Eriba Touring: un'idea di successo

Eriba Touring di Hymer ha compiuto già cinquanta anni, ma questa roulotte non teme la concorrenza (la piccola T@B prova a seguire questo filone) e rimane una “diva” con un gruppo di fan accaniti. Entrata in produzione nel 1957, si tratta davvero di un caravan unico, sia per la sua estetica sia per le caratteristiche tecniche. La prua arrotondata è estremamente aerodinamica; il tetto rialzabile consente di avere altezza quando serve; le finestre ampie su ogni lato aumentano la luminosità; il peso ridotto facilita le manovre. Sin dai primi modelli di Eriba Touring, i due ingegneri Erich Bachem e Erwin Hymer hanno lavorato con intelligenza, apportando ad un mezzo su ruote le caratteristiche di un velivolo. Eriba Touring è costruita a partire da un telaio costituito da tubi a sezione quadrata, su cui si fissa una gabbia di tubi d’acciaio. La struttura esterna è in alluminio, mentre il tetto sollevabile è in vetroresina.Una simile architettura predispone ad una durata estremamente lunga: si incontrano senza difficoltà roulotte di anche trenta anni.


Interni a piacere

Gli interni sono realizzati in legno di pero, luminoso e resistente, con pensili sagomati per impedire gli urti con la testa. Nonostante le dimensioni ridotte, la cucina ha frigorifero, tre fuochi, lavandino, tagliere e prolunga del piano di lavoro; una tanica da 13 litri assicura una buona autonomia. Sono nove i modelli proposti nel 2014 da Hymer. Si chiamano Familia i due con lunghezza 371 cm e larghezza 200; ospitano 2 o 3 posti letto, chi vuole ampia superficie di lavoro, sceglie la cucina a prua. I quattro modelli Triton si “allungano” a 421 cm, offrendo soluzioni a 2, 3, 4 letti con matrimoniale fisso o ricavabile dalla dinette. Tre o anche 4 posti letto nelle tre soluzioni progettuali di Troll, lunga 471 cm; anche in questo caso, si può scegliere di privilegiare la zona giorno acquistando il modello a grande dinette, oppure di tenere un letto fisso.


Torna su