Lancia Phedra - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Lancia Phedra

Lancia Phedra

Nel 2002 viene presentata sul mercato la Lancia Phedra Una capacità fino a sette passeggeri, grandi porte scorrevoli per un facile accesso alla seconda e terza fila di sedili, erano principalmente queste le caratteristiche pratiche, utili soprattutto alle famiglie, in primo piano durante lo sviluppo del progetto italo-francese Eurovan all'inizio degli anni novanta. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Era il momento di boom delle berline a grande capienza, che non erano costruite sulla base di vecchi furgoni, ma sviluppate su una propria piattaforma di costruzione. Per convincere il pubblico, questa classe di veicoli doveva essere equipaggiata con interni di più alta qualità e un maggior comfort di guida. Al fine di ripartire i costi necessari per sviluppare un veicolo di nuovo concetto, l’azienda italiana Fiat e l’azienda famigliare francese Peugeot si unirono e lasciarono che i loro ingegneri sviluppassero con l’Eurovan una berlina a grande capienza che fu lanciata sul mercato, a partire dal 1994, con i marchi di entrambi i gruppi e solo leggermente modificata sotto il sigillo delle due controllate Citroën e Lancia. La controllata Fiat ha commercializzato l’Eurovan della prima generazione come Lancia Zeta, prima della presentazione nel 2002 del suo successore battezzato con il nome di Lancia Phedra.

La Lancia Phedra mostra il nuovo volto del marchio

Mentre la Lancia Zeta si distingueva minimamente nel design rispetto al modello gemello di cui anche le caratteristiche di allestimento come gli stretti fanali anteriori e la piccola griglia del radiatore, la Lancia Phedra sembrava più indipendente nelle sue forme rispetto agli altri monovolume di Fiat, Peugeot e Citroën basati sulla stessa piattaforma. Come la berlina Lancia Thesis, introdotta quasi contemporaneamente, la Lancia Phedra mostrava come uno dei primi modelli del marchio, che da allora fu utilizzato da Lancia per diverse serie di veicoli, un design frontale con l’alta griglia trapezoidale del radiatore storicamente ispirata. Nella parte posteriore dominavano le luci di coda triangolari che si estendevano fino al tetto. Nel complesso la Lancia Phedra comunicava, più del suo predecessore, la sensazione di una versione di alta qualità della famiglia Eurovan.

La Lancia Phedra è stata offerta anche come una sette posti

Anche la Lancia Phedra è stata concepita con una configurazione di posti a sedere flessibile, dove con la terza fila di sedili montata si creava uno spazio fino a sette persone nel monovolume italiano. A causa delle sporgenze più lunghe la Lancia Phedra è cresciuta rispetto alla Lancia Zeta di ben dodici centimetri a 4,72 metri di lunghezza, mentre il passo delle ruote è rimasto lo stesso a 2,82 metri. Qui l’altezza della carrozzeria è stata aumentata di quattro centimetri e la Lancia Phedra con un’altezza di 1,75 metri ha offerto un maggiore spazio per la testa. Le motorizzazioni della Lancia Phedra rispecchiano i più grossi aggregati a benzina e diesel della serie Eurovan.