Definizione e destinazioni d'uso

Uno stacker, più che una macchina, è in genere un impianto di raccolta e impilamento dalla mole notevole, di solito realizzato su misura, e utilizzato per accumulare materiali sfusi come calcare, minerali, cereali; questi raccoglitori sono classificati per capacità in tonnellate/ora. Uno stacker ha di norma due movimenti possibili, uno orizzontale lungo la rotaia e uno verticale elevando o abbassando il braccio.

Alcuni stacker hanno anche la capacità di ruotare il braccio e in questo caso un'unica macchina ha la possibilità di formare due pile, una per ciascun lato. All'origine venivano azionati e controllati solo manualmente ed erano privi di controlli a distanza. Le macchine moderne, al contrario, sono in genere semiautomatiche o totalmente automatizzate e tutti i parametri vengono impostati e monitorati in remoto.


Condizioni di utilizzo

Il sistema di controllo normalmente utilizzato è di tipo logico programmabile, con un'interfaccia uomo-macchina per la visualizzazione, collegata ad un sistema di controllo centrale.

Per consentire l'impilamento o l'accatastamento dei materiali sfusi, uno stacker è dotato di 3 movimenti di base: 1) movimento verticale, in passato effettuato utilizzando un meccanismo con un argano e con filo metallico, oggi alimentato da due cilindri idraulici; 2) movimentazione: il raccoglitore si muove su un binario. Il movimento è generalmente impostato e controllato in remoto; 3) rotazione attorno al proprio asse centrale per allineare o collocare le pile di materiale dove necessario.

I nastri trasportatori utilizzati negli stacker possono essere realizzati in tessuto o in filo metallico, secondo il tipo di materiale da trattare. Sono guidati da pulegge, a loro volta mosse da motori a corrente continua. Motori e ingranaggi sono accoppiati tramite l'utilizzo di un giunto idraulico. La maggior parte degli stacker moderni è alimentata elettricamente.


Caratteristiche tecniche generali

Gli stacker sono in grado di creare pile circolari, ovali o longitudinali e possono essere utilizzati anche per mescolare e rendere omogenei i materiali o i composti. La loro capacità può variare dalle 300 alle 20 mila tonnellate l'ora di materiale trattato. Il braccio può estendersi da 16 a 60 metri e per particolari utilizzi possono essere realizzati a misura delle soluzioni in grado di raggiungere i 200 metri.

Tra i produttori, dotati di servizio progettazione e ingegnerizzazione personalizzate per garantire delle soluzioni su misura altamente efficienti, menzioniamo: Schaeffer, Jansen&Heuning, Krupprobins, VBE Machinery, Tenova Takraf.


Torna su