Consigli · Acquisto auto - Tutti gli articoli

Auto per neopatentati

Per i giovanissimi che stanno per mettersi alla guida del loro primo mezzo, ma anche per gli aspiranti piloti che hanno scelto di ottenere la patente solo in età avanzata, si pone un problema fondamentale che riguarda le auto per neopatentati migliori presenti sul mercato.

Come molti sapranno già, la legge impone che le auto per neo patentati non abbiano un rapporto peso/potenza superiore ai 55 kw/t e che abbiano una potenza massima non superiore ai 70 kw (corrispondenti a 95 cv). Le limitazioni per le automobili per neo patentati sono entrate in vigore nel febbraio 2011 per volere del Ministero e, da allora, non sono state modificate. Occorre, allora, documentarsi a tal proposito, così da avere la certezza di poter effettuare una scelta ottimale.

Il parere delle aziende

Prima di passare all’elenco effettivo dei veicoli che il neopatentato potrà guidare, potrebbe essere interessante sapere cosa hanno rivelato le grandi case automobilistiche a seconda di questo decreto. Molti hanno pensato che aziende storiche e dalla fama riconosciuta potessero opporsi all’emanazione di un simile decreto ma, in realtà, le polemiche sono state limitate e le critiche ben composte. Se è vero che un giovane neopatentato non può avere il senso critico e l’esperienza di un guidatore di lunga data, è anche vero che sarebbe ingiusto costringere un diciottenne alla guida di un mezzo piccolo, dalle prestazioni limitate e spesso costoso. Meglio sarebbe permettere ai giovani di oggi di sostenere il test per la patente già a 16 anni, come del resto avviene in molte parti del mondo: in questo modo, le famiglie non sarebbero costrette ad acquistare un veicolo nuovo e potrebbero seguire i giovani durante le prime guide, utilizzando i mezzi già presenti in casa ed evitando così una spesa quasi del tutto inutile. Un parere interessante, che ha trovato ampio appoggio anche da parte delle famiglie dei futuri patentati, è l’idea che un ragazzo possa guidare serenamente una microcar (per definizione, una sintesi di insicurezza e di mancata stabilità), e non possa invece acquisire dimestichezza a bordo di un veicolo vero e proprio, la dice lunga sulle lacune della normativa.

Una proposta curiosa proviene da un’azienda tedesca che ha chiesto sconti e detrazioni applicabili non solo sull’acquisto dell’auto, ma anche sui contratti assicurativi. Vero è che un neopatentato alla guida rappresenta un rischio maggiore per le compagnie di assicurazioni, ma è d’altro canto innegabile che il numero di neopatentati che decidono di acquistare un’auto entro pochi mesi dall’ottenimento della licenza di guida è aumentato, ed è il caso di venire incontro anche alle esigenze di studenti e giovani lavoratori che necessitano di un veicolo adatto a loro.

La lista delle migliori auto idonee per neopatentati

L’elenco completo, indicante le vetture per neopatentati, include oltre 900 modelli di auto, di tutte le aziende più note e di fasce di prezzo differenti. Un simile elenco permette anche ai meno esperti di orientarsi e di trovare un punto di incontro tra la propria domanda e l’offerta del mercato. Le auto adatte a neopatentati più gettonate sono certamente le citycar, ovvero i veicoli di dimensioni ridotte e adatti all’uso in città, come le differenti varianti di Fiat Panda e 500, ma anche Toyota Aygo, Kia Picanto, Renault Twingo, Volkswagen Up! e Smart. Veicoli simili permettono ai neopatentati di vivere la loro prima esperienza di guida in maniera sicura, senza temere sanzioni o controlli particolari.

Per i guidatori che volessero acquistare delle auto per neopatentati di fascia più alta, modelli come Renault Clio, Mazda2 e Citroen C3 potrebbero rivelarsi i più adatti: le diverse scelte di accessori e la ricercatezza nei dettagli rendono queste vetture le migliori per chi voglia fare un investimento duraturo.

Infine, anche le aziende che si occupano della produzione di SUV e Crossover hanno deciso di offrire delle varianti adatte ai neopatentati. Le auto per neopatentati di questo tipo, come Citroen C4 Cactus e Dacia Duster, permettono di sfruttare al meglio lo spazio dell’abitacolo e di utilizzare il veicolo anche per piccoli trasporti o acquisti di dimensioni notevoli.

Modelli come BMW 214d Active Tourer, Ford B-Max 1.5 TDCi 75 CV Sport 2 e Hyundai i20 Coupé 1.4 CRDi 3 porte Sport rappresentano dal canto loro un investimento sicuro e in grado di rispondere al trascorrere del tempo, adatto a chi prevede di acquistare un’auto di cilindrata ridotta e di utilizzarla per diversi anni, indipendentemente dall’età anagrafica e dalle mode passeggere.

Se il budget non è sufficiente

Ovviamente, le case produttrici hanno deciso di venire incontro alle famiglie che stanno pensando di acquistare un veicolo nuovo per il figlio neopatentato. Pagamenti a rate e finanziamenti sono un’ottima scelta e si sta aprendo la possibilità di richiedere dei finanziamenti statali per chi sceglierà di acquistare un veicolo ibrido. Nell’attesa, una buona idea potrebbe essere quella di optare per un veicolo dalle emissioni ridotte (specie se si considera che si tratta spesso di citycar) oppure di pensare ad un’auto elettrica.

Un’altra via percorribile per chi non può spendere molto è quella dell’auto usata: molte famiglie scelgono infatti di vendere le auto acquistate, una volta trascorso il limite di un anno imposto al neopatentato per la guida di veicoli a potenza ridotta. In questo modo, è possibile fare ottimi acquisti e trovare veicoli in grado di offrire ottime prestazioni e dalla carrozzeria spesso perfetta.

Le sanzioni per chi guida vetture per neo patentati non idonee

Coloro che non dovessero rispettare la normativa e fossero sorpresi alla guida di auto per neopatentati non idonee verrebbero immediatamente sanzionati. Il guidatore sarebbe costretto a pagare una multa dal valore compreso tra i 160 € e i 641 €, ai quali andrebbe aggiunta una sanzione amministrativa accessoria che comporta una sospensione della patente per un periodo da 2 a 8 mesi.

Se c’è già chi pensa ad una modifica della normativa, proponendo una diminuzione del periodo in cui si dovrebbero guidare i mezzi sopra elencati, c’è anche chi crede che un simile provvedimento non sia ancora abbastanza e che sia invece necessario un maggiore controllo. In realtà, fino ad ora, la proposta per la modifica di legge è ferma alla camera e, una volta approvata, comporterebbe una diminuzione da un anno a 6 mesi per la guida dei veicoli a cilindrata ridotta e un esonero dall’obbligo se alla guida del veicolo si trova un neopatentato, affiancato da un guidatore di età non superiore ai 65 anni e con patente di guida conseguita da almeno 10 anni. La possibilità di guidare un veicolo di potenza maggiore dopo 6 mesi dall’ottenimento della patente potrebbe essere concessa a coloro che non venissero coinvolti in incidenti di alcun tipo.

Ci si interroga sull’effettiva efficacia di simili proposte e sulla capacità di rendere più responsabili i giovani neopatentati ma si tratta di un discorso ampio e cavilloso che potrebbe non dare risultati per molti anni ancora. L’idea di mettere alla guida dei giovani scortati da parenti più esperti potrebbe essere valida ma è anche vero che i rischi sono molti ed è sempre meglio prevenire.

Per le modifiche relative alle auto per neopatentati non resta che attendere: per ora, è il caso di scegliere il veicolo più adatto alle proprie esigenze e provvedere all’acquisto.

Tutti gli articoli

Acquistare auto all’estero

Marche auto cinesi

Automobili francesi

Mostra di più