BMW 520 - compro o vendi auto usate o nuove - AutoScout24

Trova la tua auto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

Con la BMW 520 inizia la Serie 5

Tre anni prima che la BMW con la Serie 3 lanciasse sul mercato il modello della classe media più riuscito della sua storia, dal 1972 la nuova BMW Serie 5 ha dimostrato che le auto più dinamiche della classe superiore provenivano dalla Baviera. Il “volto” della prima auto della Serie 5, e poco dopo della nuova BMW Serie 3, è stato disegnato da Paul Bracq. Doppi proiettori anteriori di forma circolare e il tipico doppio rene caratterizzavano la linea estetica dei veicoli della nuova serie. La BMW 520, prima vettura della Serie 5, è stata presentata al pubblico nella primavera del 1972. Inizialmente, questo modello veniva prodotto nello stabilimento di base di Monaco, quindi dal 1973 nel nuovo stabilimento di Dingolfing in versione quattro porte con motore quattro cilindri. Quest’ultimo sviluppava una potenza di 85 kW (115 CV) e raggiungeva una velocità massima di 173 km/h. Parallelamente il programma prevedeva fin dall’inizio un modello a iniezione diretta, chiamato BMW 520i, che sviluppava una potenza di 130 CV e raggiungeva la velocità di 183 km/h. Mentre a quest’ultimo modello non sono state apportate modifiche fino al 1979, la versione originale è stata dotata, nel 1977, di un nuovo motore sei cilindri da 90 kW (122 CV), che raggiungeva pertanto la stessa velocità del motore a iniezione diretta.


Debutto di una nuova marmitta catalitica a bordo della BMW 520

Nella seconda metà degli anni Ottanta la casa di Monaca di Baviera ha inserito nel programma della classe superiore uno sviluppo che ha segnato nuovi standard in fatto di aumento di sicurezza di circolazione ed ecologicità. Nel periodo iniziale della seconda Serie 5, e precisamente nel 1981, a bordo della BMW 520 si poteva far montare per la prima volta il freno ABS come optional. Il 1986 ha corredato la macchina della prima marmitta catalitica, che riduceva i valori emissione di gas di scarico conformemente alla norma Euro 1. Diversamente dai modelli precedenti, questa versione andava a benzina normale.


BMW 520 con riferimenti alla classe superiore

Con il nuovo capo designer Claus Luthe, la BMW 520 dal 1987 è stata dotata di un equipaggiamento tutto nuovo, ispirato dalla BMW serie 7 di grande formato. Ciò si notava in particolare nella gabbia-abitacolo allungata con parte interno più spaziosa e, dal 1990 anche nella motorizzazione. L’auto è stata dotata di un motore sei cilindri di nuovo sviluppo con 24 valvole e una potenza di 110 kW (150 CV), che raggiungeva una velocità di 211 km/h ed era considerato uno dei motori più durevoli ed affidabili della Serie 5. Nel 1990 la BMW 520 è stata proposta per la prima volta anche in versione SW.


Nuovo telaio in lega leggera

Nel 1995 si poteva ammirare presso i concessionari la BMW 520 di nuova generazione, inizialmente disponibile soltanto in versione berlina, dal 1997 in versione Touring, ma sempre datata di telaio leggero con componenti in alluminio, che hanno contribuito a ridurre il consumo medio di benzina a 9,6 litri (con 229 g/km CO2). In seguito al “lifting facciale” del 2000 sono state inserite nel programma anche le nuove motorizzazioni dalla potenza di 125 kW (170 CV) che venivano montate a bordo della variante berlina e della versione BMW 520 touring. Con la nuova generazione, questo modello è stato proposto anche in versione Diesel (BMW 520d), con motori da 100 kW (136 CV).


BMW 520 con nuova tecnologia

Nel 2003, con il lancio della Serie E3 è stata introdotta a bordo un’altra novità proveniente dalla classe superiore. La casa bavarese ha previsto nell’equipaggiamento di serie della classe media il sistema iDrive, con cui è stato semplificato il comando di climatizzatore, navigatore e impianto stereo e nel contempo migliorata la visuale all’interno del cruscotto. Con i nuovi motori dal consumo più ridotto e il dispositivo di avviamento e arresto automatico altamente ecologico, la casa monacense nel 2008 con la BMW 520 ha risposto ai nuovi requisiti richiesti per le auto della classe media. La versione BMW 520d più parsimoniosa in assoluto è risultata quella con motore Diesel da 130 kW (177 CV) dal consumo medio di 5,1 litri di gasolio e un’emissione di 136 g/km di CO2.


Mehr anzeigen