Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.
renault-modus-front

Renault Modus

1 / 3
renault-modus-front
renault-modus-side
renault-modus-back

Pro

  • Agile e facile da guidare e passeggiare
  • Sedili posteriori molto spaziosi

Contro

  • Bagagliaio piccolo
  • Manutenzione ordinaria complicata

Renault Modus in sintesi

Qui trovi una panoramica generale dell’auto Renault Modus inclusi i dati relativi alle caratteristiche principali, alla motorizzazione, all’equipaggiamento e altre informazioni utili relative al modello dell’auto. Leggi di più

Usato a partire da:
*Prezzo più basso su AutoScout24 nel mese scorso

Renault Modus: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Figlia della moda dilagante degli anni ’00 che voleva le piccole monovolume gli oggetti del desiderio di quel periodo, Renault Modus è una vettura che si offriva come alternativa spaziosa e versatile alle classiche compatte di Segmento B, offrendo più spazio e praticità con dimensioni e prezzo paragonabili. In più, la Renault Modus si propone anche come alternativa alla Renault Twingo, lanciata nel 1993 e ormai un po’ superata, più piccola e meno “monovolumeggiante” rispetto alle rivali dirette di Segmento B che in quegli anni stavano arrivando sul mercato come la Opel Meriva e la FIAT Idea.Leggi di più

Ti interessa la Renault Modus

Renault Modus usata
Renault Modus offerte concessionario

Altre informazioni per la tua ricerca

Lanciata nel 2004, Renault Modus poggia sul pianale della Renault Clio di terza generazione, della Nissan Micra K12 e della prima serie di Nissan Note, con la quale condivide tante componenti. Dotata di uno stile decisamente personale, che unisce spigoli e linee morbide, interni pratici, un tetto decisamente alto e amplissime superfici vetrate, Renault Modus è anche una delle monovolume più compatte in circolazione, con i suoi 3,79 metri. Dotata di una meccanica semplice e affidabile ma di qualche problema di ingegnerizzazione, che rende alcune semplici operazioni più complicate e costose della media, Renault Modus è rimasta per otto anni in produzione, sostituita nel 2013 da un SUV, la Captur, segnando la fine della popolarità delle piccole monovolume. Ma nonostante questo, ha ancora senso puntare sulla Renault Modus?

Scopriamo insieme dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di Renault Modus.

Dimensioni Renault Modus

Le dimensioni della Renault Modus sono:

  • lunghezza 3,79/3,87 metri
  • larghezza 1,70/1,71 metri
  • altezza 1,59 metri
  • passo 2,48 metri

Tra le più piccole della sua categoria, Renault Modus è sempre stata caratterizzata da uno stile personale e decisamente Renault, ispirato alle più vendute Renault dell’epoca come Clio, Mégane e Scenic ma senza arrivare agli estremi delle due vetture più grandi, ispirate a loro volta dalla mitica Avantime. Il frontale di Modus è caratterizzato da un cofano molto corto e risicato, studiato per offrire il massimo spazio all’abitacolo con dimensioni esterne molto compatte, un paraurti avvolgente dotato di due prese d’aria laterali con il logo della Régie al centro e due fari trapezoidali agli estremi della carrozzeria.

Il restyling del 2008 ha modernizzato molto la vettura, introducendo fari più grandi, una calandra cromata e un paraurti più lungo e prominente, che ha infatti aumentato le dimensioni da 3,79 a 3,87 metri. Lateralmente, si fa notare il passo relativamente lungo di 2,48 metri, il tetto molto alto che le fa raggiungere quasi il metro e 60 d’altezza e dei passaruota piuttosto bombati. In coda, invece, la prima serie di Modus punta su fari tondeggianti molto particolari, un lunotto molto grande e un portellone che arriva molto in basso per facilitare il carico nel bagagliaio. Proprio la prima serie è poi dotata di un optional tanto raro quanto eccentrico: un portellone… nel portellone. Schiacciando un tasto dedicato, Renault Modus è in grado di aprire un piccolo portello che permette di inserire piccoli pacchetti senza dover aprire il grosso portellone. Per quanto comodo ed eccentrico, questo optional è stato poco scelto, e abbandonato con il restyling del 2008. Concludendo con le dimensioni di Renault Modus, il bagagliaio è sorprendentemente piccolo: nonostante la presenza di un divano scorrevole, la vettura offre una cubatura minima compresa tra i 198 e i 274 litri.

Interni Renault Modus

Il bagagliaio piccolo è però una benedizione per gli interni di Renault Modus, che infatti possono ospitare comodamente cinque persone senza problemi. Grazie al passo relativamente lungo e ai sedili scorrevoli, posizionando i sedili nella posizione più arretrata lo spazio è davvero generoso, capace di offrire i centimetri sufficienti per ospitare anche tre adulti piuttosto alti. Grazie ai finestrini molto ampi e al parabrezza di grandi dimensioni, gli interni di Renault Modus risultano molto luminosi e ariosi, grazie anche ad una plancia davvero pulita. Peccato solo per alcuni materiali decisamente economici: solo le top di gamma ricevevano la plancia rivestita in plastica morbida, e anche queste ultime venivano colpite da alcuni “scivoloni” per alcuni materiali poco nobili.

Renault Modus introduce infatti una soluzione utilizzata poi anche sulla nuova Twingo, ovvero il posizionamento del quadro strumenti al centro della plancia, come abbiamo visto su diverse monovolume compatte. Questa soluzione permette di ottenere uno spazioso vano portaoggetti davanti al conducente, e di regalare uno stile più arioso alla vettura. Il quadro strumenti è poi digitale con indicatori rossi su sfondo scuro, mentre a lato troviamo anche lo “schermino” per visualizzare le informazioni della radio e del computer di bordo. Modus riprende poi da Mégane e Scénic la presenza di una consolle centrale piuttosto pulita, con una finitura in simil-alluminio che ospita i comandi del clima in alto e quelli della radio più in basso. Vista la posizione di guida rialzata, la leva del cambio è anch’essa più in alto del solito, sia che si tratti della trasmissione manuale che dell’automatico.

renault-modus-interieur renault-modus-kofferraum

Motori Renault Modus

La gamma motori di Renault Modus è condivisa con quella di Renault Clio III e Nissan Micra K12, così come la piattaforma, e si compone di motori benzina e a gasolio con diversi livelli di potenza, adatti sia a chi non ha fretta che ai più sportivi. La gamma a benzina pensata per il mercato italiano parte dalla 1.2 16v, dotata di 75 CV e 105 Nm di coppia ed accoppiato sia al cambio manuale a 5 marce che, con 3 CV in più, al cambio automatico QuickShift robotizzato a 5 rapporti. Fino al restyling del 2008, poi, la gamma Modus offriva anche un 1.4 16v da 98 CV e un più potente 1.6 16v da 110 o 113 CV, quest’ultimo disponibile fino alla fine della storia del modello con un classico cambio automatico a 4 rapporti.

Entrambi i motori con cambio a 5 marce sono poi stati sostituiti con un motore turbo, il 1.2 TCe: si tratta della versione turbo del 1.2 16v, dotato di 100 CV e 145 Nm di coppia. La gamma motori di Renault Modus è poi completata dal motore che, almeno in Italia, è stato al vertice delle preferenze, il 1.5 dCi. Il classico e amatissimo quattro cilindri 8 valvole della Casa francese è stato offerto con tantissimi livelli di potenza: 65, 68, 75, 82, 86, 90 e 106 CV, con la versione da 86 CV disponibile anche con il cambio robotizzato QuickShift a 5 marce.

Motori Renault Modus

Benzina

  • 1.2, 1.2 quattro cilindri aspirato, 65 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.2 16v, 1.2 quattro cilindri aspirato, 75 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.2 16v QuickShift, 1.2 quattro cilindri aspirato, 78 CV, cambio aut. robotizz. a 5 marce, traz. anteriore
  • 1.2 TCe, 1.2 quattro cilindri turbo, 100 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.4 16v, 1.4 quattro cilindri aspirato, 98 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.6 16v, 1.6 quattro cilindri aspirato, 110/113 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.6 16v Automatic, 1.6 quattro cilindri aspirato, 113 CV, cambio manuale a 5 marce, traz. anteriore

Diesel

  • 1.5 dCi, 1.5 quattro cilindri turbodiesel, 65 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.5 dCi, 1.5 quattro cilindri turbodiesel, 68 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.5 dCi, 1.5 quattro cilindri turbodiesel, 75 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.5 dCi, 1.5 quattro cilindri turbodiesel, 82 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.5 dCi, 1.5 quattro cilindri turbodiesel, 86 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.5 dCi QuickShift, 1.5 quattro cilindri turbodiesel, 86 CV, c. aut. robotizz. a 5 marce, traz. anteriore
  • 1.5 dCi, 1.5 quattro cilindri turbodiesel, 90 CV, cambio manuale a 5 marce, trazione anteriore
  • 1.5 dCi, 1.5 quattro cilindri turbodiesel, 106 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore

Prezzi Renault Modus

Al lancio, nel 2004, il listino prezzi di Renault Modus partiva da 11.825 euro per la 1.2 16v da 75 CV in allestimento base. La versione base era la più economica ma anche spartana, con di serie chiusura centralizzata con il classico telecomando a carta di credito delle Renault dell’epoca, computer di bordo, volante regolabile in altezza, ABS e servosterzo, con optional il clima manuale, i fendinebbia e l’autoradio. La gamma Modus offriva però anche versioni molto sfiziose, come la raffinata Saint-Tropez o la top di gamma Initiale, dotata di cerchi in lega da 16”, clima automatico, radio CD, Cruise Control, sedili in pelle beige con divano scorrevole, portellone posteriore a doppia apertura, plancia in materiale morbido e bocchette del clima per i sedili posteriori.

Ma oggi, quali sono i prezzi di Renault Modus? Le versioni più economiche della monovolume francese si trovano a partire da 1.200 euro per le 1.2 16v o le 1.5 dCi da 68 CV, mentre si arriva a circa 2.000/2.500 euro per gli esemplari più “puliti” della prima serie. Per la seconda serie, dotata di motori più moderni, omologazione Euro 4 e miglioramenti interni, partono da 3.500 euro per le 1.5 dCi Euro 4, ormai limitate nella circolazione nelle città più grandi. Le più desiderabili sono le 1.2 TCe e le 1.6 automatiche, potenti e versatili, che partono da 4.000 euro e possono arrivare a superare i 6/7.000 euro per esemplari con pochi km e molto accessoriati.

Renault Modus: concorrenti e conclusioni

Renault Modus è stata una vettura dotata di un ottimo successo iniziale, grazie all’unione tra l’ottimo spazio interno per i passeggeri, le dimensioni perfette per la città, un comfort di ottimo livello grazie alle sospensioni morbide e capaci di assorbire bene le buche e un’ottima agilità in città. Accoppiate agli apprezzati 1.5 dCi, le diverse versioni di Modus sapevano unire prestazioni vivaci a consumi davvero contenuti, nell’ordine dei 19 km/l di media, anche con il cambio automatico. Con il passare degli anni, però, Modus ha perso appeal a causa di alcuni difetti importanti, primo fra tutti il bagagliaio, davvero piccolo e persino più stretto di quello della Clio dalla quale deriva. In più, le scelte progettuali effettuate da Renault, che hanno messo al primo posto il contenimento delle dimensioni come mantra principale, hanno colpito la funzionalità. Per un’operazione tanto semplice quanto comune come cambiare una lampadina c’è bisogno di rimuovere il paraurti anteriore e il faro stesso, altrimenti è impossibile accedervi. Allo stesso modo, la manutenzione ordinaria è molto esosa per le dimensioni risicate del vano motore, che costringono agli straordinari i meccanici.

Al netto di questi limiti, però, rispetto alle concorrenti Renault Modus offriva una guida ancora più agile e facile in città grazie alle dimensioni compatte, dei motori affidabili e parchi e un abitacolo spazioso, luminoso e versatile, al netto del bagagliaio piccolo. Se per voi è più importante lo spazio per gli occupanti piuttosto che il bagagliaio e potete occuparvi in garage della manutenzione ordinaria, Renault Modus grazie al suo prezzo contenuto sul mercato dell’usato è una vettura da tenere in considerazione. Tra le concorrenti di Renault Modus troviamo infine tutte le “acerrime rivali” dell’epoca, a partire dalle italiane FIAT Idea e Lancia Musa, le francesi Citroen C3 Picasso e Peugeot 1007, la tedesca Opel Meriva, le giapponesi Honda Jazz, Mazda 2 e Mitsubishi Space Star nonché le “outsider” Hyundai Matrix e Ford Fusion.

FAQ

Quanto costa la Renault Modus?
Le Renault Modus più economiche partono da circa 1.000/1.500 euro, mentre per una Modus seconda serie prodotta tra il 2008 e il 2012 parte da 3.500 euro e arriva fino ai 6.500 euro delle meno chilometrate.
Quanto consuma la Renault Modus?
La versione più efficiente di Renault Modus è la 1.5 dCi da 90 CV, capace secondo la Casa di percorrere 22,7 km/l.
Quanto è lunga la Renault Modus?
Renault Modus è lunga 3,79 metri, diventati 3,82 metri con la seconda serie lanciata nel 2008.

Valutazioni sul veicolo per Renault Modus

44 Valutazioni

4,3

Altri collegamenti

Più dettagli