 CV, cambio aut. DSG a 6 marce, traz. anteriore
  • 1.4 TSI iV RS, 1.4 quattro cilindri turbo benz.+mot. el., 245 CV, cambio aut. DSG a 6 m., traz. anteriore

Prezzi Skoda Octavia

Il listino prezzi di Skoda Octavia è formato da cinque allestimenti, di cui uno molto speciale, che partono da una ottima base in quanto a dotazione di serie. La versione d’accesso Ambition, infatti, è estremamente ben accessoriata in fatto di tecnologia di bordo e sicurezza: di serie troviamo il clima automatico bizona, il sistema di infotainment da 10 pollici con Android Auto ed Apple CarPlay, i fari Full LED, i cerchi in lega da 16 pollici, ma soprattutto il Cruise Control adattivo, la frenata automatica d’emergenza i sensori di parcheggio posteriori, il mantenitore attivo di corsia e l’avviso anti-colpo di sonno. Questa versione Ambition è anche dotata di un eccellente rapporto qualità-prezzo, offerta a partire da 25.400 euro con il 1.0 TSI da 110 CV. Per avere il navigatore, ad esempio, bisogna passare alla più ricca Executive, che offre anche i cerchi da 17 pollici, il sensore pioggia, il volante in pelle a due razze e interni più curati.

Per avere l’ingresso Keyless, la telecamera di retromarcia, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori e i vetri oscurati e i cerchi da 17 specifici bisogna passare alla Style, mentre la sportiva SportLine offre finiture, mascherina e loghi in nero lucido, cerchi da 18 pollici, selettore delle modalità di guida, spoiler posteriore, volante sportivo a tre razze, sedili sportivi e l’assetto ribassato di 15 mm come la RS. Ed è proprio la versione sportiva RS la più accessoriata e costosa del listino prezzi di Skoda Octavia: tutte le RS hanno infatti di serie i cerchi da 18 pollici aumentabili fino a 19, i fari Matrix LED (optional per tutte le altre motorizzazioni), le sospensioni ribassate, i lavafari e il sistema di parcheggio automatico. La RS “d’accesso” con il 2.0 TSI da 245 CV e cambio manuale è offerta a 37.850 euro, che salgono a 39.500 per la 2.0 TDI e a ben 43.000 euro per la 1.4 iV plug-in Hybrid da 245 CV. A richiesta, infine, è possibile avere le sospensioni attive DCC, l’Head-Up Display, gli interni in pelle, il tergilunotto, il gancio di traino e il clima trizona.

Listino prezzi Skoda Octavia

Ambition

  • 1.0 TSI Ambition, 25.400 euro
  • 1.0 e-TEC Ambition DSG, 27.800 euro
  • 1.5 TSI ACT Ambition, 28.100 euro
  • 1.5 e-TEC Ambition DSG, 30.500 euro
  • 2.0 TDI Ambition, 29.150 euro
  • 1.5 G-TEC Ambition DSG, 30.600 euro

Executive

  • 1.0 TSI Executive, 27.000 euro
  • 1.0 e-TEC Executive DSG, 29.400 euro
  • 1.5 TSI ACT Executive, 29.700 euro
  • 1.5 e-TEC Executive DSG, 32.100 euro
  • 2.0 TDI Executive, 30.750 euro
  • 2.0 TDI 150 CV Executive, 31.950 euro
  • 2.0 TDI 150 CV Executive DSG, 33.750 euro
  • 1.5 G-TEC Executive DSG, 32.200 euro
  • 1.4 TSI iV Executive DSG, 38.450 euro

Style

  • 1.0 e-TEC Style DSG, 30.550 euro
  • 1.5 TSI ACT Style, 30.850 euro
  • 1.5 e-TEC Style DSG, 33.250 euro
  • 2.0 TDI Style DSG, 33.700 euro
  • 2.0 TDI 150 CV Style, 33.100 euro
  • 2.0 TDI 150 CV Style DSG, 34.900 euro
  • 1.5 G-TEC Style DSG, 33.350 euro
  • 1.4 TSI iV Style DSG, 39.600 euro

Sportline

  • 1.5 TSI ACT Sportline, 31.500 euro
  • 1.5 e-TEC Sportline DSG, 33.900 euro
  • 2.0 TDI Sportline, 32.550 euro
  • 2.0 TDI 150 CV Sportline DSG, 35.550 euro
  • 1.5 G-TEC Sportline DSG, 34.000 euro
  • 1.4 TSI iV Sportline DSG, 40.000 euro

RS

  • 2.0 TSI RS 37.850 euro
  • 2.0 TSI RS DSG, 39.650 euro
  • 2.0 TDI RS DSG, 39.500 euro
  • 1.4 TSI iV RS DSG, 43.000 euro

Skoda Octavia: concorrenti e conclusioni

Nonostante fosse già una delle berline più complete e dal miglior rapporto qualità-prezzo sul mercato, la quarta generazione di Skoda Octavia è riuscita a migliorare in praticamente ogni reparto la già ottima terza serie. Molto più matura e curata all’esterno, la nuova Octavia è realizzata con estrema cura all’interno, dove per design, materiali e costruzione riesce a battere anche alcune sorelle del Gruppo ben più blasonate. Anche su strada, la nuova piattaforma MQB Evo riesce ad offrire un ottimo livello di comfort massimizzando però anche il piacere di guida. Nonostante lo sterzo sia morbido e leggero e le sospensioni riescano a filtrare bene le asperità dell’asfalto, Octavia riesce ad essere agile e molto maneggevole, capace di offrire un ottimo equilibrio tra comfort e dinamismo. Certo, i comandi per il clima touch sono decisamente scomodi, e in Italia il brand Skoda ha ancora un’aura di scetticismo intorno che non permette ai più di apprezzarne a pieno i prodotti. Superati i preconcetti, però, si può scoprire una berlina estremamente completa, capace di offrire comfort, eleganza, piacere di guida, tecnologia e una dotazione di spazio da station wagon in una sola, curata vettura.

Skoda Octavia è sempre stata un’auto a metà tra i due mondi, tra le compatte di Segmento C e le berline di Segmento D, e con la quarta generazione ha fatto un ulteriore salto verso il mondo Premium. Le concorrenti di Skoda Octavia, quindi, sono molto diverse tra di loro. Da una parte abbiamo le vetture di Segmento C più voluminose come Mazda 3, Honda Civic, ma anche le più piccole SEAT Leon, Volkswagen Golf, Ford Focus o Peugeot 308. Dall’altra, invece, le concorrenti di Skoda Octavia sono le berline di Segmento D come Audi A3 Sedan, BMW Serie 2 Gran Coupé, Mercedes-Benz CLA, tutte molto più costose ma simili per ingombri e qualità, ma anche le (poche) berline generaliste rimaste come Peugeot 508, Mazda 6, Opel Insignia e le cugine Volkswagen Passat e la sorellona Skoda Superb.

FAQ

Quanto costa la Skoda Octavia a metano?

Skoda Octavia in versione G-TEC a metano è offerta a 30.600 euro nell’allestimento d’accesso Ambition, già molto accessoriato. Di serie infatti offre il cambio DSG (standard su tutte le G-TEC), il clima bizona, il sistema di infotainment con schermo da 10,2 pollici e protocolli Apple CarPlay e Android Auto, fari Full LED, Cruise Control Adattivo, mantenitore attivo di corsia e anche i sensori di parcheggio posteriori. La più costosa? La ricca SportLine, che arriva a 34.000 euro.

Che motore monta la Skoda Octavia RS?

La sportiva Skoda Octavia RS è disponibile con tre motorizzazioni e tre alimentazioni differenti: benzina, diesel e ibrida plug-in, con potenze tra i 200 e i 245 CV. La gamma Octavia RS parte dalla 2.0 TSI turbobenzina da 245 CV, declinata con cambio manuale a 6 marce o automatico DSG a 7 rapporti. Per chi macina centinaia di km, invece, troviamo il 2.0 TDI da 200 CV, accoppiato al solo cambio automatico DSG, mentre per chi ha un box e una coscienza ecologista Skoda propone la Octavia RS anche in versione iV plug-in Hybrid, dotata di 245 CV e di un’autonomia a zero emissioni di circa 60 km, identica alla iV da 204 CV.

Quanto consuma la Skoda Octavia?

Skoda Octavia è una vettura estremamente efficiente, grazie a motori turbo molto efficienti e ad un corpo vettura molto leggero. La versione 1.0 TSI da 110 CV, ad esempio, riesce a stare sotto i 1.250 kg, un peso che le permette di superare i 19 km/l nel ciclo di omologazione misto WLTP. La versione più virtuosa della gamma è però la 2.0 TDI: sia in versione da 116 CV che in quella da 150, il quattro cilindri Diesel riesce a percorrere oltre 23 km con un litro. Discorso a parte per la iV ibrida, che con batteria carica riesce a percorrere, secondo il ciclo WLTP, quasi 100 km/l e 60 km a zero emissioni.

Recensioni dei veicoli Skoda Octavia

383 Recensioni

4,6