Dove c'è potenza c'è Iveco Stralis

L'Iveco Stralis è un autocarro prodotto dal 2002 e copre la gamma al di sopra delle 18 t e fino alle 44 t, limite massimo in Italia. È stato il primo Camion pesante con cambio automatico di serie, motivo per cui nel 2003 ha vinto il premio "International Truck of the Year", vittoria che si ripete nel 2013 con la presentazione del nuovo modello denominato Hi-Way. Venduto in diverse configurazioni, 4x2, 6x2 e 6x4,per quanto riguarda le dimensioni sono disponibili vari passi compresi fra i 3.650 e i 6.700 mm. L'Iveco Stralis dispone di tre diversi propulsori, detti Cursor: a partire dall'8, che ha 7,8 l di capacità e 228-265 KW di potenza fino ad arrivare al Cursor 13 con 12,9 l e 368-412 KW. Le sospensioni dell'Iveco Stralis hanno una configurazione variabile in funzione delle esigenze e possono essere controllate elettronicamente mediante l'ECAS (Electronically-Controlled Air Suspension) utile a regolare l'altezza del telaio nel corso delle operazioni di scarico, carico e aggancio del semirimorchio o a mantenerla costante durante la marcia. Per via dei grandi pesi che l'Iveco Stralis trasporta, il freno è un elemento fondamentale, e quello installato è un modello di ultima generazione chiamato "Iveco Turbobrake".

Sicurezza e comfort al servizio del cliente

Tutti gli autocarri Iveco Stralis sono accessoriati per garantire sicurezza assoluta al guidatore. La guida del mezzo è facilitata da diverse tecnologie che integrano i sistemi di controllo classici: l'Electronic Braking System (EBS), che minimizza l'uso dei freni e aumenta il rendimento di frenata; l'ESP, che corregge il mezzo in fase di sbandata; l'Hill Holder, utile nelle partenze in salita; il Lane Departure Warning System (LDWS), che segnala acusticamente la fuoriuscita del mezzo dalle linee di corsia, fino ad arrivare al sensore di controllo di attenzione dell’autista. Per agevolare la vita degli autisti all'interno delle cabine nel nuovo Iveco Stralis Hi-Way, gli abitacoli sono stati ridisegnati per offrire ogni comfort e migliorare la guida dell'autocarro.
Torna su