Ford Transit Connect - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Ford Transit Connect

Ford Transit Connect

Presentato nel corso del 2003 e prodotto in due differenti serie, il Ford Transit Connect è un veicolo commerciale di taglia media, realizzato a partire dal pianale della Ford Focus. Dotato di una linea particolarmente compatta, il Transit Connect sfoggia forme inedite, sviluppate proprio in funzione degli utilizzi che è chiamato a svolgere: è dunque questa la prima novità sostanziale del furgone Ford, poiché il modello che sostituisce, il Courier, aveva il primo volume ricalcato sulla carrozzeria della Ford Fiesta MkIV. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Ford Transit Connect: un veicolo da lavoro adatto ad ogni esigenza

A differenza del modello precedente, l'utilizzo del pianale di Focus ha permesso al veicolo Ford di ottenere una volumetria interna decisamente maggiore, al passo con quella di concorrenti quali Fiat Doblò, Citroën Berlingo e Peugeot Ranch. A fronte di dimensioni esterne piuttosto contenute, e comunque molto simili a quelle della concorrenza, il Ford Transit Connect presenta un vano posteriore ampio e facilmente caricabile, grazie al portellone posteriore diviso in due parti che si aprono a battente. Lateralmente viene abbandonata la soluzione delle porte scorrevoli in luogo di portiere "automobilistiche", eccezion fatta per quelle posteriori incernierate contro marcia. Il Ford Transit Connect è inoltre disponibile in due varianti di carrozzeria, con passo corto e una lunghezza di 4,29 metri, e con passo lungo, maggiorato di circa 30 centimetri, tutti a vantaggio della volumetria interna. Esteriormente, il veicolo non paga eccessivamente dazio alle forme tipiche dei furgoni commerciali, poiché sfoggia una linea ricalcata sullo stile Ford del periodo, denominato New Edge: i fari anteriori sono grandi e caratterizzati da una forma a trapezio, mentre la mascherina è sottile e realizzata in semplice plastica scura. Anche i parafanghi e i profili laterali hanno la stessa tipologia di finitura, che aiuta a preservare la carrozzeria dai piccoli urti e dai graffi, mentre il secondo volume si sviluppa prepotentemente in altezza, proprio per assicurare un volume di carico maggiorato e sfruttabile. Gli interni sono caratterizzati da una plancia imponente, che sulla prima serie riprende gli stilemi della Fiesta MkV: gli strumenti sono ben consultabili ed hanno una tipica impostazione automobilistica, mentre la console centrale, seppur semplice, presenta tutti gli accessori necessari per una discreta qualità della vita a bordo, con ampie bocchette frontali, hi-fi e, più in basso, le tre manopole che comandano il clima manuale. Inoltre, sulla base del Transit Connect, Ford fa debuttare anche una versione monovolume denominata Tourneo: disponibile a 5 o 7 posti, del veicolo commerciale riprende lo stile della carrozzeria e i motori, mentre presenta equipaggiamenti e finiture più curati.

Ford Transit Connect: meccanica e motori

Prodotto nello stabilimento turco di Golcuk, il Ford Transit Connect ha una meccanica semplice ed affidabile, così come i motori, già noti poiché presenti da tempo nella gamma europea della casa dell'ovale. Per quanto riguarda il propulsore a benzina, il multispazio è disponibile con il 2.0 Duratec da 115 cavalli, in grado di fornire al Connect prestazioni di tutto rispetto. Sul versante diesel, il propulsore prescelto è il 1.8 TDCI Duratorq common rail già montato su Focus, ma modificato sia per ottenere tre livelli di potenza, sia per rispettare le nuove norme antinquinamento introdotte dalla disciplina Euro 4 (e successivamente Euro 5, grazie all'adozione del filtro anti-particolato). Alla base della gamma si pone il 75 cavalli, decisamente pochi per muovere in scioltezza il veicolo, ma sufficienti nel caso in cui il Connect debba essere impiegato soprattutto nei percorsi cittadini. A livello intermedio troviamo il 90 cavalli, accreditato di buone prestazioni, mentre al top della gamma diesel c'è il brillante 110 cavalli. Inoltre, sulla versione del Connect equipaggiata col 2.0 litri Duratec, Ford rende disponibile in alcuni paesi europei una variante bi-fuel GPL, per contenere i consumi senza rinunciare al brio del 4 cilindri alimentato a benzina. Infine, per quanto riguarda i motori, l'ultima novità sostanziale riguarda una versione elettrica del Ford Transit Connect realizzata negli stabilimenti turchi a partire dal 2010: equipaggiato con un motore elettrico prodotto da Samsung, questo furgone è indirizzato in particolar modo al mercato americano e assicura una velocità massima di 120 km/h a fronte di un'autonomia di poco superiore ai 130 km.

La nuova serie di Ford Transit Connect

Alla fine del 2012, il Ford Transit Connect si rinnova radicalmente, a partire dalla linea esterna, ora decisamente più moderna ed appagante. I designer mantengono l'impostazione consueta, con il volume anteriore di tipo automobilistico e quello posteriore più legato a forme e dimensioni di un veicolo commerciale, concentrando le modifiche soprattutto sul frontale. Il veicolo ora sfoggia dei fari molto allungati che arrivano quasi alla base del parabrezza, con un disegno simile a quello visto nelle ultime serie della Fiesta. La mascherina propriamente detta si fa ancora più sottile, mentre al di sotto della stessa trova posto la grande bocca esagonale tipica degli ultimi modelli Ford, al centro della quale troviamo l'alloggiamento per la targa. Anche gli interni si fanno molto moderni, con l'adozione di una plancia molto simile a quella di Focus, nella quale troviamo una strumentazione completa e ben leggibile, ed una console elegante sormontata dal display multifunzione, mentre il cambio acquisisce una comoda posizione rialzata. Le stesse modifiche caratterizzano anche la Tourneo, multispazio "borghese" disponibile anche in questa serie con due differenti passi, il più lungo dei quali concorre a realizzare un abitacolo comodo per sette passeggeri. Sul versante dei propulsori, debutta il nuovo 1.0 litri 3 cilindri da 100 cavalli, al quale si affianca il prestante EcoBoost 1.6 litri da 150 cavalli, mentre per quanto riguarda i diesel, troviamo il Duratorq da 1.6 litri disponibile con 75, 95 e 115 cavalli. Infine, se per quest'ultimo modello la possibilità di rintracciare un esemplare sul mercato dell'usato auto può risultare ardua, per la prima serie di Ford Transit Connect non vi sono sostanziali problemi, poiché il furgone dell'ovale blu ha conosciuto una diffusione molto elevata. Tra le auto usate è bene indirizzarsi su versioni diesel, parche ed in grado di offrire i giusti spunti in accelerazione e ripresa, oppure sulla più rara versione bi-fuel.

Recensioni dei veicoli Ford Transit Connect

17 Recensioni

4,7