Compra Audi Station Wagon ora su AutoScout24

Trova la tua auto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

Citroën Visa: l'utilitaria che ha fatto la storia

Citroën Visa è stata la scommessa più importante della casa francese, che negli anni '70 punta allo svecchiamento dei modelli. Per realizzare tale ammodernamento, Citroën chiede aiuto alla Fiat, dando vita ad un sodalizio poco fortunato perché il brand italiano decide di mettere a disposizione dei francesi solo il pianale della 127. Nel frattempo la fabbrica viene rilevata dalla Peugeot e i progetti per le nuove vetture sono annullati e messi da parte. Il progetto Citroën Visa riprende solo nel 1977, mentre il lancio della macchina avviene nel 1988, tra le riserve e le perplessità dei suoi ideatori.

Citroën Visa: aspetto poco convincente

La Citroën Visa è una macchina che ha anticipato i tempi, e nonostante le critiche, è un'utilitaria di tutto rispetto. Dimensioni modeste e abitacoli spartani ne fanno una quattro ruote semplice e affidabile, elementi che hanno decretato il successo di questa vettura del popolo; l'auto ha cinque porte e un portabagagli a portellone considerato avanti anni luce per le vetture della stessa categoria di quegli anni. Le critiche lanciate contro Citroën Visa guardavano principalmente alla plastica grezza con cui erano fatti i paraurti e alcune parti della vettura, che rendevano la macchina brutta da vedere per alcuni esteti del tempo. Non per tutti Citroën Visa è una vettura poco accattivante da guardare: infatti, gli stessi elementi rappresentavano per altri, quel tocco d'avanguardia modernista in più che le conferivano uno stile unico.

La meccanica e i motori

Citroën Visa è caratterizzata da sospensioni molto morbide e confortevoli e da un sistema di frenaggio misto, a tamburo e disco; il servofreno non è presente solo sul primo modello. Al suo primo lancio la Visa era disponibile con due diversi motori: un bicilindrico con raffreddamento ad aria 650 di cilindrata e 36 CV di potenza e un motore a quattro cilindri 1.100 di cilindrata e 50 CV di potenza con raffreddamento ad acqua. In entrambe i modelli il cambio è automatico a quattro marce. Nel 1979 esce il nuovo modello Carte Noir, una sorta di Visa Super di colore nero molto ricercata dai collezionisti perché prodotta per breve tempo. Più fortunato il modello degli anni Ottanta: il Sextant, anch'esso ormai un pezzo da collezione perché prodotto in soli duemila esemplari solo per la Francia. Il vero restyling arriva l'anno dopo con la Citroën Visa L completamente rimodernata nello stile e nelle linee, anche se è la Citroën Visa 1000 Pistes la versione più amata dai collezionisti. Questa Visa sportiva, conta pochissimi esemplari e ora è una delle più ricercate nel mercato dell'usato auto. I modelli più commercializzati sono gli ultimi della serie, ovvero la Citroën Visa GTI e la Visa 14 TRS, che si contraddistinguono per esser stati i più acquistati nel corso del 1988, l'ultimo anno per la produzione di prodotti appartenenti alla famiglia Citroën Visa. Trovare una Citroën Visa nel mercato delle auto usate non è difficile: basta cercare l'occasione ed affidarsi a rivenditori professionisti.