Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Citroen C5

Pro
  • Comfort e raffinatezza di ottimo livello
  • Sospensioni idropneumatiche
Contro
  • Interni poco pratici
  • Sedili posteriori stretti

Citroen C5- dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Nata nel 2000, Citroen C5 è stata per molti l’ultima vera Citroen: realizzata su un progetto completamente nuovo, dotata di uno stile personale e originale e delle proverbiali sospensioni idropneumatiche, C5 è stata prodotta in due generazioni tra il 2000 e il 2017. La prima, costruita tra il 2000 e il 2008, è andata a sostituire sia la media Xantia che la più grande e lussuosa XM, risultando così una vettura a metà tra le berline medie come Ford Mondeo e BMW Serie 3 e le più grandi Opel Vectra o Audi A6, risultando anche a livello tecnologico e di contenuti a cavallo tra le classiche vetture generaliste e le più desiderabili berline premium. Continua a leggere

Modelli alternativi

Dopo un buon successo della prima C5, fermata solo da uno stile fin troppo originale, la seconda serie del 2008 ha sfruttato uno stile più elegante e tradizionale. Dotata delle sospensioni idropneumatiche Hydractive III solo sulle versioni top di gamma, ha un’impostazione tradizionale anche dal punto di vista estetico e di propulsori, con diversi turbodiesel che possono rispondere un po’ a tutte le esigenze. All’interno, invece, il volante con “panettone” centrale fisso rimanda al periodo particolare delle Citroen del passato, così come la guidabilità improntata sul comfort e sul relax. Nel 2017, però, C5 ha salutato tutti per scarse vendite, e solo nel 2022 è stata sostituita dalla rinnovata C5 X, molto più SUV nello stile. Ma com’era l’ultima vera C5?

Scopriamo allora dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di Citroen C5 di seconda generazione.

Dimensioni Citroen C5

Le dimensioni della Citroen C5 sono:

  • lunghezza 4,78 metri
  • larghezza 1,85 metri
  • altezza 1,46 metri
  • passo 2,81 metri

Disponibile sia come berlina che come station wagon, denominata Tourer, dal punto di vista estetico Citroen C5 taglia i ponti con il suo passato molto particolare, e sfoggia una linea molto più elegante e tradizionale, con una classica forma a tre volumi e un profilo più filante e grintoso. Rispetto alla francesissima prima generazione, la seconda serie di C5 offre infatti uno stile molto più “tedesco”, che si distingue dalla paciosa prima serie per un lunotto molto più morbido ed inclinato.

Dalla prima generazione è stato ripreso però il frontale, che riprende infatti lo stile del restyling della prima serie: i particolari fari anteriori sono collegati da due listelli cromati che, al centro, diventano il classico Double Chevron, lo storico logo di Citroen. Lateralmente, invece, si fa notare il passo decisamente più lungo che in passato, che supera i 2,8 metri di lunghezza avvicinandosi alle ammiraglie di segmento superiore. I cerchi, invece, partono da 16 pollici e possono arrivare anche a 19 a seconda degli allestimenti e delle motorizzazioni.

Il posteriore ha un andamento molto lineare, con una coda che forma un terzo volume molto accentuato, dei fari squadrati molto generosi e una linea dei finestrini ascendente che dona eleganza e dinamismo alla vettura. C’è però spazio per un tocco retrò qui al posteriore: il lunotto non è infatti di tipo tradizionale, ma è invece concavo, con una vistosa curvatura verso l’interno ispirata al lunotto “al contrario” della Ami degli anni ’60. Concludendo con le dimensioni di Citroen C5, il bagagliaio della versione berlina non è enorme: il vano ospita infatti 439 litri di capacità. Per il massimo della versatilità, quindi, è meglio puntare sulla versione Tourer, che offre un vano da 505 litri di capacità minima.

Interni Citroen C5

Gli interni di Citroen C5 uniscono elementi eleganti e tradizionali ad alcune follie tipiche della Casa del Double Chevron. La plancia, ad esempio, è molto elegante e lineare, con un rivestimento che può essere anche in pelle a richiesta e concentra tutti i comandi nella parte centrale della plancia. Lì si trovano tutti i comandi del clima, della radio e per l’infotainment, che arriva ad avere una diagonale da 7 pollici sulle versioni più moderne della vettura. Colpisce poi il quadro strumenti con tre strumenti circolari con retroilluminazione a LED, molto moderno al lancio, mentre a stupire ci pensa il volante. Al contrario di qualsiasi altra vettura sul mercato, infatti, gli interni di Citroen C5 sfoggiano un volante davvero fuori dagli schemi.

A girare c’è infatti solamente la corona, mentre la parte centrale dove solitamente è alloggiato l’Airbag è di dimensioni molto più generose del normale, ed è dotata di decine di tasti multifunzione per radio, multimedialità e sistemi di sicurezza. Questo enorme “panettone” centrale voleva rispondere alla necessità da parte delle vetture moderne di avere sempre più tasti sul volante senza rovinare la funzionalità, anche se la realizzazione ha avuto tanti estimatori ed altrettanti detrattori.

Infine, colpiscono i sedili, molto comodi e dotati nelle versioni più accessoriate anche della regolazione per le spalle, una soluzione rarissima anche sulle versioni più ricche. Infine, lo spazio a bordo è ottimo per i passeggeri anteriori, mentre dietro il tetto discendente costringe i più alti a battere la testa sul soffitto, e nonostante gli oltre 185 cm di larghezza del corpo vettura, in tre si sta piuttosto stretti a livello delle spalle. Nessun problema, invece, per le gambe e i piedi.

Citroen-C5-Interior

Motori Citroen C5

Nei quasi 10 anni di produzione la gamma motori di Citroen C5 è cambiata parecchio, offrendo diversi motori a benzina o Diesel, sia a quattro che a sei cilindri. Al lancio, infatti, i motori erano quasi tutti derivati dalla precedente C5: i benzina, tutti aspirati, erano un 1.8 da 125 CV, un 2.0 da 140 CV e un setoso e fluidissimo 3.0 V6 da 211 CV, disponibile unicamente con il cambio automatico a 6 marce. Successivamente, poi, questi tre motori sono stati ritirati dal mercato. Mentre il 3.0 V6 a benzina è stato sostituito dai V6 turbodiesel, il 1.8 e il 2.0 sono stati rimpiazzati dai nuovi motori Prince realizzati in collaborazione con BMW: entrambi 1.6, alla base troviamo la versione aspirata VTi da 120 CV disponibile unicamente con il cambio robotizzato CMP-6, mentre per chi voleva più spinta era disponibile il 1.6 THP da 156 CV.

Il cuore della gamma motori di Citroen C5 era però la gamma Diesel. Sono stati molti infatti i motori a gasolio offerti da Citroen sulla sua berlina di punta, come da tradizione degli anni ’00 e ’10. Ad aprire la gamma ci pensava un piccolo 1.6 HDi da 111 CV, affiancato poi dalla versione con Start&Stop e-HDi e cambio robotizzato CMP-6. Il più venduto è stato però il 2.0 HDi, disponibile a seconda delle annate e dell’omologazione Euro con potenze comprese tra i 136 e i 180 CV. Nei primi anni di produzione, poi, ai 2.0 seguiva un 2.2 biturbodiesel da 170CV, per poi arrivare al top di gamma 2.7 V6 HDi biturbodiesel da 204 CV. Dopo il 2010, però, il 2.7 è stato sostituito da una versione potenziata a 204 CV del 2.2, ed è arrivato il motore più potente della gamma C5, il 3.0 V6 HDi: capace di 241 CV, questo 3.0 era offerto unicamente con il cambio automatico a 6 marce ed è capace di arrivare a 240 km/h di velocità massima e di scattare da 0 a 100 km/h in 7,9 secondi.

Motori Citroen C5

Benzina

  • 1.6 VTi, 1.6 quattro cilindri aspirato, 120 CV, cambio robotizzato a 6 marce, traz. anteriore
  • 1.8 16v, 1.8 quattro cilindri aspirato, 125 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 2.0 16v, 2.0 quattro cilindri aspirato, 140 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.6 THP, 1.6 quattro cilindri turbo, 156 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 3.0 V6, 3.0 V6 aspirato, 211 CV, cambio automatico a 6 marce, trazione anteriore

Diesel

  • 1.6 HDi, 1.6 quattro cilindri turbodiesel, 111 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.6 e-HDi, 1.6 quattro cilindri turbodiesel, 111 CV, cambio robotizzato a 6 marce, traz. anteriore
  • 2.0 HDi, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 136-140 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 2.0 BlueHDi, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 150 CV, c. man. a 6 marce o aut. a 6 marce, traz. ant.
  • 2.0 HDi, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 163 CV, cambio man. a 6 marce o aut. a 6 marce, traz. ant.
  • 2.0 BlueHDi, 2.0 quattro cilindri turbodiesel, 180 CV, c. man. a 6 marce o aut. a 6 marce, traz. ant.
  • 2.2 HDi, 2.2 quattro cilindri biturbodiesel, 170 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 2.2 HDi, 2.2 quattro cilindri biturbodiesel, 204 CV, cambio automatico a 6 marce, trazione anteriore
  • 2.7 V6 HDi, 2.7 V6 biturbodiesel, 204 CV, cambio automatico a 6 marce, trazione anteriore
  • 3.0 V6 HDi, 3.0 V6 biturbodiesel, 241 CV, cambio automatico a 6 marce, trazione anteriore

Prezzi Citroen C5

Il listino prezzi di Citroen C5 partiva, nel 2011, da una base di partenza di 25.200 euro. Questo prezzo permetteva di portarsi a casa una 1.6 VTi da 120 CV con cambio robotizzato CMP-6 e in allestimento base Séduction. Questa versione aveva già un ottima dotazione di serie, soprattutto per l’epoca: cruise control, clima bizona, retrovisori elettrici riscaldabili, sistema audio con BlueTooth e ingresso USB e cerchi in lega. Per avere le sospensioni pneumatiche Hydractive III, bisognava puntare sulle versioni Business, Exclusive ed Executive, le uniche ad averle sempre di serie. Al top della gamma sedeva la 3.0 V6 Executive, che offriva di serie anche il navigatore con schermo da 7 pollici non touch, gli interni in pelle, i cerchi in lega da 19 pollici, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori e anche un primo ADAS, l’avviso di superamento della corsia.

Ma oggi, quali sono i prezzi di Citroen C5? Per una berlina, decisamente meno gettonata della apprezzata Tourer, servono almeno 3.000 euro per portarsi a casa una 1.6 HDi con pochi km, che diventano 5.000 o addirittura 7.500 euro per le rarissime ma oggi molto apprezzate 1.6, 1.8 o 2.0 benzina aspirate. Le ottime 2.0 HDi partono invece da 6.000 euro, mentre le 1.6 THP turbobenzina non si trovano sotto i 9.000 euro, apprezzatissime per la capacità di non essere influenzate dai blocchi del traffico. Le più costose sono, infine, le più moderne 2.0 BlueHDi con 150 o 180 CV, dotate di omologazione Euro 6 e prodotte dal 2015: queste giovani C5 partono da 11.000 euro e possono anche sfiorare i 20.000 euro per le più accessoriate e meno chilometrate.

Citroen C5: concorrenti e conclusioni

Come abbiamo visto, Citroen C5 ha mantenuto bene il suo prezzo, tenendo botta e risultando ancora ricercata e ben valutata sul mercato dell’usato. Il merito è di una linea che, nonostante sia stata presentata ben 15 anni fa, è ancora elegante e piacevole senza sentire il peso degli anni, ma anche di un comfort e di una raffinatezza che solo una vera Citroen può offrire. Nonostante siano pochissimi anni che Citroen C5 sia uscita di produzione, la berlina francese è già nella storia: a meno di sorprese incredibili, infatti, C5 sarà l’ultima Citroen di sempre a portare le mitiche sospensioni Hydractive idropneumatiche, lanciate con la mitica Citroen DS del 1955 e marchio di fabbrica di ogni grande Citroen da allora. Croce e delizia delle vetture della Casa francese, queste sospensioni caratterizzano anche C5, che infatti è dotata di un comfort sopraffino e di una guidabilità da vera Citroen, con una capacità di assorbire buche e sconnessioni inconfondibile.

Nonostante un abitacolo a tratti poco ergonomico, un’abitabilità posteriore risicata e la disponibilità di pochi motori a benzina, all’epoca un pregio ma oggi, con i blocchi alle vetture a gasolio un difetto, Citroen C5 è una berlina moderna spaziosa, comoda e ben rifinita, che offre un ottimo livello di affidabilità (soprattutto nelle versioni con cambio manuale) e una piacevolezza di utilizzo molto difficile da trovare anche nelle migliori concorrenti di Citroen C5.

Ad oggi, infatti, la berlina francese offre un ottimo rapporto qualità-prezzo sul mercato dell’usato, forte anche dei tanti esemplari venduti sul territorio nazionale grazie ad un ottimo successo da nuova. Tra le generaliste è stata una delle più vendute, battendo la cugina Peugeot 508, la mitica Ford Mondeo e le valide Opel Insignia, SEAT Exeo, Toyota Avensis, Volkswagen Passat, Honda Accord e Renault Laguna. Sia ieri che oggi, però, possiamo considerare concorrenti di Citroen C5 anche le intoccabili berline premium come Volvo S60, BMW Serie 3, Mercedes Classe C e Audi A4, nonché la Saab 9-3 e la nostrana Alfa Romeo 159.

FAQ

Quando esce la nuova Citroen C5? 

Citroen C5 non verrà sostituita da una nuova berlina del tutto simile a lei, bensì da un crossover rialzato con carrozzeria a due volumi e mezzo, l’inedita Citroen C5 X. Questo nuovo modello, che riprende l’eredità della C5, arriva in Italia a partire dalla metà del 2022. 

Dove veniva prodotta la Citroen C5? 

Citroen C5 è stata costruita fin dal 2000 nella storica fabbrica della Casa, oggi parte del Gruppo Stellantis, di Rennes, da dove sono uscite anche le vetture che C5 ha sostituito, Xantia ed XM.  

Quanto è lunga Citroen C5? 

Citroen C5 è lunga 4,78 metri in versione berlina (diventano 4,83 metri sulla Tourer familiare), sfoggiando poi 1,86 metri di larghezza e 1,46 metri di altezza. Il passo, invece, è davvero generoso, da ben 2,82 metri. 

Recensioni dei veicoli Citroen C5

73 Recensioni

4,5