Alfa Romeo Giulietta - vendo e cerco usato o nuovo - AutoScout24

Trova la tua auto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

Nome storico Alfa Romeo Giulietta riproposto nel 2010


Quando si tratta di trovare un nome per una serie, molte case automobilistiche “attingono” dai modelli che in passato si erano rivelati di fondamentale importanza per la storia dell’azienda. In linea con la moda di ispirazione “retrò”, oltre al nome storico si tende a proporre anche un design moderno con accenni che richiamano il modello originario. Quando la casa italiana Alfa Romeo stava progettando il modello successivo della compatta Alfa Romeo 147, i responsabili per la strategia del marchio hanno deciso, di rinunciare al pratico nome composto da una serie di cifre, utilizzato da ben venticinque anni, per richiamare in vita un nome del periodo iniziale. Per questo motivo dal 2010 le auto compatte della casa milanese portano il nome storico di Alfa Romeo Giulietta.


Alfa Romeo Giulietta berlina, coupé e cabriolet dal 1954 al 1965


Per i fedelissimi del marchio il nome Alfa Romeo Giulietta era legato inizialmente ad una serie che nella metà degli anni Cinquanta ha segnato in casa Alfa l’inizio della produzione moderna delle automobili in grande serie. La prima Giulietta era un coupé disegnato da Bertone, che nel 1954 ha dato il via alla tradizione della serie. Un anno più tardi è stata proposta la versione berlina quattro porte e due posti decapottabile. Il cabriolet era stato creato dal progettista di carrozzerie e designer Pininfarina, e ha costituito il modello precedente della superclassica Alfa Romeo Spider. Nel 1959 l’Alfa Romeo ha sottoposto la Giulietta ad un intervento di lifting, che le ha reso una porzione anteriore cromata piuttosto costosa. A bordo di quest’auto venivano montati motori dalla potenza fino a 54 kW (74 CV) che raggiungevano una velocità massima di 160 km/h. Nel 1965 la Giulietta è stata sostituita con l’Alfa Romeo Giulia.


Alfa Romeo Giulietta della generazione proposta dal 1977 al 1985


La prima riedizione dell’Alfa Romeo Giulietta è stata proposta nel 1977 con l’Alfa Romeo Giulia, una berlina quattro porte che aveva molti dettagli tecnici in comune con la berlina Alfa Romeo Alfetta più grande, ad esempio il propulsore montato nella porzione posteriore. Mentre sull’Alfetta tre volumi dalle proporzioni classiche non sono stati osati esperimenti in materia di design, l’Alfa Romeo Giulietta a berlina di questo periodo osava proporre una ventata di novità con la sua porzione di coda corta e rialzata. Si trattava nel contempo anche della prima versione dotata di motore Diesel. Nel 1985 è cessata la produzione della Giulietta di questa generazione.


Alfa Romeo Giulietta della generazione proposta dal 2010


Nel 2010 l’Alfa Romeo Giulietta è stata riproposta sul mercato nella classe delle auto compatte come modello dall’impronta sportiva successivo dell’Alfa Romeo 147. Inizialmente l’attuale generazione della nuova Giulietta era stata concepita in versione cinque porte, che in virtù della sua porzione anteriore bombata provvista dell’apertura a trapezio della mascherina a griglia del radiatore riprendeva i tratti somatici tipici dell’Alfa di questo periodo. Tra le peculiarità tecniche è possibile citare che, come accadeva per l’Alfa Romeo MiTo, l’apparato elettronico di bordo forniva su richiesta tre diverse modalità di regolazione del telaio per un handling particolarmente sportivo. L’Alfa Romeo Giulietta è stata proposta con motore a benzina da 88 kW (120 CV) e 125 kW (170 CV). Il modello "top" sviluppava una potenza fino a 173 kW (235 CV). Inoltre erano disponibili due motori Diesel da 77 kW (105 CV) e 125 kW (170 CV).


Mehr anzeigen