Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.
Focus: Acquisto
Focus: Acquisto

Utilitarie cambio automatico: novità 2022, economiche, gpl, prezzi

Quali utilitarie hanno il cambio automatico? Scopriamolo insieme

Il cambio automatico, questo sconosciuto. Chi ha qualche anno sulle spalle potrebbe pensare a quanto siano rapidamente cambiati i tempi quando si parla di auto utilitarie, dal prezzo contenuto, e della tipologia di cambio storicamente ad esse associate. Sì perché negli ultimi anni si sono diffusi molti modelli di utilitarie con cambio automatico, vuoi per la sua innata comodità vuoi perché nella guida di tutti i giorni la differenza si fa sentire eccome, specie per chi cerca un’auto senza grosse esigenze o pretese. L’accoppiata citycar - cambio a gestione automatica diventa quindi competitiva per una molteplice serie di fattori.

Questo ha portato le case a continuare a scommettere su questa soluzione, lo dimostra Toyota che con la Aygo X ha rinunciato all’elettrificazione del suo modello entry level ma non a un cambio automatico che diventa un’alternativa per chi preferisce una guida più rilassata, proponendolo su ogni versione in gamma. Cambio automatico, quindi, non vuol dire per forza una spesa più alta. Sono diverse le utilitarie con cambio automatiche economiche, come la Suzuki Ignis, la stessa Toyota Aygo X e la più economica di tutte, la Dacia Sandero Streetway, con prezzi di poco superiori ai 15.000 euro.

Economiche e magari anche con la doppia alimentazione. Le auto utilitarie con cambio automatico GPL non mancano dai listini delle case ufficiali, anche se la ricerca si concentra su pochi modelli con queste caratteristiche. Infine, un occhio ai prezzi delle utilitarie con cambio automatico, per capire quanto la richiesta di questa tipologia di trasmissione influisca sui prezzi.

Sommario

Utilitarie cambio automatico: le novità 2022

La già citata Toyota Aygo X è sicuramente la più recente novità considerabile come un’utilitaria con cambio automatico del 2022. Ben più lunga e alta della precedente Aygo, tanto da condividere la piattaforma sia con Yaris sia con Yaris Cross, la nuova generazione della citycar giapponese è un’auto assolutamente al passo coi tempi, non solo per quanto riguarda la scelta del cambio automatico ma anche, e soprattutto, per la massiccia presenza di sistemi di assistenza alla guida di ultimissima generazione e di un abitacolo digitale. Proposta con un’unica motorizzazione, il 1.0 aspirato da 72 CV non certo degno di nota per una particolare sportività, la Toyota Aygo X si dimostra auto da città dove sarebbe stato un errore rinunciare al cambio automatico.

Si tratta di un S-CVT, un cambio a variazione continua, che permette di contenere la massa a vuoto del veicolo entro la tonnellata (tra 965-975 kg contro i 945-955 kg della manuale) e che trasmette i 93 Nm di coppia alle sole ruote anteriori. Offre un’accelerazione di 14,8 secondi per passare da 0 a 100 km/h e una velocità massima di 151 km/h, contro i 158 km/h del manuale e i 14,9 per lo scatto da fermo. I consumi dichiarati, invece, sono leggermente più alti optando per l’automatico, come capita spesso: 4,9-5,0 l/100 km nel combinato WLTP contro i 4,8-4,9 l/100 km del manuale.

A livello di listino, chi sceglie un’utilitaria con cambio automatico nel 2022 come la Toyota Aygo X spende 1.200 euro in più sul listino rispetto allo stesso allestimento con trasmissione manuale.

Le utilitarie con cambio automatico più economiche

La Toyota Aygo X, novità 2022 parlando di utilitarie con cambio automatico, non è però l’auto più economica in questa nicchia di mercato. Il primato, se così vogliamo chiamarlo, spetta infatti alla Dacia Sandero Streetway. Con un prezzo di 15.150 euro, l’automatico è un variazione continua a 6 rapporti abbinato al 1.0 tre cilindri turbo benzina TCe da 90 CV. Le sue prestazioni parlano di 160 Nm di coppia a fronte di consumi dichiarati di 5,8 l/100 km nel ciclo misto WLTP. Segue a stretto giro la variante a ruote alte della compatta Dacia, la Sandero Stepway.

Vicina, per concezione, alla famosa Duster, la quale è però ben più lunga, la Dacia Sandero Stepway offre il cambio automatico a partire da 16.750 euro. Circa 1.000 euro risparmiati rispetto alla Toyota Aygo X con una differenza notevole più che altro di dimensioni (4,1 metri VS 3,7 metri), non tanto a livello di dotazioni. Tra le due Dacia Sandero, le due versioni offerte nella rinnovata gamma della compatta economica, figura anche la Hyundai i10. Anche la citycar coreana si è aggiornata nel 2020 e propone il cambio automatico in abbinamento al 1.0 aspirato da 67 CV, con prezzi a partire da 16.000 euro. Intorno a questo range di prezzo si dividono gli interessi degli automobilisti che cercano un’utilitaria con cambio automatico la Suzuki Swift e la Suzuki Ignis. Entrambe portano in dote il cambio automatico nei loro listini, rispettivamente con prezzi di 20.550 euro e 19.600 euro. La Ignis automatica è quindi di circa 1.000 euro più economica rispetto alla Swift automatica.

A 20.850 euro si trova, poi, la prima auto completamente elettrica che per motivi di trazione non potrebbe montare, anche volendo, una trasmissione manuale. Si chiama Dacia Spring, ha una batteria da 33 kWh e un motore elettrico da 44 CV e si affida alla trasmissione automatica monomarcia le cui modalità si regolano tramite una piccola rotella posta sul tunnel centrale. Nel trittico dell’offerta delle case facenti parte dell’ex Groupe PSA, prima della fusione con FCA per la creazione di Stellantis, anche Citroen C3, Peugeot 208 e Opel Corsa hanno almeno una versione con cambio automatico. La prima propone l’automatico EAT6 sulla motorizzazione top di gamma turbo benzina PureTech 110, a partire da 22.050 euro.

Peugeot 208 e Opel Corsa, le quali condividono la stessa piattaforma, propongono il cambio automatico a partire da 22.200 euro per la prima (PureTech 100 EAT8) e da 21.000 euro per la seconda (1.2 turbo benzina 100 CV). Un’altra elettrica come la Renault Twingo Electric monta solo una trasmissione monomarcia automatica e parte da 22.750 euro. Ci sono anche altre utilitarie con queste caratteristiche: la Ford Fiesta (ST-Line 125 CV Ecoboost Hybrid, da 25.800 per l’automatico 7 rapporti) e il trio del Gruppo Volkswagen con la condivisione del motore 1.0 TSI DSG 110 DSG su Seat Ibiza (da 20.900 euro), su Skoda Fabia (da 22.000 euro) e su Volkswagen Polo (da 22.650 euro). Non ultima, ecco la Toyota Yaris che propone il cambio automatico solo sulla versione ibrida da 116 CV con prezzi a partire da 21.500 euro.

Utilitarie cambio automatico: i modelli GPL

Difficile, se non impossibile, trovare modelli di utilitarie con cambio automatico alimentate da un motore benzina/GPL. Esiste, però, un’auto che va in decisa controtendenza, essendo l’unica utilitaria sul mercato a offrire l’abbinamento non così scontato tra cambio automatico e alimentazione GPL. Si tratta dell’unica utilitaria con cambio automatico e GPL, ed è la Kia Stonic 1.0 T-GDi GPL 95 CV 7DCT. Proposta a partire da 25.000 euro, a un prezzo sicuramente più alto rispetto alle altre auto utilitarie con cambio automatico sia termiche sia ibride, la Kia Stonic automatica GPL è lunga 4,14 metri, offre un bagagliaio con capacità minima di 332 litri e monta un motore 3 cilindri da 95 CV e 167 Nm di coppia a 3.235 giri/min. Con consumi di 5,5 l/100 km, la doppia alimentazione benzina/GPL è un unicum in questo segmento di auto con dimensioni contenute entro i 4,2 metri, quindi utilitarie.

Non è esattamente un’utilitaria, con 4,32 metri e una carrozzeria da SUV di segmento C, ma è l’unica altra auto con cambio automatico e GPL; si tratta della DR Dr 4.0 con motore 1.5 Turbo DCT bi-Fuel GPL da 149 CV. Proposta a partire da 22.900 euro, la DR Dr 4.0 è il SUV medio della Casa molisana e conta su un’altezza di 1,67 metri, su una larghezza di 1,83 metri e su una lunghezza, per l’appunto, di 4,32 metri. Il suo motore esprime una coppia di 195 Nm a 3.600 giri/min e rappresenta per l’appunto un caso più unico che raro. Disponibile in cinque colorazioni (Red, Grey, Black, Silver e White), la Dr 4.0 propone interni in pelle, il tetto panoramico e un generoso schermo da 9 pollici in abitacolo con il mirroring per Apple CarPlay e Android Auto via cavo. Il motore del SUV DR è un 4 cilindri con potenza massima di 149 CV a 5.500 giri/min, coppia di 195 Nm e velocità massima pari a 185 km/h. I consumi dichiarati sono nell’ordine dei 9,2 l/100 km nel ciclo WLTP.

Il listino prezzi delle utilitarie con cambio automatico

Partiamo nella valutazione del listino prezzi delle utilitarie con cambio automatico. In prima e seconda posizione le due versioni della Dacia Sandero con la Streetway automatica più economica di 1.600 euro rispetto alla Sandero Stepway con il CVT che non richiede l’uso della frizione. Chi vuole una Sandero automatica deve sapere che il prezzo in più da considerare rispetto a una versione base con cambio manuale è pari ad almeno 2.550 euro a parità di motorizzazione (TCe 90 CV). Stesso discorso per la Sandero Stepway: qui il delta prezzo, sempre con l’identica motorizzazione, è di 2.350 euro. Insomma, vero che la guida diventa più rilassante, specie in città, ma il divario di prezzo è oggettivamente importante. Differenza di prezzo che può diventare meno “importante” optando per un noleggio o un finanziamento.

Vale lo stesso discorso per la terza nella lista, la Toyota Aygo X. La nuova generazione della citycar nipponica, ora più matura sotto molteplici punti di vista, parte da 16.500 euro per il primo dei quattro allestimenti. Optando per l’S-CVT automatico, si aggiungono 1.200 euro al prezzo base, salendo fino ai 21.700 euro della versione più accessoriata Limited. La Suzuki Ignis automatica costa 20.550 euro, 1.500 euro in più della versione manuale, mentre la Suzuki Swift automatica costa 20.550 euro, con l’identico delta prezzo con la Swift manuale. Dacia Spring è proposta solo con il cambio automatico, essendo una vettura elettrica. Seat Ibiza costa 20.990 euro, 1.550 euro in più della Ibiza manuale 110 CV; Opel Corsa automatica parte da 21.000 euro, 19.400 euro la manuale con identica motorizzazione.

Toyota Yaris non viene proposta con il cambio automatico nella versione benzina. Infine Skoda Fabia automatica è proposta solo con il motore più potente a listino nella versione Style. Sono 1.600 euro in più sullo stesso motore con cambio manuale e ben 5.100 euro in più rispetto alla versione entry level della compatta boema, con il 1.0 aspirato da 65 CV in allestimento Ambition. Quest’ultimo esempio fa capire quanto possa far salire il listino prezzi il cambio automatico rispetto a quanto si riesce a spendere puntando su una versione sicuramente meno potente e accessoriata.

Ricapitolando, questi sono i prezzi delle 10 utilitarie economiche con cambio automatico, in ordine crescente:

  • Dacia Sandero Streetway - 15.150 euro
  • Dacia Sandero Stepway - 16.750 euro
  • Toyota Aygo X - 17.700 euro
  • Suzuki Ignis - 19.600 euro
  • Suzuki Swift - 20.550 euro
  • Dacia Spring - 20.850 euro
  • Seat Ibiza - 20.900 euro
  • Opel Corsa - 21.000 euro
  • Toyota Yaris - 21.500 euro
  • Skoda Fabia - 22.000 euro
  • Kia Stonic (GPL) - 24.250 euro (25.000 euro)

Domande e risposte

Quali utilitarie hanno il cambio automatico?

Sono diverse le utilitarie che hanno il cambio automatico nei loro listini. Le due più economiche sono la Dacia Sandero Streetway e la Dacia Sandero Stepway, seguite dalla Toyota Aygo X, dalla Suzuki Ignis e Suzuki Swift e da altre compatte come la Opel Corsa, la Toyota Yaris e la Skoda Fabia. Seguono altri modelli ma, superati di slancio i 20.000 euro, diventa difficile definire queste auto come utilitarie.

Quali sono i cambi automatici migliori?

I cambi automatici migliori dipendono molto dalla tipologia di auto per cui sono stati creati. Un variazione continua montato sotto una citycar giapponese come la Toyota Aygo X fa il suo dovere in città, rendendo la guida piacevole e rilassante, così come diventa assai rumoroso fuori città o in autostrada. Sulle sportive sono solitamente montati cambi automatici doppia frizione, più prestazionali, come lo ZF 8 rapporti dell’Alfa Romeo Giulia. Infine, alcune utilitarie montano cambi automatici robotizzati e altri, come le full hybrid Renault, il nuovo e inedito cambio Multi-Mode

Tutti gli articoli

Mercedes Classe A, quale scegliere e perché

Acquisto di auto · Prima dell'acquisto

Auto nuove economiche 2022: le 10 auto meno care sul mercato

Acquisto di auto · Prima dell'acquisto

Auto più belle 2022: i modelli migliori sul mercato e i prezzi

Acquisto di auto · Prima dell'acquisto
Mostra di più