Opel GT - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Opel GT

Opel GT

Con la Opel GT scoop a sorpresa negli Stati Uniti

In versione Corvette di piccole dimensioni, con motorizzazione modesta e prezzo contenuto, la Opel GT è stata scoperta velocemente dagli appassionati di auto sportive americani, quando nel 1968 l'affiliata tedesca della General Motors (GM) ha fatto circolare i primi modelli sulle strade in Germania. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

La due posti con i fanali a scomparsa è diventata così in un certo senso un prodotto di importazione interna della GM, che dallo stabilimento Opel di Bochum veniva raggiungeva direttamente il porto per essere imbarcata alla volta degli Stati Uniti. In genere succedeva il contrario, ovvero erano sempre i modelli GM americani quali ad esempio la Corvette che lasciavano gli Stati Uniti con destinazione Europa. Con l’Opel GT la casa di Rüsselsheim ha ottenuto un successo sorprendente. Oltre la metà dei circa 100.000 esemplari prodotti tra il 1968 e il 1973 sono stati acquistati oltre oceano.

Design italiano e apparato tecnico solido

Il coupé dal design in stile italiano ha sorpreso anche per il fatto che in quel periodo la Opel produceva prevalentemente berline molto solide, cui comunque la casa di Rüsselsheim si è ispirata anche per la creazione dell’Opel GT. Sotto l’elegante carrozzeria con cofano compri motore molto lungo e quattro proiettori di forma circolare sulla porzione di coda accorciata si nascondeva l’apparato tecnico dei vecchi celebri modelli Opel. Il telaio proveniva dalla Kadett, mentre il grosso motore da 1,9 litri era lo stesso dell’Opel Rekord. Il prezzo assolutamente conveniente di quest’auto sportiva dipendeva non da ultimo dal fatto che veniva dotata di elementi realizzati in grande serie. Per i fan della Opel GT gli elementi tecnici comuni della struttura costruttiva dovevano essere pagabili anche in futuro.

Restauro con parti di altri modelli Opel

Come oldtimer la Opel GT viene annoverata tra le poche auto sportive restaurabili a prezzo abbordabile mantenendo la fedeltà all’originale, in virtù della possibilità di montare parecchi motori, cambi o unità di fondo di altri modelli tra cui Opel Kadett o Opel Manta. Inizialmente l’Opel GT era disponibile nelle due versioni GT 1100 da 44 kW (60 CV) e GT 1900 da 66 kW (90 CV), che raggiungevano una velocità massima rispettivamente di 155 e 185 km/h. Nel 1971 la Opel GT J con propulsore da 1,9 litri ed equipaggiamento ridotto ha sostituito la Opel GT 1100. Mentre il modello più piccolo veniva proposto esclusivamente con cambio manuale a quattro marce, le due versioni da 1,9 litri si potevano ordinare anche con cambio automatico a tre marce.

Lancio della nuova versione americana nel 2003

Esattamente 30 anni dopo che è stata prodotta l’ultima Opel GT a Bochum, la casa madre americana GM ha ridato vita alla vecchia leggenda. La nuova Opel GT, lanciata sul mercato in versione roadster, veniva prodotta negli Stati Uniti. In Europa General Motors ha proposto l’Opel GT come modello successore dell’Opel Speedster d’importazione. Il cambio della nuova Opel GT è stato ispirato dalla tecnica della trasmissione con fasatura variabile delle valvole e dal turbocompressore a doppio stadio. A bordo della Opel GT veniva montato il propulsore da 2,0 litri e 194 kW (264 CV) con una coppia di 353 Newtonmetri (Nm), che compiva lo sprint da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi e raggiungeva una velocità massima di 229 km/h. I rapporti si gestivano attraverso un cambio manuale a cinque marce. Il consumo medio dichiarato era di 9,2 litri (pari a 218 g/km di CO2).

Tecnologia da auto da corsa dell’Opel GT roadster

La linea della nuova Opel GT di serie era caratterizzata dai larghi cerchi in alluminio da 18 pollici, l’impianto di scappamento a doppia uscita e il “softtop” con lunotto posteriore in vetro integrato completamente abbassabile. Le peculiarità con cui l’Opel GT si distingueva dalle altre roadster erano costituite dal tettuccio pieghevole che non si apriva premendo un pulsante bensì piegandolo a mano e riduceva la capacità del vano portabagagli da 157 litri a soli 66 litri. A bordo dell’Opel GT il telaio sportivo dotato di controllo della trazione e differenziale autobloccante ad intervento fino al 70 percento era garantita una marcia sportiva in curva. I conducenti più abili avevano inoltre la possibilità di commutare sulla modalità sportiva o addirittura di disattivare completamente il programma elettronico di stabilizzazione, per riprendere personalmente il controllo della loro Opel GT, proprio come sul modello storico.

Recensioni dei veicoli Opel GT

8 Recensioni

4,6